HomeTagcinema europeo Archivi - La Citta Immaginaria

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/01/sacscefe.jpg

Nella sua bellissima biografia di Federico Fellini, Tullio Kezich scrive che al momento di congedarsi da Donald Sutherland, protagonista del Casanova col quale aveva avuto un rapporto tempestoso, il regista «era già pieno di nostalgia e turbato dal sospetto di aver lavorato, senza rendersene conto, a un sarcastico autoritratto in costume da gentiluomo del Settecento: il peggio di un maschio condizionato da un’educazione sbagliata quando mette piede sul pianeta donna». Siamo a maggio del 1976...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/12/aefwewfewfw.jpg

Il 13 dicembre si è tenuta, presso il Cinema Massimo di Torino, l’apertura di una rassegna dedicata ai trent’anni dalla scomparsa del grande Luciano Salce con la presentazione del documentario L’uomo dalla bocca storta (2009) di Andrea Pergolari ed Emanuele Salce, figlio del cineasta romano. I due autori sono stati ospiti della sala del Museo Nazionale del Cinema e hanno intrattenuto il pubblico presente con lunghe chiacchiere riguardanti l’autore di opere indimenticabili della nostra produzione...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/12/dvdsvdsvdsv-1280x700.jpg

Vent’anni fa, il 20 dicembre 1999, ci lasciava il regista Riccardo Freda. Nella monografia dedicata a lui proprio quell’anno per Bulzoni, Steve Della Casa riporta un gustoso aneddoto raccontato da Carlo Lizzani e che lo vede protagonista con Giuseppe De Santis all’uscita sala di Aquila Nera (1945): «Ci divertimmo da matti, e era l’anno di Roma città aperta. Poi uscimmo dal cinema e De Santis continuava a ripetere: allora anche noi siamo capaci di fare...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/11/scscscsac-1280x700.jpg

Caccia al tesoro (2017) è stato l’ultimo di 60 film (se si contano solo le uscite in sala) girati da Carlo Vanzina prima di lasciarci nel luglio del 2018 a causa di un melanoma recidivo. Il fratello Enrico, co-sceneggiatore e compagno di molte avventure non solo cinematografiche, ha quindi proseguito da solo nel portare alta la bandiera del loro nome, a partire dai più recenti colloqui col critico Rocco Moccagatta per il libro Carlo &...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/10/ffefefef.jpg

A parte il tema dell’edizione, ovvero la medicina nera, il TOHorror Film Fest di Torino, giunto al diciannovesimo anno, ha confermato la sua eterna missione: raccontare il cinema fantastico e orrorifico in ogni sua forma e in ogni suo segreto. In particolare, lo ha fatto inserendo una nuova sezione dedicata ai documentari su autori, filoni o sottogeneri che prima venivano proposti in un più generico “Fuori concorso”, che è comunque rimasto. A cavallo delle due...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/10/dvdvdvdsd.jpg

1962. Centouno anni da quel fatidico 1861 che vide la nostra smembrata penisola trovare un’unione sotto lo stesso vessillo, la stessa bandiera. Da quel giorno di Unità, la storia sembra aver accelerato il passo, portando il neonato Stato a confrontarsi con il mondo moderno, quello tecnologicamente avanzato. Quello della quantità, dei “numeri”. In tutto questo trambusto, un Paese come l’Italia ha fatto molta fatica a spiccare rispetto le principali potenze economiche mondiali. Ogni suo passo...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/10/scadefewgfweg-1.jpg

«La mia idea della lotta antifascista e della Liberazione era mitica, ma un po’ finta, come un tableau vivant, scolpita nel marmo. […] Ma guardando quel film, d’un tratto, quella storia lì mi è diventata familiare, non solo perché vi si parlava col nostro accento e vedevi i luoghi della nostra terra, ma anche perché nei personaggi, nei dettagli, negli eventi terribili, ma anche piccoli e a volte ironici, […] c’era il seme della verità,...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/10/vdddddsW.jpg

Il nuovo millennio dei fratelli Vanzina si apre con una scommessa perché Quello che le ragazze non dicono (2000) è un film che nessuno si aspettava, dalla genesi particolare e i caratteri sfumati. «Un po’ commedia un po’ dramma – ha spiegato Carlo -, come la vita». L’intenzione era raccontare una storia tutta al femminile, mostrare le giovani italiane di quel momento storico, in una Milano lontana dai soliti luoghi comuni. Ma era anche il...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/10/ddddd.jpg

La passione di Giovanna d’Arco è un film muto del 1928; il regista danese Carl Theodor Dreyer inizia a interessarsi al personaggio di Giovanna nel 1924, anno in cui la martire viene canonizzata. Tutti conosciamo Giovanna, la sua storia e la sua tragica morte, eppure Dreyer non ha voluto cavalcare l’onda narrativa già esistente, preferendo invece una trasposizione diversa, originale, più “intima”. Basandosi sulle parole trascritte nel verbale del processo (conservato nella Biblioteca della Camera...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/09/wegwgerwg.jpg

Esattamente dieci anni fa, il 16 settembre 2009, ci lasciava Luciano Emmer: classe 1918, milanese, cominciò con una serie di documentari d’arte con l’amico Enrico Gras nel secondo dopoguerra e presto si fece notare da Sergio Amidei che per lui scrisse e produsse Domenica d’agosto (1949). Emmer fu autore, nel decennio successivo, di una serie di commedie popolaresche (qualcuno lo cita, insieme a Renato Castellani e Luigi Comencini, quando si parla di Neorealismo rosa) non...