LetteraturaPrimo PianoLa lungimiranza del Profeta Maometto

Asmaa Habib Asmaa Habib23 Marzo 2020
https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/03/700-faruk-kaymak-CNVvDjVDiVI-unsplash.jpg

Un articolo pubblicato dal quotidiano americano Newsweek, ponendo luce sugli insegnamenti del profeta Muhammad – il primo che propose, più di 1300 anni fa, la quarantena e l’igiene personale in caso di diffusione di un’epidemia – ha innescato una vasta interazione tra attivisti sui social media, in un momento in cui crescono le richieste di rimanere a casa e di chiudersi in quarantena per confrontarsi con un nuovo virus noto come “Covid-19”. Nell’articolo americano pubblicato il 17 marzo – intitolato “Il potere della preghiera da solo può fermare una pandemia? Anche il profeta Maometto aveva un’altra opinione” – il dottor Craig Considine sottolinea che: “Immunologici come il dottor Anthony Fuchi e medici reporter come Sanji Gupta affermano che una buona igiene personale e la quarantena sono i mezzi migliori per circondare Covid-19”. Considine nel suo articolo mostrerà che anche il profeta Maometto aveva già individuato la soluzione per una possibile pandemia:

La pandemia COVID-19 sta costringendo i governi e la stampa a fornire i consigli più accurati e utili alla popolazione mondiale, poiché la malattia è davvero di portata globale. Gli operatori sanitari sono molto richiesti, così come gli scienziati che studiano la trasmissione e l’effetto delle pandemie. Esperti come l’immunologo Dr. Anthony Fauci e il reporter medico, Dr. Sanjay Gupta, affermano che una buona igiene e la quarantena, la pratica di isolarsi dagli altri nella speranza di prevenire la diffusione di malattie contagiose, sono gli strumenti più efficaci per contenere il COVID-19.

Sapete chi altro ha suggerito una buona igiene e una quarantena durante una pandemia? Muhammad, il profeta dell’Islam, oltre 1.300 anni fa. Sebbene non sia affatto un esperto “tradizionale” in materia di malattie mortali, Muhammad ha comunque donato validi consigli per prevenire e combattere uno sviluppo come quello del COVID-19.

Muhammad disse: “Se senti parlare di un focolaio di pestilenza in una terra, non entrarci; ma se la pestilenza scoppia in un luogo mentre ci stai dentro, non lasciare quel luogo”. Ha anche detto: “Quelli con malattie contagiose dovrebbero essere tenuti lontano da quelli che sono sani”.

Maometto ha anche fortemente incoraggiato gli esseri umani ad aderire a pratiche igieniche che proteggessero le persone dalle infezioni. Considerate i seguenti hadith, o detti del Profeta Maometto:

“La pulizia fa parte della fede”.

“Lavati le mani dopo il risveglio; non sai dove si sono mosse le mani mentre dormi”.

“Le benedizioni del cibo risiedono nel lavarsi le mani prima e dopo aver mangiato”.

E se qualcuno si ammalasse? Che tipo di consiglio darebbe Maometto ai suoi simili che soffrono di dolore? Incoraggerebbe le persone a cercare sempre cure mediche e farmaci: “Usa le cure mediche”, ha detto, “perché Dio non ha fatto una malattia senza nominarne un rimedio, ad eccezione di una malattia: la vecchiaia”.

Forse sapeva soprattutto come bilanciare fede e ragione. Nelle ultime settimane, alcuni si sono spinti al punto di suggerire la preghiera come metodo migliore per tenerti lontano dal coronavirus piuttosto che aderire alle regole di base del distanziamento sociale e della quarantena. In che modo il profeta Maometto avrebbe risposto all’idea della preghiera come principale o unica forma di medicina?

Considerate la seguente storia, riferita a noi dallo studioso persiano Al-Tirmidhi del IX secolo:

Un giorno, il profeta Muhammad notò che un beduino lasciava il suo cammello senza legarlo. Chiese al beduino: “Perché non leghi il cammello?” Il beduino rispose: “Ho fiducia in Dio”. Il profeta allora disse: “Prima lega il tuo cammello, poi confida in Dio”.

Maometto incoraggiò le persone a cercare una guida nella loro religione, ma sperava che prendessero misure precauzionali di base per la stabilità, la sicurezza e il benessere di tutti. In altre parole, sperava che le persone avrebbero usato il loro buon senso.

[Craig Considine, Can the power of prayer alone stop a pandemic like the coronavirus? Even the prophet Muhammad thought otherwise, Newsweek, 17 Marzo 2020]

Il dottor Craig Considine di cui abbiamo qui riportato l’articolo è uno studioso, professore, relatore internazionale con sede presso il Dipartimento di Sociologia della Rice University  e collabora con i media. È inoltre autore di The Humanity of Muhammad: A Christian View (Blue Dome Press, 2020) e di Islam in America: Exploring the Issues (ABC-CLIO 2019).

In questa situazione si potrebbe seguire un altro hadith del Profeta Maometto: quello di quando gli viene chiesto che cosa sia la salvezza. A questa domanda egli offre una triplice risposta:

“Resisti alla tua lingua” (Non emettere voce).

“Restare a casa”.

“Piangi il tuo peccato” (Cerca perdono e invoca Dio).

Consiglia inoltre di praticare l’abluzione cinque volte al giorno come preparazione del rituale della preghiera: è un lavaggio rituale a scopo di purificazione spirituale; può essere totale, un bagno completo, o parziale (come nel caso del lavaggio delle mani).

Quasi 1400 anni fa il Profeta non sapeva né leggere né scrivere, tuttavia aveva in serbo molti insegnamenti per l’umanità.

 

Asmaa Habib

Asmaa Habib

Asmaa è nata nel 1995 al Cairo. È ricercatrice presso l'Università di Roma La Sapienza dove sta conseguendo i suoi studi magistrali.