HomeCategoryRacconti Fotografici Archivi - Pagina 2 di 3 - La Citta Immaginaria

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/05/60877158_2049720061999750_2174967203856646144_n-1.jpg

Le opere di Beverly Pepper sono un respiro intenso e pieno che abbraccia lo spazio circostante e si ricongiunge con la nostra più profonda interiorità. Una connessione tra mondo interno e mondo esterno si attiva nel dialogo delle sculture con il paesaggio nel quale l’osservatore è reinserito in una corrispondenza tra natura e creazione artistica che racchiude in se’ un tempo al di là del tempo. Art In The Open, evento collaterale della Biennale di...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/05/60197728_833224243695007_7174193129333981184_n-1280x720.jpg

Non stupisce l’assegnazione da parte della giuria del Leone d‘oro a questo padiglione che strizza l’occhio al facile coinvolgimento dato da una mescolanza tra azione teatrale e operistica con citazioni compositive derivate dal contesto cinematografico, cui il pubblico è più avvezzo, per condurlo nel vivo di un contenuto urgente e pressante, attraverso lo svelamento di un falso idillio. La performance nella sua presenza e azione reale rappresenta la simulazione di un mondo potenzialmente realizzabile che...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/05/60359722_498967900706235_4623113929969631232_n-1280x720.jpg

Il Padiglione del Ghana, per la prima volta alla Biennale di Venezia, giunta alla sua cinquantottesima edizione, narra la propria storia nazionale, i lutti, la diaspora, le ferite di un territorio che unisce più etnie. Attraverso sei artisti di diverse generazioni e dalla diversa e variegata espressione creativa, l’ampio e complesso percorso storico del paese si arricchisce di poeticità e armonia formale pur nei dirompenti temi trattati.                ...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/05/cafafa.jpg

Sculture ceramiche dai colori accesi e vibranti, gli Organi da Asporto di Sabino de Nichilo ci introducono fuori dal mondo dell’ordinario, in una realtà in cui le viscere – gli organi di un apparato digerente umano o animale – prendono vita autonoma, muovendosi con forza e determinazione nello spazio circostante, a cui è dato il privilegio di accogliere una nuova genesi.

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/04/z.jpg

Inedia prodigiosa è un’opera corale della compositrice contemporanea Lucia Ronchetti divisa in diverse scene che raccontano l’esperienza personale di alcune digiunatrici scelte a partire dal medioevo fino ad oggi. Ai concerti hanno preso parte tre cori dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia: il Coro dei professionisti diretto da Ciro Visco, il Chorus amatoriale degli adulti e la Cantoria, questi ultimi diretti da Massimiliano Tonsini. Il 27 novembre 2016 si è tenuta la prima romana presso le...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/04/dvdvdsvds.png

Robert Doisneau, insieme ad Henri Cartier-Bresson, è il fondatore del fotogiornalismo di strada e uno degli esponenti maggiori della corrente “umanista” della fotografia. Nel corso della sua vita lavora con Renault e Vogue, ma la sua vera vocazione è fotografare la vita reale, quella per strada. Nessuno ha saputo cogliere meglio di lui l’anima di Parigi e dei parigini. I suoi scatti raccontano di frammenti di vita legati agli innamorati, ai bistrot, agli atelier, ai...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/04/asfewfew.jpg

Lo studio di Davide Dormino è una mappa di un mondo in progettazione, il disegno di una materia viva che prende concretezza dal dialogo intimo con la materia incantata e incatenata dalla tecnica e dagli immaginari dell’arte spiritualmente fisica dell’artista. Le ricerche e le ispirazioni sono tracce stratificate che il tempo e la passione pian piano hanno delineato sulle pareti di un luogo delle idee.

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/08/ilham-akbar-fauzi-kslvR5ZB5aA-unsplash.jpg

Le donne musulmane indossano dei veli che servono a coprire determinate parti del corpo; quello che forse non si sa è che esistono diversi tipi di velo che spesso si è soliti ricondurre esclusivamente al burka. L’uso del velo è diverso da paese a paese e sono altrettanto diverse le parti del corpo che essi devono coprire. Ora scopriremo quali sono le differenze tra hijab, niqab, burka, chador e khimar. Il velo niqab viene spesso confuso con...