HomeTagteatro Archivi - La Citta Immaginaria

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/08/aaadvdv.jpg

La drammaturgia di Natalia Ginzburg è stata oscurata dalla sua ben più nota produzione narrativa. Scrisse ben 11 testi teatrali in un arco di tempo che va dal 1965 al 1991. Fu un approdo tardivo al teatro, giustificato da un certo disagio che la scrittrice avvertiva verso un genere che considerava per lei inadatto. Incise molto anche il pregiudizio, diffuso all’epoca fra gli scrittori italiani, di considerare inferiore il teatro rispetto alla narrativa; la Ginzburg...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/08/wevevew.jpg

Ha debuttato il 24 Luglio al Premio Massimo Troisi di San Giorgio a Cremano, in provincia di Napoli, l’ultima commedia scritta e diretta da Eduardo Tartaglia, Quanto spazio tra di noi, interpretato insieme a Veronica Mazza, con Helen Tesfazghi, Ernesto Mahieux, Ivan Castiglione, Ernesto Lama e, per la prima volta in scena, la giovane Amalia Tartaglia. Veterano della narrazione, Eduardo Tartaglia porta in scena dal 1995 un vasto repertorio che lo vede protagonista in qualità...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/08/efefeweww.jpg

Il 25 e 26 giugno, nella cornice della sezione internazionale del Napoli Teatro Festival Italia, direzione artistica di Ruggero Cappuccio, è andato in scena alla Sala Assoli – nel cuore dei Quartieri Spagnoli – Finir en beauté, spettacolo rivelazione del Festival di Avignone nel 2015, scritto e diretto dall’artista francese di origini marocchine Mohamed El Khatib. Gli spettatori che si infilano nella sala dei Quartieri Spagnoli di Napoli per assistere allo spettacolo si trovano davanti...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/08/ujujukr.jpg

Gaetanaccio o Ghetanaccio è una maschera storica romana ispirata a un uomo realmente esistito, un burattinaio romano che si chiamava Gaetano Santangelo che nei primi trent’anni del 1800 girava con i suoi burattini cercando di sbarcare il lunario. Ed è proprio cosi che viene sempre inscenato, con il “casotto” di legno di burattini sulle spalle con il quale gira di piazza in piazza. A ricordo del carattere scanzonato del burattinaio romano, la maschera di Ghetanaccio...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/08/SCEVWE-min.jpg

«Il razzismo nei confronti dei vu cumprà è forse espressione dell’odio verso i padri che ritornano […] alla loro terra.[…]. Il nord sta cambiando colore: il processo è irreversibile. I neri stanno arrivando a frotte, vengono a scoprire “la loro Europa”. Anche Ravenna impari ad essere saggia e marocchina, come la sua vena più profonda, impari a dialogare con coloro che saranno, domani, i nuovi signori del pianeta». È parte del discorso che Marco Martinelli,...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/08/cwafafaefe.jpg

«Amleto è un ragazzo con la meningite che sogna ed ha delle apparizioni». Questa frase appare scritta a penna e in corsivo in una teca digitale interattiva all’interno di una mostra ospitata nel labirintico e a tratti spettrale Castel dell’Ovo di Napoli, la grande fortezza sul mare concepita per difendere la città dagli attacchi nemici e, secondo leggenda, tomba della Sirena Partenope. In questo luogo già visitato da molti demoni della storia, si è svolta la...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/07/qaqasqs.jpg

Il «so di non sapere» socratico sembra l’unica frase sensata che un turista o un cittadino può esclamare quando per l’ennesima volta scopre un dettaglio di Roma inedito. Il “dettaglio” in questione è un teatro che nel 1513 fu costruito sul Campidoglio ed ebbe una durata molto breve, di soli due giorni: il 13 e il 14 settembre. Quei due giorni furono però fatali per consacrarlo come il primo edificio teatrale d’epoca moderna. La storia...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/07/scfefefew.jpg

Al Teatro dei Dioscuri a Roma, vicino al Quirinale, si può visitare – fino a ottobre e con ingresso gratuito – una mostra dedicata a Massimo Troisi, la cui scomparsa è avvenuta 25 anni fa. L’esposizione rende omaggio all’anima poetica di un grande istrione, la quale trova espressione in tutte le sue manifestazioni artistiche, dal teatro al cinema. Si tratta di una mostra interattiva con schermi touchscreen, moltissime fotografie personali e pubbliche e un’installazione omaggio...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/07/sacfswfsaas.jpg

Vale la pena affrontare la torrida estate romana e visitare la mostra Artes Mechanicae di Luciano Minestrella – allestita presso il Teatro Valle – perché senza spendere un euro si può conoscere da vicino una tradizione artigianale e teatrale di elevata caratura. In mostra ci sono le riproduzioni in scala – ma funzionanti – di macchine sceniche progettate e realizzate da Minestrella per gli spettacoli della sua associazione Mirabilis Teatro Societas. Un plauso va alla...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/07/sacascaa.jpg

L’acqua ha un’innata natura spettacolare, siamo attratti dalle sue spontanee manifestazioni come cascate o onde alte metri. Questa sua caratteristica è stata sfruttata in diverse epoche dall’uomo che l’ha piegata alle sue esigenze di intrattenimento. E quando l’acqua diviene parte di uno spettacolo non lo fa mai per avere un ruolo marginale, di solito viene impiegata in grandi quantità perché è nell’incommensurabile che risiede la sua capacità di stupire e intrattenere. Franco Dragone è un...