HomeTagteatro Archivi - La Citta Immaginaria

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/03/700-gwen-ong-m3th3rIQ9-w-unsplash.png

I mesi di marzo e aprile si colorano di musica. Nove teatri d’Italia invitano il pubblico a restare a casa per godersi comodamente la visione e l’ascolto di alcune opere liriche, eseguite nelle stagioni precedenti, ora disponibili sui piccoli schermi.  Si tratta di video permanenti, dirette in streaming e podcast disponibili su YouTube, sui siti ufficiali dei teatri o in diretta sulle pagine social. La spinta entusiastica è stata lanciata dal teatro San Carlo di...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/12/fefefefeF.jpg

Antigone, figura mitologica audace e risoluta, sventurata ma appassionata e volitiva eroina protagonista dell’omonimo dramma sofocleo. Appartenente alla funesta stirpe dei Labdacidi; incestuosa e malaugurata prole di Edipo e della di lui madre, Giocasta, con la quale l’infausto sovrano tebano condivise involontariamente il talamo matrimoniale, dopo l’inconsapevole parricidio del suo predecessore, Laio.   Da quali genitori ebbi la luce! Presto sarò con loro, nubile e maledetta! Sofocle, Antigone   L’Antigone va ascritta al c.d. ciclo...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/12/wd3f32r423tgg.jpg

Ellen Terry era destinata al palcoscenico fin dalla nascita. Figlia d’arte, nacque nel 1847 e passò l’infanzia viaggiando assieme ai genitori, attori di provincia. Debuttò a soli 9 anni al London’s Princess’ Theatre nel ruolo di Mamillius ne A winter’s tale, e in seguito sviluppò il suo potenziale grazie a studi di recitazione e dizione, diventando di fatto un grande talento del teatro Vittoriano. Per quanto riguarda la sua vita personale, fu a dir poco...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/11/efefefewfw.jpg

Henry Irving nacque John Brodribb a Keinton Mandeville il 6 Febbraio 1838. Il padre era un mercante, mentre la madre proveniva da una famiglia della Cornovaglia. I genitori non disponevano dei mezzi necessari per consentirgli un’istruzione adeguata, che ottenne però grazie all’interesse di una zia, la quale lo accolse in casa propria. Quando i genitori si trasferirono a Londra, poté riunirsi a loro e frequentare una scuola. Durante questo periodo iniziò a interessarsi alla recitazione...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/10/ynyybyby.jpg

Tutti i miei riflessi erano spenti. Non pensavo affatto a uscire di lì. Lo stupore era tutto quello che restava di me – residuo mortale dopo il naufragio – in quel momento. Tuttavia accesi un altro cerino, per niente; voglio dire, meccanicamente. (Quando la luce si spegne, si accende un cerino, ecco tutto). Alfonso Sastre, Le notti lugubri   Alfonso Sastre fu uno dei drammaturghi più validi ed innovativi della scena spagnola del Dopoguerra, fautore...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/09/scdadc.jpg

Paola è un’attrice italiana in fuga all’estero che, intervistata da un noto quotidiano, descrive la difficoltà di vivere in Italia facendo teatro: «Che lavoro fai veramente?», le chiedono ancora. A Mosca invece con facilità le si sono aperte le porte di un’accademia che l’ha resa una stimata regista, mentre il circuito italiano è chiuso e inserirsi è sempre più difficile. Si stupiscono i moscoviti della contorta capacità di noi italiani di ostacolare la valorizzazione delle...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/09/fegrwgrew.jpg

Fondatore e direttore del NoGravity Theatre, Emiliano Pellisari è l’outsider della scena contemporanea, emblema di un “modo” teatrale inclassificabile e inclassificato, sperimentatore della tecnica NoGravity da lui stesso creata e brevettata. Il favoloso mondo NoGravity rimanda alla raffigurazione del movimento in assenza di gravità. Musicisti, interpreti, cantori, danzatori, acrobati, pezzi di scenografia, oggetti di scena si librano senza peso in un etere indefinito in cui non esistono direzioni ovvero in cui tutte le direzioni sono...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/09/700-aziz-acharki-cABs_SSYua0-unsplash.jpg

«Il testo che ho scritto tematizza l’evento concerto in quanto tale. William Shakespeare in persona chiede a Prospero di mettere in scena un concerto basato su musiche tratte dalla sua arte nel corso della storia. Per fare ciò organizza tutto affidando la parte musicale a Prospero e chiedendo ai personaggi dello spettacolo, che sono sue creature, di prendervi parte». Come spiega Mauro Angeloni, scrittore del testo teatrale e corista, William’s stars sarà un concerto non...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/09/efrgg.jpg

Quando cupi ammassi di nuvole nascondono dalla vista il cielo, quando nell’aria il tuono sparge il brontolio assordante, tutti si sentono giocattoli alla mercé d’un fato non benigno. Ma pure da un cielo interamente sgombro può scaturire un lampo; per questo, persino nei momenti di maggior felicità, devi sempre paventare che la malefica sciagura non ti sia lontana. Non devi attaccarti con tutti i sentimenti ai beni della terra, che sono passegeri! Chi ha, deve...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/08/dvdvd.jpg

«Sognavo, guardando le luci accese dietro le finestre, ogni volta che camminavo verso casa nel freddo inverno del Nord». Questo il primo ricordo del regista scozzese Matthew Lenton a proposito della nascita dell’opera teatrale Interiors, una creazione originale di Vanishing Point di Glasgow – la compagnia teatrale di cui Lenton è fondatore e direttore artistico – che, a dieci anni dal primo allestimento realizzato per il Napoli Teatro Festival, è tornato in scena con debutto...