HomeTagrubriche Archivi - La Citta Immaginaria

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/01/grgrgrger.jpg

Rinomato per aver rinverdito il linguaggio narrativo italiano, Tondelli in realtà fu anche un vivace promotore di giovani talenti; nel 1985, mentre era impegnato nell’indagine sulla condizione giovanile per conto della rivista Linus, lo scrittore decise di lanciare una proposta agli under 25: l’opportunità di esprimersi a tutto tondo, purché fosse attraverso la forma narrativa. Un progetto a metà strada tra «un’ipotesi di sociologia culturale e un’indagine letteraria», per dirla con le sue stesse parole....

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/01/dacdvdsvds-1280x700.jpg

La storia di Perceval e del Graal ci giunge principalmente grazie a Chrétien de Troyes, che da molti viene considerato il vero e proprio “inventore” del Graal letterario. Nel romanzo Perceval o il racconto del Graal (1175-1190 ca.), l’ingenuo Perceval giunge alla corte di Artù da un luogo sperduto nel Galles per diventare cavaliere, e sul suo cammino corteggia una damigella in una tenda, sottraendole un anello e del cibo. Uccide poi il cavaliere vermiglio,...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/01/adsfegewgw.jpg

Il romanzo cavalleresco di lingua francese si formò nella seconda metà del XII secolo. Le premesse per il cosiddetto ciclo bretone furono poste dall’opera Historia Regum Britanniae (1136) di Goffredo di Monmouth, in cui vengono trattate le leggende arturiane e che fu tradotta in francese da Wace. Questa opera oggi agli studiosi appare colma di inaccuratezze storiche, e venne commissionata dal re Enrico II per ricollegare la sua stirpe direttamente ad Enea, e quindi nobilitare...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/01/safefeg.jpg

Quella che segue è la prima puntata di una nuova rubrica. L’abbiamo intitolata “Occhiatine” perché si tratta di rapidi sguardi su questioni di attualità cinematografica e conseguenti riflessioni personali. Una modalità molto in voga sulle riviste settoriali degli anni passati, che qui si intende rispolverare. Comincio da uno spoiler: Rey muore e poi torna in vita. E si tratta di una solamente delle molte resurrezioni presenti in L’ascesa di Skywalker. Abbiamo così tanti morti che...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/12/efefefewf.jpg

È possibile parlare di ogni cosa attraverso il coinvolgente supporto della musica; di ogni cosa e di ogni tipo di amore. Ce lo dimostra Lorenzo Baglioni, giovane professore e cantautore alla ribalta, che nella canzone L’arome secco sé racconta le percezioni e l’emozione palpitante di Marco, un ragazzino dislessico che si ritrova a dover fronteggiare il disturbo di apprendimento e, contemporaneamente, il primo grande turbamento amoroso. Il testo, di una tenerezza avvolgente, ci aiuta ad...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/12/ascasaa.jpg

Ramón María del Valle-Inclán (1870-1935) nacque e morì a Villanueva de Arousa (Galizia). Letterariamente occupa il periodo tra il Modernismo spagnolo e la cosiddetta Generazione del ’98. Rivelò qualità di grande scrittore già nella prima giovinezza, pubblicando articoli e novelle in testate di Madrid, ma la sua fama fu soprattutto di romanziere (ricordiamo Sonata de otoño e Cara de Plata). Nella sua produzione letteraria solitamente vengono distinte tre tappe: la prima, detta “spagnola”, fino alla creazione di Jardin...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/12/dvegrewrg4gt.jpg

Cresciuto nella florida e stupefacente bellezza del meridione, tra i monti rocciosi e gli arbusti spugnosi, i colori antichi dei frutti e delle pietre, in una terra che è ricchezza e miseria; di umili origini e di animo nobile, dallo sguardo acuto e dal cuore virtuoso, Rocco Scotellaro viene eletto sindaco di Tricarico nel 1946, a soli ventitre anni (verrà infatti chiamato il “sindaco bambino”). La sua – purtroppo poco conosciuta – produzione poetica è...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/12/qfqefegewgw.png

Nella letteratura incontriamo concretamente questo misterioso personaggio in un romanzo gotico del 1820 dello scrittore irlandese Robert Maturin, intitolato Melmoth the Wanderer. È un romanzo composto da varie storie, che assieme permettono di ricostruire la vita di Melmoth. In questo caso Melmoth è un essere immortale e tentatore, nonché portatore di sventura. Il “Wandering Jew” o “Ebreo Errante” è però un personaggio che vive tra storia e leggenda già da molti secoli. Le prime testimonianze...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/12/RIDOTTA-1280x700.jpg

Il nuovo libro di Lorenzo Soave, Il Terrore nell’Arte (edito da Palombi Editori), è un viaggio attraverso i secoli all’interno di un percorso storico artistico che indaga la paura dell’ignoto, dell’occulto, il terrore per le forze ultraterrene; è uno studio che si addentra nella superstizione, nei riti, nella scienza, nella rappresentazione dell’aldilà, in ciò che appare eccezionale, impressionante, alieno. Mostri, streghe, fantasmi, vampiri, lupi mannari, creature demoniache e spaventose popolano e hanno popolato l’immaginario dell’umanità fin...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/12/eefefewfewf.jpg

Non c’è più nessuno che conosca l’arte del conversare, cioè del discutere. Conversazione è dialogo: invece oggi non c’è che qualche monologhista. Dialogare è entrare ognuno nel solco di ciò che ha detto l’altro, e di qui proseguire un tratto, o perfezionare quel solco; dialogo insomma è collaborazione. Invece i conversatori odierni, appena offrite loro un’obiezione – o magari una illuminazione e conferma – a ciò che hanno detto, vi guardano un momento stupefatti, come...