HomeTagdanza Archivi - La Citta Immaginaria

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/08/dvdavad.jpg

Si chiama come la più piccola unità che compone l’immagine virtuale lo spettacolo ideato da Mourad Merzouki che dal 2014 gira in tutti i paesi del mondo. Per la memoria del nostro computer ma anche del nostro telefono, non siamo altro che tanti piccolissimi puntini tutti uguali, indifferenziati e senza qualità. Non c’è differenza quindi tra i puntini che formano l’immagine di noi in vacanza o quelli di un brutale incidente. Così anche le creazioni...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/08/scdvadvd-1280x700.jpg

Quest’estate a Castrovillari, in Calabria, in occasione della 34esima Estate Internazionale del Folklore e del Parco del Pollino è possibile assistere all’esibizione del gruppo Illari proveniente da Huachocolpa in Perù. Formatosi nel 2015, questo gruppo si cimenta in una particolare danza tradizionale delle Ande chiamata “danza delle forbici”. La danza delle forbici ha origine lontane, esisteva ancora prima della colonizzazione spagnola ma solo dopo questo evento ha subito alcune trasformazioni significative come l’introduzione di un...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/08/dvadva.jpg

Avvicinarsi al lavoro della coreografa e danzatrice Luchana Achugar significa innanzitutto comprendere le sue origini latino americane. La Achugar è nata a Montevideo in Uruguay ma per   studiare danza si è trasferita a New York negli anni ‘90, città dove ancora vive. Nel suo manifesto di ricerca scrive che «lavora per la rabbia di essere latino americana e vivere al centro dell’impero in un mondo post- coloniale». Orgogliosa delle sue origini, molti dei suoi lavori...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/08/dvdvdvd.jpg

Le principe d’incertitude è il nome della Compagnia di danza nata nel 2011 per volere di Liz Santoro e di Pierre Godard. Quel nome è un omaggio a tutta la loro solida preparazione scientifica: Santoro ha studiato psicologia, biologia e neuroscienze ad Harvard e Godard è un ingegnere e informatico. Per quanto riguarda la loro formazione artistica, Santoro ha frequentato scuole di danza fin da bambina per poi perfezionarsi alla Boston Ballet School con rigoroso...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/07/safqfeewew.jpg

«Dovete liberare la mente da tutti i fraintendimenti sul significato dell’arte; toglietevi dalla testa, se possibile e se pensate che l’arte appartenga esclusivamente ai musei, che sia qualcosa di lontano e prezioso. L’arte è esperienza, esperienza vitale, e solo nella danza si fa un’esperienza così generosa della realtà dell’arte», Ted Shawn.     Il 28 luglio a Matera potrete avere la possibilità di partecipare allo spettacolo Compagnia Compagnia del coreografo francese Jérôme Bel, a cura...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/07/wfqwfqwfe.jpg

Negli ultimi anni abbiamo assistito a una nuova tendenza nell’ambito della danza contemporanea: la collaborazione tra importanti coreografi e famosi personaggi del panorama musicale internazionale. Sebbene finora ci siano stati pochi esempi, artisti della danza contemporanea sono stati coinvolti nella realizzazione di video musicali. Akram Khan e Sidi Larbi Cherkaoui sono i principali nomi in questa nuova tendenza. Il videoclip, retaggio della cultura musicale degli anni Novanta, è un dei tanti prodotti dell’industria musicale e...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/07/devdevsvs-1280x700.jpg

Questa estate la meta più economica da raggiungere, almeno da Roma, sembra essere Vienna con voli che si aggirano intorno alle 30 euro. Approfittate di questa congiuntura astrale positiva e oltre a visitare la città austriaca recatevi a uno dei più rinomati Festival europei di danza contemporanea: l’ImPulsTanz. Per ben un mese, dall’11 luglio all’11 agosto, la rassegna intratterrà austriaci e turisti con numerose performance di alto livello. La pagina Facebook del Festival è stata...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/07/ascscs.jpg

Negli anni ’40 Maya Deren è una giovane pioniera del cinema d’avanguardia. Fa un uso particolare della danza in un periodo in cui a Hollywood si realizzano film narrativi e molto parlati. È interessante comprendere perché Jonh Martin, critico del New York Times e teorico della modern dance, definì i suoi lavori «Choreocinema». L’analisi del film A Study in Choreography for Camera del 1945 ci può aiutare a mettere in luce come cinema e danza...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/07/aefef.jpg

«Se un artista penetra profondamente nel suo tempo scoprirà il suo significato di fondo e creerà qualcosa che è eterno e universale per tutta l’umanità». Valeska Gert   Valeska Gert era un’ebrea bassa, brutta, sgraziata e sboccata nella Repubblica di Weimar degli anni ‘20, caratteristiche che potrebbero far immaginare per lei un destino già segnato e invece grazie al suo genio impetuoso e rivoluzionario riuscì a imporsi sui palchi europei. Il talento eclettico di cui...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/06/esfef.jpg

«Arte degenerata» fu la definizione con cui il Nazismo – nel 1937 – bollò le creazioni di Oskar Schlemmer che già nel 1933 era stato costretto a lasciare una Germania sempre più instabile. Questa marchiatura a fuoco non può che farci maggiormente incuriosire circa il lavoro di un artista poliedrico che fu pittore, danzatore, scultore, coreografo e designer. Massima espressione e summa della sua ricerca artistica è il Balletto triadico che, a testimonianza di come...