HomeTagrecensione letteratura Archivi - La Citta Immaginaria

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/01/fhjtykjt.jpg

Chrétien de Troyes è uno dei maggiori autori del romanzo cavalleresco. Egli ha scritto cinque opere principali, ma per molti il Perceval o il racconto del Graal (1175-1190 ca.), rimasto incompiuto, è il romanzo più interessante. Vi sono varie teorie sull’origine di questo intreccio, ma ciò che è interessante notare è come con quest’opera avvenne in Chrétien un serio mutamento ideologico, che però non è in contrasto con le ideologie delle sue opere precedenti, semplicemente...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/01/dfgfgrg.jpg

Elizabeth Siddal, prima di essere la Beatrice di Rossetti, è l’Ofelia più celebre nella storia dell’arte. L’allora diciannovenne Lizzie posò per John Everett Millais immersa nell’acqua completamente vestita e, nonostante gli accorgimenti del pittore, che aveva posto sotto la vasca delle lampade ad olio, il risultato fu un grave raffreddore per la fanciulla. Malgrado il retroscena così poco poetico, l’esito ottenuto è uno dei dipinti più noti ed evocativi dell’arte moderna: il volto di Ofelia...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/01/grgrgrger.jpg

Rinomato per aver rinverdito il linguaggio narrativo italiano, Tondelli in realtà fu anche un vivace promotore di giovani talenti; nel 1985, mentre era impegnato nell’indagine sulla condizione giovanile per conto della rivista Linus, lo scrittore decise di lanciare una proposta agli under 25: l’opportunità di esprimersi a tutto tondo, purché fosse attraverso la forma narrativa. Un progetto a metà strada tra «un’ipotesi di sociologia culturale e un’indagine letteraria», per dirla con le sue stesse parole....

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/01/dacdvdsvds-1280x700.jpg

La storia di Perceval e del Graal ci giunge principalmente grazie a Chrétien de Troyes, che da molti viene considerato il vero e proprio “inventore” del Graal letterario. Nel romanzo Perceval o il racconto del Graal (1175-1190 ca.), l’ingenuo Perceval giunge alla corte di Artù da un luogo sperduto nel Galles per diventare cavaliere, e sul suo cammino corteggia una damigella in una tenda, sottraendole un anello e del cibo. Uccide poi il cavaliere vermiglio,...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/01/dsafeasfeaf.jpg

«Without contraries is no progression» («senza opposti non vi è alcun progresso»), è dichiarato all’inizio di The Marriage of Heaven and Hell (Il matrimonio del Cielo e dell’Inferno, 1790-93), opera in prosa del padre della poesia visionaria: William Blake (1757-1827). Egli fu sempre affascinato dalla questione dei contraries, ovvero della duplice visione delle cose. Gli elementi opposti del mondo sono chiamati a essere parte integrante del Tutto, della Creazione divina: «Attraction and Repulsion, Reason and...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/01/dvdvdsvsvs.jpg

Ad ispirare il suo capolavoro assoluto – “kafkiano”, possiamo dire – sarà la guerra e, in generale, il mondo militare con tutti gli apparati di cui è costituito. Dino Buzzati, infatti, chiamato per la leva, si iscrive alla scuola per ufficiali della caserma Teuliè di Milano, pur soggiornando a lungo in altri campi. Dopo Barnabò delle montagne, parabola esistenziale di un guardiaboschi, e Il segreto del bosco vecchio, narrazione fantastica di un fanciullo rimasto orfano,...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/01/ddedeesgrf.jpg

I risvolti semantici del termine “memoria” riconducono al suo omofono latino, l’avo che ne ha condizionato non solo l’impianto, ma anche la memoria, appunto. Il significato basilare, e ancora oggi diffuso, è ovviamente quello di “ricordo”. Ma già nel greco antico il sostantivo mnē-mē e il verbo mi-mnē-skō condividevano il grado zero del radicale, con l’aggiunta dell’eta per il fenomeno della paragoge. Un parallelismo suffissale di non minore portata speculativa era offerto, del resto, da...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/01/adsfegewgw.jpg

Il romanzo cavalleresco di lingua francese si formò nella seconda metà del XII secolo. Le premesse per il cosiddetto ciclo bretone furono poste dall’opera Historia Regum Britanniae (1136) di Goffredo di Monmouth, in cui vengono trattate le leggende arturiane e che fu tradotta in francese da Wace. Questa opera oggi agli studiosi appare colma di inaccuratezze storiche, e venne commissionata dal re Enrico II per ricollegare la sua stirpe direttamente ad Enea, e quindi nobilitare...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/01/wefefewfer.jpg

«All’ombra de’ cipressi e dentro l’urne / confortate di pianto è forse il sonno / della morte men duro?». Con questi celebri foscoliani versi sarebbe il caso di iniziare a parlare di uno dei luoghi più suggestivi della Capitale, dove tante personalità di artistico rilievo, italiani e non, hanno trovato il loro eterno giaciglio. Le tombe del cimitero acattolico di Roma sono sovrastate dalla Piramide Cestia, eretta nel I secolo a.C. come monumento funebre del...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/01/feefewfewfew-1280x700.jpg

Esce di scena il 2019 ed è proprio sul finire dell’anno che nelle sale è uscita l’ultima pellicola del regista Matteo Garrone: Pinocchio. Pur fra varie critiche, il film – che vede Roberto Benigni nel ruolo di Geppetto – si ispira fedelmente al modello letterario di Carlo Lorenzini, in arte Carlo Collodi. Pubblicato a puntate sul Giornale per i bambini, il libro Le avventure di Pinocchio ebbe un successo mondiale. È un libro per infanti,...