HomeTagrecensioni Archivi - La Citta Immaginaria

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/12/scsafafaf.jpg

Con le nomination per i Golden Globe si apre ufficialmente la awards season, la stagione dei premi che a Hollywood è forse l’evento più atteso dell’anno. Martedì 10 dicembre sono stati annunciati i candidati per ricevere i prestigiosi Golden Globe, i premi televisivi e cinematografici che vengono assegnati dalla Hollywood Foreign Press Association, un’associazione che riunisce i giornalisti internazionali che si occupano di cinema e tv. La cerimonia di premiazione si terrà il 6 gennaio...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/12/Tommaso-Landolfi.jpg

Il gioco fra elementi reali e surreali, grotteschi, fra discettazioni filosofiche e viva ironia è l’esercizio letterario tipico di uno scrittore novecentesco: Tommaso Landolfi. Collaborando ad alcune riviste, esordisce con il Dialogo dei massimi sistemi, una raccolta di sette racconti che descrivono situazioni imprevedibili ed inspiegabili. Lo stesso avviene ne La pietra lunare, un romanzo in cui si evince il senso di paura e di orrore dell’uomo nei confronti del mondo e che l’autore cerca...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/12/dfefewfewfEW.jpg

La malattia d’amore è un tema fondamentale all’interno dei romanzi medievali. Pur appartenendo a un così lontano passato, essendo essa relativa a un sentimento tra i più comuni nell’essere umano possiede alcuni tratti che rimangono fortemente attuali. Questo fenomeno, come ci suggerisce il nome stesso, durante il Medioevo veniva considerato una vera e propria malattia, i cui tratti tipici erano inappetenza, palpitazioni, sospiri, irrequietezza generale e insonnia. Venivano anche consigliate dagli stessi medici, in vari...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/12/IMG_20191207_185826_1RID.jpg

La mostra Sublimi Anatomie al Palazzo delle Esposizioni – a cura di Andrea Carlino, Philippe Comar, Anna Luppi, Vincenzo Napolitano, Laura Perrone – traccia un percorso a raggiera in sette sale espositive che si irradia a partire dalla rotonda del Palazzo, ora teatro anatomico dal quale si ravvisano e si fondano riflessioni e dibattiti, performance e studi ermeneutici vecchi e nuovi sulla natura del corpo umano. Arte e scienza rivelano e disaminano il corpo nel...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/12/aefefefewfefe.jpg

La letteratura vittoriana vide tra i propri elementi costitutivi la nascita del cosiddetto monologo drammatico, ovvero un monologo in versi, in cui la voce dell’io poetico e quella dell’autore non coincidono: il poeta fa esprimere quindi a questo soggetto i propri sentimenti più reconditi. Inventore di questo particolare espediente lirico, assieme ad Alfred Lord Tennyson, fu Robert Browning, vissuto tra il 1812 e il 1889. Figlio di una famiglia benestante, ricevette la propria educazione privatamente...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/12/rgrgrw.jpg

La Biblioteca Casanatense fu istituita dai padri domenicani del Convento di Santa Maria sopra Minerva a Roma come biblioteca di pubblica utilità per volere del cardinale Girolamo Casanate (Napoli 1620 – Roma 1700) che, con testamento del 5 ottobre 1698, dispose il lascito a favore dell’ordine di circa 25.000 volumi, oltre ad una somma pari a 160.000 scudi che dovevano servire al mantenimento e all’accrescimento della istituenda biblioteca. Le disposizioni testamentarie prevedevano inoltre l’invito a...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/12/wd3f32r423tgg.jpg

Ellen Terry era destinata al palcoscenico fin dalla nascita. Figlia d’arte, nacque nel 1847 e passò l’infanzia viaggiando assieme ai genitori, attori di provincia. Debuttò a soli 9 anni al London’s Princess’ Theatre nel ruolo di Mamillius ne A winter’s tale, e in seguito sviluppò il suo potenziale grazie a studi di recitazione e dizione, diventando di fatto un grande talento del teatro Vittoriano. Per quanto riguarda la sua vita personale, fu a dir poco...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/12/sacscascasc.jpg

L’opera che, nel panorama della letteratura trecentesca, inaugura un vero e proprio genere, quello dei “libri di viaggio” è sicuramente Il Milione di Marco Polo. Nata durante gli anni di prigionia che seguirono alla cattura di Marco Polo, nel corso di uno scontro navale fra Veneziani e Genovesi, l’opera fu dettata a Rustichello da Pisa il quale scrisse utilizzando la lingua più diffusa del tempo, dopo il latino: la lingua d’oil. Conosciuto inizialmente come Divisament...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/11/efefefefef.jpg

Vi è uno scrittore duecentesco che è stato paragonato ad alcuni altri del secondo Ottocento per temi piuttosto simili: il rifiuto dei valori tradizionali principalmente, la propensione al vizio nella propria condotta e il relativo compiacimento, la scelta di una vita misera ed errabonda; figure tipiche di questo maledettismo sono infatti scrittori come Baudelaire, Verlaine, Rimabaud e, ancora, in Italia, il gruppo degli Scapigliati come Praga, Tarchetti, Boito. Stiamo parlando di Cecco Angiolieri, lo scrittore...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/12/efefefefewf.jpg

Nota in tutto il mondo come uno dei capolavori indiscussi della storia dell’arte, la Cappella Sistina in Vaticano prende il nome da papa Sisto IV della Rovere (pontefice dal 1471 al 1484) che tra il 1477 e il 1480 fece ristrutturare a Giovannino de’ Dolci su disegno di Baccio Pontelli l’antica Cappella Magna. Si tratta di un ambiente rettangolare illuminato da sei grandi finestre e coperto da volta a botte ribassata, divenuta la “tela” sulla...