HomeTagcinema americano Archivi - La Citta Immaginaria

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/03/sddefefewfew.jpg

Dopo il grande successo di Storia di un matrimonio (Marriage Story, 2019) – tra le pellicole protagoniste della stagione dei premi che si è da poco conclusa – Noah Baumbach si è posizionato, senza dubbio, tra gli autori americani più celebrati dell’attuale panorama cinematografico. Eppure, lo sceneggiatore, regista e produttore newyorkese cavalca l’onda del cinema indipendente americano ormai da anni, per l’esattezza dal momento in cui ha preso vita il sodalizio con un altro grande...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/02/eqfefewfewf.jpg

Diciamolo subito. Diamanti Grezzi non è un film facile. È una pellicola impegnativa a livello fisico e mentale. I registi hanno il merito di riuscire a trasmettere perfettamente la sensazione di soffocamento continuo, di claustrofobia e di angoscia, tutti sentimenti che il protagonista del film – Howard – dovrebbe provare ma dai quali invece sembra essere immune. Lo spettatore soffre per lui. Ma partiamo dall’inizio. Howard Ratner è un gioielliere ebreo di New York indebitato fino...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/01/eefefewfew.jpg

Definito come il regista americano indipendente per eccellenza, Jim Jarmush – nel corso della sua carriera – ha fatto del silenzio e dell’anti-spettacolarità un tratto distintivo della sua opera. In quest’ottica, Paterson (2016) si presenta come la precisa figurazione della sua poetica, in quanto capace di fotografare con onestà i gesti della consuetudine e di riconsegnarli al pubblico arricchiti da un manto di poeticità. La pellicola, infatti, altro non fa che mostrarci una delle tante...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/12/qwfwqfeqfQ-1280x700.jpg

Era il 1947 quando una delle pièce teatrali più importanti del Novecento veniva scritta dal celeberrimo drammaturgo Tennessee Williams e portata in scena da Elia Kazan. Nel 1951, poi, la stessa opera veniva riadattata per il cinema ancora da Kazan, coinvolgendo gran parte del cast originale e realizzando quello che sarebbe diventato uno dei più importanti crocevia della storia del cinema. Un tram che si chiama Desiderio (A Streetcar Named Desire), infatti, segna un punto...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/12/eeeefaewfewg.jpg

«Capitolo primo. “Adorava New York. La idolatrava smisuratamente…” Ah no, è meglio “la mitizzava smisuratamente”, ecco. “Per lui, in qualunque stagione, questa era ancora una città che esisteva in bianco e nero e pulsava dei grandi motivi di George Gershwin…” […] No, aspetta, ci sono: “New York era la sua città, e lo sarebbe sempre stata”». Si apriva con una dichiarazione d’amore Manhattan (1979), che nel titolo stesso celava la devozione di Woody Allen verso...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/11/dvdvsdvddv.jpg

Tra i principi fondanti della società occidentale, quello della famiglia è probabilmente il più consolidato e inviolabile. L’idea che qualsiasi cosa accada, anche nella situazione apparentemente più insormontabile, si possa sempre ritrovare un rifugio sicuro nel sangue del proprio sangue è uno di quei pochi e confortanti pensieri che permettono all’individuo di affrontare gli ostacoli della vita. Un’idea che, sia per la sua radicalità, sia per la sua importanza come monito, si è sempre rispecchiata...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/11/afefewgwegq.jpg

L’anno prossimo James Dean tornerà al cinema con un nuovo film. Com’è possibile, vi chiederete, considerando che il celebre attore sex symbol americano è morto ben 64 anni fa. Eppure oggi una cosa del genere, fino a poco tempo fa considerata fantascienza, è possibile, grazie alla computer grafica CGI, che permette di “riportare in vita” l’attore, scomparso a soli 24 anni per un incidente stradale. Si ricreerà una versione realistica di Dean grazie a vecchie...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/11/swswfeafefe-1280x700.jpg

Realizzare un film in grado di esplorare le complesse relazioni sentimentali che si instaurano tra esseri umani è tutt’altro che un’impresa semplice: più ci si cimenta nella rappresentazione di un sentimento originario e universale, più il rischio di incappare in banalità e risvolti melodrammatici è alto. Ancora più arduo, in questo senso, andare a scrutare i legami che possono stabilirsi tra un essere umano e una macchina; non di certo un tema nuovo ma che,...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/11/sdwawwwd.jpg

I fan erano in delirio. Lo volevano come si vuole l’acqua quando si è nel deserto. Dopo sei anni dalla fine di Breaking Bad, la serie tv creata da Vince Gilligan che ha riscosso un enorme successo, è approdato su Netflix il film sequel della serie. Si intitola El Camino e racconta le avventure di Jesse Pinkman, uno dei protagonisti dello show, dopo le vicende avvenute nel finale di Breaking Bad. Al termine della serie che...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/10/efefefewf.jpg

«Ho sempre creduto che la mia vita fosse una tragedia, invece era una fottuta commedia». Con queste parole Arthur Fleck alias Joker prende effettivamente coscienza della sua condizione, abbraccia il suo essere malato e al tempo stesso incompreso e, dunque, si rifugia nella follia. Molto si è detto sul film di Todd Phillips, uscito nelle sale a inizio ottobre. Indubbiamente, da un punto di vista prettamente tecnico, il film è ben fatto. L’interpretazione di Joaquin...