HomeTagrubriche Archivi - La Citta Immaginaria

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/10/safefewt2.jpg

Sappiamo quanto possa essere suggestiva una figurazione ed evocativa una composizione testuale; ma cosa accade quando parole e immagini si uniscono, creando connessioni tra arti e artisti diversi e distinti? Avviene una sorta di incanto emotivo, l’abbraccio di una comunicazione che è molteplice e stimolante. Un momento di estati teso all’immaginazione e alla contemplazione. Per questo abbiamo provato ad accostare allo splendore dei quadri la potenza dei versi; e viceversa. Un piccolo itinerario di bellezza...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/10/scsafsafa.jpg

«Poema loquens pictura, pictura tacitum poema». Simonide di Ceo   In antitesi ai rumori del traffico e dell’attività frenetica di Roma, lo studio di Massimo Ruiu conduce in un incanto lirico continuo. Dalla caoticità della strada si varca una soglia avvolta da un cielo dipinto, abitato da uccelli variopinti: un luogo di grazia ed eleganza neoclassica donato dall’artista agli abitanti e agli ospiti del palazzo all’Esquilino in cui ha sede il suo atelier. La poetica...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/10/wfewfefew.jpg

Vengono dedicate canzoni a dettagli, stati d’animo, città, avvenimenti storici; ma cosa avviene quando la fonte d’ispirazione è lo stesso strumento che ci permette l’espressione? Succede che, in un mix di commozione e magia, la potente e antica pratica della scrittura viene celebrata come un’innamorata, come una salvatrice. È quello che dichiara Caparezza in China Town: l’autore descrive il suo rapporto con la scrittura e il viaggio spirituale che lo conduce alla città della china....

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/10/ddddd.jpg

La passione di Giovanna d’Arco è un film muto del 1928; il regista danese Carl Theodor Dreyer inizia a interessarsi al personaggio di Giovanna nel 1924, anno in cui la martire viene canonizzata. Tutti conosciamo Giovanna, la sua storia e la sua tragica morte, eppure Dreyer non ha voluto cavalcare l’onda narrativa già esistente, preferendo invece una trasposizione diversa, originale, più “intima”. Basandosi sulle parole trascritte nel verbale del processo (conservato nella Biblioteca della Camera...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/09/scsssw.jpg

Sardonico, elegante, a volte irriverente. Pungente, con un occhio lucido sulla realtà, profondo, assolutamente originale. Quando i maturandi del 2017 lo trovarono in prima prova, molti si chiesero: «Ma chi è costui?» e questo episodio gli ha gettato senz’altro un fascio di luce che prima aveva solo per alcuni lettori/studiosi di nicchia. Ma Giorgio Caproni, grande poeta del Novecento, va indagato ed esplorato in tutta la sua straordinaria poetica. Di seguito riportiamo tre delle sue...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/09/dvdvdvd-1280x700.jpg

Ogni canzone nasconde degli aneddoti non sempre del tutto (e a volte affatto) percepibili all’ascolto; spesso sono gli stessi autori a svelarli anni dopo durante un concerto o un’intervista. La canzone italiana nella fattispecie ha dipinto nell’immaginario degli ascoltatori scenari narrativi quasi cinematografici. Guccini, De Gregori, De André (e molti altri ancora) non ci hanno lasciato solo spartiti, poesie e sentimenti; ci hanno lasciato delle vere testimonianze: storie che raccontano la realtà e che restituiscono...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/09/efefefew.jpg

«Certe cose si possono dire con le parole, altre con i movimenti. Ma ci sono anche dei momenti in cui si rimane senza parole, completamente perduti e disorientati, non si sa più che fare. A questo punto comincia la danza». Pina Bausch (Laurea Honoris Causa a Pina Bausch, Alma Mater Studiorum, Università degli Studi di Bologna, 25 novembre 1999, Facoltà di Lettere e Filosofia, Bologna 1999)   La danza nel mondo occidentale, da sempre, veicola...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/09/fdbrrere-1280x700.jpg

È stata pubblicata lo scorso marzo dalla casa editrice Rizzoli l’opera prima della cantautrice Maria Antonietta, nome d’arte di Letizia Cesarini – classe 1987 – che ha esordito nel panorama italiano musicale nel 2012 con l’album Maria Antonietta prodotto da Dario Brunori (Brunori Sas). A seguito di altri due album (Sassi, 2014 e Deluderti, 2018) questa ragazza imperdonabile ha voluto rendere omaggio alle sue “sorelle maggiori”, come lei le ha definite; donne straordinarie (e per...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/09/efewgewg.jpg

Aristotele, considerato insieme a Platone e Socrate uno dei padri del pensiero della filosofia occidentale, è stato oltre che filosofo anche scienziato e logico. Nato nel 384 a.C. a Stagira, l’attuale Stavro, è morto nel 322 a.C. Diogene Laerzio ne riporta il testamento: «Andrà senz’altro bene, ma qualora capitasse qualcosa, Aristotele ha steso le seguenti disposizioni: tutore di tutti, sotto ogni aspetto, dev’essere Antipatro; però, Aristomene, Timarco, Ipparco, Diotele e Teofrasto, se è possibile, si prendano cura...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/09/vdvedv.jpg

Il giardino de La Serpara, a Civitella D’Agliano, è un microcosmo equilibrato in cui le opere d’arte e la natura vivono in una reciproca concordanza. Il giardino riassume l’estetica, il sentimento della Natura, la vita, i viaggi, gli incontri e le storie del suo artefice: l’artista svizzero Paul Wiedmer nel fervente clima artistico degli anni ottanta, insieme alla moglie Jacqueline Dolder, sceglie questa radura incontaminata come proprio luogo di vita, di lavoro, dove creare ricordi...