LetteraturaPrimo PianoPost-illa: Pier Vittorio Tondelli – «Scrivete di quello che fate»

Giorgia Pellorca Giorgia Pellorca17 Gennaio 2020
https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/01/grgrgrger.jpg

Rinomato per aver rinverdito il linguaggio narrativo italiano, Tondelli in realtà fu anche un vivace promotore di giovani talenti; nel 1985, mentre era impegnato nell’indagine sulla condizione giovanile per conto della rivista Linus, lo scrittore decise di lanciare una proposta agli under 25: l’opportunità di esprimersi a tutto tondo, purché fosse attraverso la forma narrativa. Un progetto a metà strada tra «un’ipotesi di sociologia culturale e un’indagine letteraria», per dirla con le sue stesse parole. L’invito venne accolto da molti giovani: in redazione arrivarono centinaia di manoscritti. Nell’articolo in cui venne lanciata questa iniziativa, Tondelli diede alcuni fondamentali suggerimenti agli aspiranti scrittori; suggerimenti preziosi da tenere ben in considerazione anche oggi, nonostante la sintesi comunicativa verbale e scritta, nonostante la fulminea quotidianità, nonostante la siccità lessicale (anzi: proprio per tutto questo).

 

Scrivete non di ogni cosa che volete, ma di quello che fate. Astenetevi dai giudizi sul mondo in generale (ci sono già i filosofi, i politologi, gli scienziati ecc.), piuttosto raccontate storie che si possano oralmente riassumere in cinque minuti. Raccontate i vostri viaggi, le persone che avete incontrato all’estero, descrivete di chi vi siete innamorati, immaginatevi un lieto fine o una conclusione tragica, non fate piagnistei sulla vostra condizione e la famiglia e la scuola e i professori, ma provatevi a farli diventare dei personaggi e, quindi, a farli esprimere con dialoghi, tic, modi di dire. Descrivete la vostra città, esercitatevi a fare degli schizzi descrittivi su quel che vedete dalla finestra, dall’autobus, dall’automobile. Raccontate le vostre angosce senza reticenze piccolo borghesi, anzi “spandendo il sale sulla ferita”. Dite quello che non va e quello che sognate attraverso la creazione di un “io narrante” che non deve, per forza di cose, essere in tutto e per tutto simile a voi. Iniziate a fingere, a dire bugie, a creare sulla carta qualcosa che parta dal vostro mondo, ma che diventi poi il mondo di tutti, nel senso che tutti noi che leggiamo possiamo comprenderlo. Fate racconti brevi, ricordando che il racconto è il miglior tempo della scrittura emotiva e parlata. Fate esercizi di questo genere: descrivere un fatto in una pagina senza l’uso della punteggiatura, poi lo stesso fatto in un’altra paginetta solo attraverso il dialogo, poi ancora la stessa cosa come se fosse successa cento anni fa e la raccontaste da un’astronave. Raccontate di voi, dei vostri amici, delle vostre stanze, degli zaini, dell’università, delle aule scolastiche. Ricordate che quando vi mettete a scrivere, state facendo i conti con un linguaggio fluido e magmatico che dovrete adattare alla vostra storia senza incorrere nello stile caramelloso della pubblicità o in quello patetico del fumettone. Il modo più semplice è scrivere come si parla (e questo è già in sé un fatto nuovo, poiché la lingua cambia continuamente), ma non è il più facile. Non abbiate paura di buttare via. Riscrivete ogni pagina, finché siete soddisfatti. Vi accorgerete che ogni parola può essere sostituita con un’altra. Allora, scegliendo, lavorando, riscrivendo, tagliando, sarete già in pieno romanzo.

Giorgia Pellorca

Giorgia Pellorca

Vive nell'agro pontino e quando può si rifugia in collina, a Cori, tra scorci mozzafiato, buon vino e resti storici. Ha studiato Lettere moderne per poi specializzarsi in Filologia. Curiosità ed empatia si fondono nell'esercizio dell'insegnamento. Organizza eventi quali reading e presentazione di libri.