HomeTagcinema italiano Archivi - La Citta Immaginaria

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/12/dfdgrgfrgr.jpg

Elena Beatrice e Daniele Lince sono una coppia di registi/sceneggiatori/produttori che lavora sul territorio torinese e realizza da anni opere audiovisive di tipologia varia. Dal documentario sperimentale allo spot commerciale, dal cortometraggio narrativo alla clip promozionale, per loro una storia è una storia e l’importante è volerla raccontare. Li abbiamo incontrati per saperne di più.   Come nasce la denominazione Beatrice/Lince Factory e a quando risale il primo lavoro insieme? Lince: Credo fosse il 2016,...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/11/qefefeqfefqe.jpg

«Nessuno di noi inventa niente, hanno inventato tutto Omero e Tolstoj». E se a dirlo è uno come Duccio Tessari, che ha cominciato assistendo le regie di una decina di peplum (film in costume di ambientazione mitologico-romana), forse c’è da credergli sorridendo. In quel contesto conoscerà un altro aiuto regia celebre di nome Sergio Leone, ed entrambi firmeranno la loro opera prima proprio nell’ambito di quel genere così popolare nei primi anni Sessanta. Arrivano i...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/11/scscscsac-1280x700.jpg

Caccia al tesoro (2017) è stato l’ultimo di 60 film (se si contano solo le uscite in sala) girati da Carlo Vanzina prima di lasciarci nel luglio del 2018 a causa di un melanoma recidivo. Il fratello Enrico, co-sceneggiatore e compagno di molte avventure non solo cinematografiche, ha quindi proseguito da solo nel portare alta la bandiera del loro nome, a partire dai più recenti colloqui col critico Rocco Moccagatta per il libro Carlo &...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/11/sdwsdwfewfew.jpg

Paolo Virzì è probabilmente l’erede più illustre della “commedia all’italiana”; uno dei generi distintivi della storia cinematografica del nostro paese, il cui scopo era stato da sempre quello di divertire e, allo stesso tempo, offrire spunti di riflessione. Un genere che aveva conosciuto un’epoca d’oro negli anni ’50 e ’60, fino a spegnersi per poi rinascere e intraprendere un percorso diverso, più cupo, che tenesse in considerazione gli stravolgimenti politici e sociali avvenuti in Italia...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/10/sscsacsacsa.jpg

È folle l’amore messo in scena da Salvatores nel suo ultimo film; un amore che è scoperta, istinto, contatto e paura. Il regista ha affermato di non aver mai ricevuto un plauso così accorato come quello esploso alla Mostra del Cinema di Venezia lo scorso settembre. E dopo aver visto Tutto il mio folle amore si capisce benissimo il perché. La storia ha come protagonista Vincent, un adolescente autistico interpretato magistralmente da Giulio Pranna alla...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/10/ffefefef.jpg

A parte il tema dell’edizione, ovvero la medicina nera, il TOHorror Film Fest di Torino, giunto al diciannovesimo anno, ha confermato la sua eterna missione: raccontare il cinema fantastico e orrorifico in ogni sua forma e in ogni suo segreto. In particolare, lo ha fatto inserendo una nuova sezione dedicata ai documentari su autori, filoni o sottogeneri che prima venivano proposti in un più generico “Fuori concorso”, che è comunque rimasto. A cavallo delle due...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/10/dvdvdvdsd.jpg

1962. Centouno anni da quel fatidico 1861 che vide la nostra smembrata penisola trovare un’unione sotto lo stesso vessillo, la stessa bandiera. Da quel giorno di Unità, la storia sembra aver accelerato il passo, portando il neonato Stato a confrontarsi con il mondo moderno, quello tecnologicamente avanzato. Quello della quantità, dei “numeri”. In tutto questo trambusto, un Paese come l’Italia ha fatto molta fatica a spiccare rispetto le principali potenze economiche mondiali. Ogni suo passo...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/10/scadefewgfweg-1.jpg

«La mia idea della lotta antifascista e della Liberazione era mitica, ma un po’ finta, come un tableau vivant, scolpita nel marmo. […] Ma guardando quel film, d’un tratto, quella storia lì mi è diventata familiare, non solo perché vi si parlava col nostro accento e vedevi i luoghi della nostra terra, ma anche perché nei personaggi, nei dettagli, negli eventi terribili, ma anche piccoli e a volte ironici, […] c’era il seme della verità,...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/10/vdddddsW.jpg

Il nuovo millennio dei fratelli Vanzina si apre con una scommessa perché Quello che le ragazze non dicono (2000) è un film che nessuno si aspettava, dalla genesi particolare e i caratteri sfumati. «Un po’ commedia un po’ dramma – ha spiegato Carlo -, come la vita». L’intenzione era raccontare una storia tutta al femminile, mostrare le giovani italiane di quel momento storico, in una Milano lontana dai soliti luoghi comuni. Ma era anche il...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/09/scscdc.jpg

Gli autori protagonisti degli ultimi floridi anni del cinema italiano, hanno saputo narrare con intelligenza stralci di storie; servendosi perlopiù di uno spietato realismo, interessati a delineare scorci quanto più verosimili di realtà posizionate ai margini della società e del tempo, spesso dimenticate ma essenziali per la storia del nostro Paese. Allo stesso modo, hanno tratteggiato personaggi ampiamente sfaccettati, il più delle volte calcando su delle determinate caratteristiche e affidandone l’interpretazione ai migliori attori del...