HomeTagcinema americano Archivi - Pagina 2 di 4 - La Citta Immaginaria

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/11/swswfeafefe-1280x700.jpg

Realizzare un film in grado di esplorare le complesse relazioni sentimentali che si instaurano tra gli esseri umani è tutt’altro che un’impresa semplice: più ci si cimenta nella rappresentazione di un sentimento originario e universale, più il rischio di incappare in banalità e risvolti melodrammatici è alto. Ancora più arduo, in questo senso, andare a scrutare i legami che possono stabilirsi tra un essere umano e una macchina; non di certo un tema nuovo ma...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/11/sdwawwwd.jpg

I fan erano in delirio. Lo volevano come si vuole l’acqua quando si è nel deserto. Dopo sei anni dalla fine di Breaking Bad, la serie tv creata da Vince Gilligan che ha riscosso un enorme successo, è approdato su Netflix il film sequel della serie. Si intitola El Camino e racconta le avventure di Jesse Pinkman, uno dei protagonisti dello show, dopo le vicende avvenute nel finale di Breaking Bad. Al termine della serie che...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/10/asfefewfewfew.jpg

Dopo una tribolata fase di produzione (appianata dalla piattaforma Netflix, che è arrivata a fornire un budget di 160 milioni di euro), finalmente il 21 ottobre ha visto la luce in Italia l’ultima fatica di uno dei più grandi registi degli ultimi cinquant’anni: The Irishman di Martin Scorsese, presentato in anteprima alla Festa del Cinema di Roma. Scorsese ha il pregio di essere stato l’unico tra i grandi autori americani della New Hollywood a mantenere un’elevata...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/10/dwwwdwqd.jpg

«Non guardo i film della Marvel. Ci ho provato, ma non è cinema. Onestamente, la cosa più vicina a quei film, per quanto siano fatti bene e abbiano attori che fanno del loro meglio viste le circostanze, sono i parchi a tema. Non è un cinema di esseri umani che cercano di veicolare esperienze emotive e psicologiche ad altri esseri umani». Parole dure, una posizione molto netta. Questo giudizio viene dalla bocca di Martin Scorsese,...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/10/eaeefefe.jpg

L’uscita in sala di Joker, film diretto da Todd Phillips e interpretato da Joaquin Phoenix, è stato accompagnato da una sorta di isteria di massa. Il pubblico e gran parte della critica lo hanno innalzato a film-monumento. C’è chi lo ha definito un capolavoro, altri ancora che si sono spinti a incoronarlo probabile vincitore del premio più importante del settore. Qualcuno ha addirittura affermato che siamo di fronte a un film da manuale di storia...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/09/dvdvdsvdsv-1280x700.jpg

1969: un anno che difficilmente può essere cancellato dalla storia collettiva contemporanea. È l’anno dell’allunaggio. L’anno del primo volo Concorde. L’anno in cui ha inizio il primo mandato Nixon. L’anno di Easy Rider. L’anno di Woodstock. Ma anche l’anno del sacrificio di Jan Palach. L’anno delle proteste in Piazza Tienanmen. L’ultimo anno di un decennio che ha avuto molto da dire e le cui ripercussioni continuano tutt’oggi a rombare nelle pieghe della contemporaneità. Anni di innovazione,...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/09/wegrgrhger.jpg

Il Re Leone è uscito nelle sale italiane lo scorso 21 agosto, ma ancora fa parlare di sé. Il dibattito, in realtà, si è acceso ben tre anni fa, quando era stata annunciata ufficialmente la produzione di un remake del grande classico della Disney, uscito nel 1994. La domanda era sempre quella: è giusto riproporre una pietra miliare del cinema, per di più con l’utilizzo della tecnologia e della CGI? Il pubblico, nemmeno a dirlo,...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/09/dvdsvadv-1280x700.jpg

Immaginate. Immaginate di avere 14 anni. Immaginate di esservi appena trasferiti in una sperduta cittadina del Montana insieme ai vostri genitori. Immaginate di essere felici di ciò che avete. Immaginate di guardare i vostri genitori battibeccare dolcemente. Di vederli con il sorriso. Immaginate che quei sorrisi scompaiano di colpo. Immaginate che i due pilastri che vi sorreggevano si dividano, lasciandovi a terra e costringendovi a sostenervi con le vostre deboli gambe, troppo giovani per reggere...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/09/efefewfeww.jpg

«Lo sai che devi fare se non sono insieme a te, ascolta la canzone e tu sarai vicino a me. Ricordami, ora devo andare via, ripensa a me, sentendo questa melodia». Sono questi i dolcissimi versi della colonna sonora del cartone più sensibile e memorabile degli ultimi tempi, Coco (2017, di Lee Unkrich e Adrian Molina). Un vivacissimo tuffo nella cultura messicana, un ventaglio di colori e decorazioni che fanno da sfondo alla tradizione attenta...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/09/efeew-1280x700.jpg

Prima di entrare definitivamente a far parte dell’olimpo di Hollywood con due Oscar come miglior regista (nel 2015 con Birdman e nel 2016 con Revenant – Redivivo), il regista messicano Alejandro González Iñárritu aveva già dato prova delle sue notevoli doti registiche e autoriali, in grado di  affrontare concetti universali, come quello della morte. È l’esplorazione di questa condizione – riscontrabile anche nell’interessante Biutiful (2010) – e dei suoi effetti su chi, direttamente o non, la sperimenta...