HomeTagpoesia Archivi - La Citta Immaginaria

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/06/ddfsefsfger.jpg

«Che cosa è l’uomo? dove cerchi i suoi segni? è il barometro, l’architettura barocca, il fazzoletto: non c’era il pane, nemmeno, una volta, né i tarocchi, né i fotoromanzi, né il letto»   Con questi versi di Ballata dell’automa si riassume una delle tecniche più utilizzate nella poesia di Edoardo Sanguineti, romanziere, poeta e critico letterario genovese scomparso dieci anni fa. Nell’assemblage, questo il nome dell’espediente lirico impiegato, degli oggetti, o anche solo dei segni...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/02/cscascascas.jpg

«Questo sentimento popolare nasce da meccaniche divine», canta Battiato; e non a caso abbiamo un repertorio meraviglioso di canzoni e poesie d’amore. Per festeggiare il giorno degli innamorati, riportiamo di seguito tre tra le più significative liriche amorose. Dedicatele a chi amate leggendole con il cuore. Buon San Valentino!   Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale e ora che non ci sei è il vuoto ad ogni gradino. Anche così è...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/01/ddvdsdss.jpg

«Io mi sento così buono, così tenero, così dolce, che la mia vita fugge lenta e soave, e s’inazzurra, e s’inciela». Con queste favolose immagini Sergio Corazzini raccontava in una lettera all’amico Alfredo Tusti dell’infatuazione avuta per una fanciulla. Si potrebbe dire che questa sensazione della vita che «fugge lenta e soave» abbia colmato tutta la sua breve esistenza, durata appena ventuno anni. Corazzini nasce a Roma nel 1886 e a causa di problemi finanziari...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/12/dvegrewrg4gt.jpg

Cresciuto nella florida e stupefacente bellezza del meridione, tra i monti rocciosi e gli arbusti spugnosi, i colori antichi dei frutti e delle pietre, in una terra che è ricchezza e miseria; di umili origini e di animo nobile, dallo sguardo acuto e dal cuore virtuoso, Rocco Scotellaro viene eletto sindaco di Tricarico nel 1946, a soli ventitre anni (verrà infatti chiamato il “sindaco bambino”). La sua – purtroppo poco conosciuta – produzione poetica è...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/09/scsssw.jpg

Sardonico, elegante, a volte irriverente. Pungente, con un occhio lucido sulla realtà, profondo, assolutamente originale. Quando i maturandi del 2017 lo trovarono in prima prova, molti si chiesero: «Ma chi è costui?» e questo episodio gli ha gettato senz’altro un fascio di luce che prima aveva solo per alcuni lettori/studiosi di nicchia. Ma Giorgio Caproni, grande poeta del Novecento, va indagato ed esplorato in tutta la sua straordinaria poetica. Di seguito riportiamo tre delle sue...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/08/asfsafasf.jpg

Non noteremmo un tale fiorellino – Non fosse che riporta All’erba zitto zitto Quel poco che perdemmo di giardino. Così fragrante accenna un sì il garofano – Così ubriaca va sbandando l’ape – Così argentini cento flauti Si spandono da un centinaio d’alberi – Chi vede questo fiorellino Rià l’apparizione Dei bobolink intorno al trono E agli aurei denti di leone.   Emily Dickinson nacque nel 1830 in Massachusetts; suo padre era un facoltoso avvocato...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/08/vds.jpg

Ogni volta che ammiriamo una perla dimentichiamo che è la cicatrice della malattia della conchiglia. Karl Jaspers   L’epigrafe che apre la raccolta poetica Tempora (L’Erudita, 2018) va interpretata come un estratto annunciatore dell’intera opera. La cicatrice e dunque la ferita, segno tangibile di una sofferenza che può essere toccata e avvertita, è il motivo che vibra in tutte le liriche e che, alla fine, dà vita alla lucente e ammirevole perla. In quest’ottica l’autore/conchiglia...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/07/scFWFEAFES.jpg

In un prezioso scritto intitolato La notte della cometa Sebastiano Vassalli ricostruisce con appassionata accortezza la vita del poeta novecentesco Dino Campana. L’opera è l’omaggio sincero di un autore contemporaneo (scomparso nel 2015) verso un autore del primo Novecento, nel tentativo di restituirgli il giusto prestigio, di umanizzarlo allontanando così da lui ogni alone di stramberia e di follia che per molto tempo lo ha circondato. «Ma se Dino Campana non fosse esistito io ugualmente...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/06/sxasa.jpg

Sabato 29 giugno alle 18:30 è in programma un appuntamento da non perdere presso il Bookstore del Palazzo delle Esposizioni per un incontro-reading con il poeta Sotirios Pastakas. L’autore greco è uno dei grandi protagonisti del circuito poetico internazionale e presenta in questa occasione il suo ultimo lavoro Corpo a corpo, edito dalla Multimedia Edizioni nella collana Poesie come Pane. A introdurre l’incontro Elio Pecora e La comunità ellenica di Roma e del Lazio per...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/04/scscasasfa-1280x700.jpg

Se consideriamo ritmo ciò che è udibile con piacere e un suono piacevole come un suono ritmato, cosa davvero divide la Musica dalla Poesia? La Poesia è davvero Musica del linguaggio oppure un semplice stile narrativo, prescelto da chi ama il sintetismo? La Musica può o non può prescindere dall’alfabeto che ospita, cioè dal messaggio che porta? Potremmo definire etica della Musica il quesito che interroga sull’esistenza effettiva, oppure no, di un suo contributo più...