HomeTagcinema europeo Archivi - La Citta Immaginaria

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/12/eafefefewf.jpg

La parola “confine” è tra quelle che più riecheggiano nell’agglomerato di informazioni che ogni giorno ci stordiscono. Storie di discriminazione e integrazione, chiusura e apertura: un assunto spinoso in un precario periodo storico che si è inevitabilmente riflesso nelle più disparate manifestazioni artistiche; tanto da poter diventare, in alcuni casi, un soggetto ormai logoro. Non è certo questo il caso di Border – Creature di confine (Gräns, 2018), secondo lungometraggio del regista iraniano di adozione...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/11/cwfwqfwwf.jpg

A circa un mese dal Natale è arrivato su Netflix Klaus – I segreti del Natale, il primo cartone animato firmato dalla piattaforma streaming più famosa del mondo. Si tratta di un prodotto con tante novità, che smonta i classici cliché sul Natale e, in particolare, sul personaggio di Santa Klaus. Il film racconta la storia del postino Jesper, figlio del proprietario delle poste, viziato e pigro, che per punizione viene mandato sull’isola sperduta di...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/11/scscscsac-1280x700.jpg

Caccia al tesoro (2017) è stato l’ultimo di 60 film (se si contano solo le uscite in sala) girati da Carlo Vanzina prima di lasciarci nel luglio del 2018 a causa di un melanoma recidivo. Il fratello Enrico, co-sceneggiatore e compagno di molte avventure non solo cinematografiche, ha quindi proseguito da solo nel portare alta la bandiera del loro nome, a partire dai più recenti colloqui col critico Rocco Moccagatta per il libro Carlo &...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/11/sdwsdwfewfew.jpg

Paolo Virzì è probabilmente l’erede più illustre della “commedia all’italiana”; uno dei generi distintivi della storia cinematografica del nostro paese, il cui scopo era stato da sempre quello di divertire e, allo stesso tempo, offrire spunti di riflessione. Un genere che aveva conosciuto un’epoca d’oro negli anni ’50 e ’60, fino a spegnersi per poi rinascere e intraprendere un percorso diverso, più cupo, che tenesse in considerazione gli stravolgimenti politici e sociali avvenuti in Italia...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/10/sscsacsacsa.jpg

È folle l’amore messo in scena da Salvatores nel suo ultimo film; un amore che è scoperta, istinto, contatto e paura. Il regista ha affermato di non aver mai ricevuto un plauso così accorato come quello esploso alla Mostra del Cinema di Venezia lo scorso settembre. E dopo aver visto Tutto il mio folle amore si capisce benissimo il perché. La storia ha come protagonista Vincent, un adolescente autistico interpretato magistralmente da Giulio Pranna alla...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/10/ffefefef.jpg

A parte il tema dell’edizione, ovvero la medicina nera, il TOHorror Film Fest di Torino, giunto al diciannovesimo anno, ha confermato la sua eterna missione: raccontare il cinema fantastico e orrorifico in ogni sua forma e in ogni suo segreto. In particolare, lo ha fatto inserendo una nuova sezione dedicata ai documentari su autori, filoni o sottogeneri che prima venivano proposti in un più generico “Fuori concorso”, che è comunque rimasto. A cavallo delle due...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/10/dvdvdvdsd.jpg

1962. Centouno anni da quel fatidico 1861 che vide la nostra smembrata penisola trovare un’unione sotto lo stesso vessillo, la stessa bandiera. Da quel giorno di Unità, la storia sembra aver accelerato il passo, portando il neonato Stato a confrontarsi con il mondo moderno, quello tecnologicamente avanzato. Quello della quantità, dei “numeri”. In tutto questo trambusto, un Paese come l’Italia ha fatto molta fatica a spiccare rispetto le principali potenze economiche mondiali. Ogni suo passo...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/10/scadefewgfweg-1.jpg

«La mia idea della lotta antifascista e della Liberazione era mitica, ma un po’ finta, come un tableau vivant, scolpita nel marmo. […] Ma guardando quel film, d’un tratto, quella storia lì mi è diventata familiare, non solo perché vi si parlava col nostro accento e vedevi i luoghi della nostra terra, ma anche perché nei personaggi, nei dettagli, negli eventi terribili, ma anche piccoli e a volte ironici, […] c’era il seme della verità,...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/10/vdddddsW.jpg

Il nuovo millennio dei fratelli Vanzina si apre con una scommessa perché Quello che le ragazze non dicono (2000) è un film che nessuno si aspettava, dalla genesi particolare e i caratteri sfumati. «Un po’ commedia un po’ dramma – ha spiegato Carlo -, come la vita». L’intenzione era raccontare una storia tutta al femminile, mostrare le giovani italiane di quel momento storico, in una Milano lontana dai soliti luoghi comuni. Ma era anche il...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/10/ddddd.jpg

La passione di Giovanna d’Arco è un film muto del 1928; il regista danese Carl Theodor Dreyer inizia a interessarsi al personaggio di Giovanna nel 1924, anno in cui la martire viene canonizzata. Tutti conosciamo Giovanna, la sua storia e la sua tragica morte, eppure Dreyer non ha voluto cavalcare l’onda narrativa già esistente, preferendo invece una trasposizione diversa, originale, più “intima”. Basandosi sulle parole trascritte nel verbale del processo (conservato nella Biblioteca della Camera...