HomeTagrecensione archeologia Archivi - Pagina 2 di 6 - La Citta Immaginaria

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2021/05/jjj-2.jpg

L’odierna provincia di Varese è stata istituita nel 1927 ed è stata delimitata seguendo motivazioni amministrative, non correlate all’organizzazione etnico-territoriale degli antichi. Rispetto agli insediamenti antichi di epoca preromana, è presente Golasecca, sito da cui prende il nome la cultura della prima Età del Ferro, ma non Castelletto Ticino (in provincia di Novara), importante centro della cultura golasecchiana, o Canegrate (in provincia di Milano), insediamento che nel Bronzo Recente presentava caratteri protogolasecca. Dalle fonti letterarie...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2021/05/jjjjj.jpg

Fin dall’inizio dell’Età del Ferro, l’area veneta e la regione slovena della Dolenjska sono state strettamente collegate. Nell’ambito ideologico si notano delle analogie nelle decorazioni degli oggetti della cultura materiale: la più celebre espressione della componente spirituale è rappresentata dall’arte delle situle. Nel caso di oggetti di manifattura simile è possibile ipotizzare quali siano le officine di provenienza, in base a dettagli iconografici oppure in base a dettagli tecnici e forme caratteristiche per le due...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2021/05/bbb.jpg

I suoni che le lettere etrusche esprimono possono essere compresi perché il sistema di scrittura utilizzato è un adattamento di quello che, a partire dal IX secolo a.C., circolava nel Mediterraneo. Secondo le testimonianze delle fonti scritte latine lasciateci da Tacito e Plinio, la scrittura fu introdotta in Etruria nella seconda metà del VII secolo a.C. per opera del corinzio Demarato; eppure, le più antiche iscrizioni – nelle quali si avverte la coesistenza di segni...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2021/05/wefwegfwegfwewe.jpg

L’Anfiteatro Morenico d’Ivrea, solcato dalla Dora Baltea, si è formato nel corso del Pleistocene da nove eventi di avanzata dei ghiacciai provenienti dalla Val d’Aosta. Durante l’ultimo pleniglaciale, i ghiacci ricoprirono solamente il sistema di colline rocciose nella parte settentrionale dell’Anfiteatro Morenico, creando una serie di cinque laghi ancora attivi e di due intorbati. Il lago Pistono, nel territorio comunale di Montalto Dora, raggiunge una profondità di 16 metri, ma oggi è più alto di...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2021/04/wegrgwergwrg.jpg

Il sito di Lugo di Grezzana, situato ai piedi dei Monti Lessini (in provincia di Verona), ha restituito un importante abitato attribuibile alla cultura di Fiorano, interpretato come luogo di lavorazione e distribuzione della selce. Il deposito archeologico si situa a quota 280-305 metri sul livello del mare, su di un terrazzo fluviale del torrente Progno. L’area è caratterizzata dal rinvenimento di strutture stabili e articolate con funzioni abitative e artigianali. La fase più antica è...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2021/04/rgthwrt5wh.jpg

L’abitato di Sorgenti della Nova – situato in provincia di Viterbo, nel cuore dell’Etruria meridionale, al confine tra Lazio e Toscana – risulta articolato secondo una diversificata tipologia costruttiva; infatti sono presenti sia grotte artificiali, sia abitazioni a pianta ellittica con fondazioni su canalette, sia una struttura a fossato monumentale, e anche alcune capanne a base incassata, scavate nella roccia di base. Il sito si ergeva su una rupe di origine vulcanica, con versanti scoscesi,...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2021/04/fededesgs.jpg

Il Vaso o Bicchiere Campaniforme è un fenomeno che interessa tutta l’Europa e prende il nome dal caratteristico recipiente che ricordava agli archeologi dell’Ottocento una campana rovesciata. Esso presenta un profilo solitamente sinuoso e veniva realizzato con un impasto ceramico fine, spesso dal colore rossastro. La caratteristica di maggior rilievo è la ricchissima decorazione, quasi sempre disposta a fasce orizzontali, ottenute con la tecnica a cordicella, a pettine o a incisione, e organizzata secondo differenti...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2021/04/fffff.png

In Italia si nota l’utilizzo di forme di scrittura a partire dall’VIII secolo a.C., probabilmente acquisite grazie all’influsso delle genti greche che colonizzavano le coste della penisola e rielaborate dalle diverse popolazioni per adattarlo alle decine di lingue presenti. I reperti rinvenuti dal VII secolo a.C., prevalentemente nell’Italia centrale, documentano una varietà di linguaggi o dialetti che andranno a scomparire in seguito all’espansione romana e alla conseguente unificazione linguistica. Di alcune lingue non abbiamo altro...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2021/03/u6utuytuty.jpg

L’Età del Ferro in Italia centro meridionale, Sicilia e Sardegna copre un periodo che va dal 1000 a.C. al 725 a.C. circa, mentre nell’Italia settentrionale prosegue per altri 200 anni. In questa età i rapporti commerciali con l’ambiente egeo sono sempre più intensi, come attestano le importazioni di ceramica greca lungo le coste (dall’Etruria alla Campania) e la fondazione di colonie greche e fenicie nel corso dell’VIII secolo a.C. sia in Italia che in altre...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2021/03/ertgerge.jpg

Durante i lavori di costruzione di un impianto di produzione di energia a biogas a Concordia Sagittaria (in provincia di Venezia) sono emerse tracce estensive di una frequentazione di età preistorica collocabile nel tardo Neolitico. A sud della città, il fiume Lemene forma due grandi anse nel suo percorso verso il mare e l’abitato si collocava all’interno della prima ansa. Dal VI-IV millennio a.C. è attestata la presenza nell’area di acque salmastre, che penetravano fino...