HomeTagrubriche Archivi - La Citta Immaginaria

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/03/dsvgrge.jpg

Piccolo, sottile, prezioso; nascosto su uno scaffale alto, impolverato, mimetizzato tra gli altri libri. Ha saputo incatenare a sé una curiosità bambina come la carrolliana boccetta che suggeriva ad Alice: «Bevimi!»; ed è bastato tenerlo nelle mani riunite a conca per percepire la freschezza antica che mi avrebbero dato quelle parole – le sue parole – più ristoratrici di una sorsata d’acqua. A fine lettura ho appuntato sulla prima pagina, dolcemente ingiallita, «È stato bello...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/03/ascsacascas.jpg

Nata Callie Russell Porter a Indian Creek (Texas) nel 1890, Katherine Anne Porter è stata una scrittrice e giornalista americana. I suoi genitori si erano trasferiti in Texas prima della guerra civile e la madre morì di parto quando Katherine aveva solo due anni. Venne educata dalla nonna paterna, donna dai forti valori puritani che le raccontava spesso storie di famiglia che si ricollegavano alla guerra e furono le prime fonti di ispirazione a cui...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/03/700-flute-4006386_960_720.jpg

Il flauto è uno strumento musicale a fiato a canna cilindrica, in legno o in metallo, su cui sono praticati dei fori. Le note si ottengono con il frazionamento della colonna d’aria mediante l’apertura o chiusura dei fori. Per il timbro che rammenta quello del flauto sono detti “suoni flautati” o “note flautate” gli armonici ottenuti negli strumenti ad arco. All’interno dei flauti, si possono distinguere tre principali categorie: i flauti dritti, i flauti traversi...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/03/wdwdwqdwqd.jpg

Ho deciso di dare un senso alla mia quarantena: la mia quarantena sarà di genere, mi son detta. Fortunatamente ho due abitudini che in questi giorni si sono rivelate salvifiche; la prima: fare scorte di libri. Nella mia libreria ci sono almeno venti libri che non ho letto (e che presto leggerò!). La seconda: comprare i vecchi libri alle bancarelle. Per me i libri datati, ingialliti e vissuti hanno un fascino unico (nonostante abbia qualche...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/03/gdgrgergere.jpg

La forma compiuta delle scienze dev’essere poetica. Novalis   La rivista letteraria on–line LaRecherche.it nata da un’idea di Giuliano Brenna e Roberto Maggiani, tra le numerose iniziative promosse, nel mese di ottobre ha lanciato l’invito a partecipare a un’antologia tesa a indagare il rapporto tra arte e scienza; gli autori, attraverso un contributo (poetico, narrativo, saggistico, artistico) hanno dovuto interpretare, discutere o mostrare la relazione tra le due, «entrambe espressione della nostra capacità simbolica, cioè...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/03/eefewgfewg.jpg

Gilgamesh è un eroe dell’epica Mesopotamica, in parte divinità in quanto figlio di una déa e di un re. Egli è protagonista di almeno cinque composizioni epiche sumeriche e di un poema accadico di cui ci sono giunti frammenti in lingua ittita e urrita: L’Epopea di Gilgamesh. Quest’opera ha avuto una grande influenza, non solo per la cultura dell’Antico Oriente, in quanto è il primo poema epico registrato nella storia dell’umanità. Il nucleo di questa...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/02/scascascsa.jpg

Per Chrétien de Troyes, una rielaborazione critica dell’intreccio di Tristano e Isotta fu la base di partenza per la realizzazione di Cligès. Questa opera è infatti, insieme a Erec e Enide, una critica consapevole al modello del mondo tristaniano. In Erec e Enide sono numerosi i tratti che fungono da repliche negative a Tristano e Isotta, per esempio l’atteggiamento di Enide nei confronti dei nobili che cercano di ottenere il suo amore è opposto a...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/03/efefweffw.jpg

Uscito nelle sale in un momento poco felice, Volevo nascondermi di Giorgio Diritti ha il pregio di raccontare una diversità come se fosse la normalità (e come, in verità, dovrebbe essere). L’infanzia drammatica, la povertà, il temperamento irrequieto, lo scherno dei coetanei, l’isolamento: Antonio Ligabue sembra solo uno dei tanti miserabili; ma non è così. Capiamo la sua unicità in una scena emblematica: l’incontro con la pittura. Ligabue guarda con curiosità prima le tele dipinte,...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/03/ssafaefeawfew.jpg

Il cinefilo è un pazzo perché sente le voci. Nel senso che i film, nella sua testa, finiscono col parlarsi. Un esempio: l’altra sera stavamo guardando Il gusto del sakè (1962) e quando improvvisamente due vecchi si prendono gioco della proprietaria del locale inscenando la morte del loro compagno, abbiamo pensato ad Amici miei (1975). La goliardia che esorcizza la paura. *** Idea per un soggetto satirico: una bambina rifugge la governante correndo più volte...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/02/eqefewfewf.jpg

Il pianoforte è uno strumento musicale a corde nato alla fine del Seicento dalla fusione del clavicembalo col clavicordo, per opera di un italiano, il liutaio padovano Bartolomeo Cristofori.  Le corde metalliche dello strumento sono percosse da martelletti azionati a loro volta da tasti che sono premuti dalle dita dell’esecutore. Le corde metalliche, tese su un telaio sempre di metallo, sono collocate dentro una cassa di legno a forma d’arpa disposta orizzontalmente (il cosiddetto pianoforte...