ArtePrimo PianoL’arte di Tuomas Korkalo ospitata da Spazio Faro

Valentina Bortolotti Valentina Bortolotti22 Maggio 2019
https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/05/DSVFEFW.png

Al civico 24 di via Perugia, nell’eclettico quartiere del Pigneto, c’è un piccolo tempio dell’arte contemporanea: Spazio Faro è il nuovissimo centro culturale che ha aperto le sue porte lo scorso febbraio.

Gallerista e curatore dello spazio è Fabio Matthew Lanna, giovane intraprendente che ha progettato l’esistenza di un luogo dove fare, vivere e sperimentare l’arte. La valorizzazione delle arti contemporanee è proprio alla base del suo progetto, attorno al quale ruotano le diverse attività che, con estrema passione, organizza. L’offerta è molto ampia e volta ad accontentare i palati più esigenti: troviamo da un lato un fitto calendario di appuntamenti per scoprire le opere di artisti coevi, famosi e non, e dall’altro una ricca rete culturale per sviluppare il patrimonio artistico condita da una serie di appuntamenti didattici. Proprio lo scorso week end si sono tenute due giornate per il corso di curatore d’arte e organizzatore di eventi artistici. Lanna stesso definisce Spazio Faro come un «incubatore di creatività».

Come un faro, questa associazione ha lo scopo di guidare i suoi soci nel mondo dell’arte contemporanea coinvolgendo, appassionando e formando, diventando automaticamente un serio punto di riferimento a Roma nel panorama artistico.

Le iniziative sono numerose: proprio oggi si è conclusa la mostra di Daniela Bellofiore; venerdì 24 maggio a partire dalle 19.00, invece, c’è il vernissage della mostra personale di Tuomas Korkalo, Endless Visions.

Esclusiva di Spazio Faro, si tratta della prima mostra dell’artista finlandese organizzata in Italia, patrocinata dall’Ambasciata di Finlandia in Roma, con il sostegno dell’Arts Promotion Centre Finland e National Council for the Visual Arts. Sarà possibile visitare l’esposizione fino al 12 giugno.

La chiave di lettura delle opere ci viene offerta dallo stesso Korkalo: «Per me la pittura astratta è un gioco il cui obiettivo è di rilevare l’energia dinamica onnicomprensiva del cosmo». La sua pittura è una continua riflessione sulle proprietà del colore e della luce nello spazio; le forme geometriche e l’uso calibrato dei colori si tramutano in un immediato senso di pace e armonia.

Spazio Faro è questo e molto altro: una finestra sul mondo contemporaneo.

Valentina Bortolotti

Valentina Bortolotti

Nata a Roma, è laureata in Storia dell’arte e attualmente sta studiando per ottenere il patentino da accompagnatrice turistica. Parla l’inglese e il francese, se la cava con lo spagnolo. Fotografa autodidatta, guida turistica in erba, ama trascorrere il tempo nei musei in solitaria.