HomeCategoryPrimo Piano Archivi - Pagina 2 di 78 - La Citta Immaginaria

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2021/03/rrrr.jpg

Eduardo: un nome che non suona a vuoto nelle memorie degli italiani ma che anzi – al contrario – porta con sé ricordi, sapori, profumi di un’Italia perduta, verace nei suoi vizi e nelle sue virtù, autentica in miseria e in nobiltà, fondata sul rispetto di alcuni valori quali la religione e la famiglia; un Paese che – spazzato via dalla secolarizzazione e dalla massificazione della società – non esiste più se non tra le...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2021/03/bbbb.jpg

Dall’inglese “stream” (corrente, flusso), lo “stream of consciousness” (“flusso di coscienza”) è la tecnica narrativa maggiormente adoperata per esprimere liberamente ciò che, esente da sovrastrutture, è la lingua della mente. Al pari della distinzione tra forme “libere” e forme “legate”, discorso diretto e indiretto, il flusso di coscienza preme sulla capacità dell’io interiore di comunicare in attimi di immediatezza e cristallina sincerità – spesso brevi ma intensi – tutta la sua completezza, incoerenze e contraddizioni...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2021/03/setgetetetta.jpg

Qual è il confine tra realtà e sogno? Sembra chiederselo Luigi Pirandello in Effetti d’un sogno interrotto. È il 9 dicembre del 1936, il giorno precedente la scomparsa del Premio Nobel e sul Corriere della Sera appare questa novella che farà poi parte della raccolta postuma Una giornata (1937). La cosa che rende questo scritto pirandelliano particolarmente interessante, è la presenza di particolari che hanno dell’irreale e donano al racconto un’impalcatura dai tratti goticheggianti e...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2021/03/faet3etwtw.jpg

Nel 1863 si tenne a Parigi una delle mostre più famose di sempre, quella del Salon des Refusés. Nel giorno della sua inaugurazione giunsero quasi settemila visitatori: un successo in fatto di numeri, ma un fallimento su altri fronti. Infatti, nonostante la non competenza della maggior parte dei fruitori, essi si beffarono delle opere esposte, così come fece anche la critica. Scrisse Louis Esnault su Revue Française: «In generale la qualità dei quadri respinti è...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2021/03/y4yyyyyze.jpg

Il X secolo si configura come un periodo di cambiamenti e di notevole crisi in Europa. È un momento di invasioni, i Normanni arrivano in Francia, gli Ungari si apprestano ad espandersi nell’Europa centrale e i Saraceni conquistano il meridione. L’instabilità politica e le lotte intestine sono la conseguenza della spartizione dell’Impero carolingio nella metà del IX secolo. In questo contesto frammentato, la dinastia degli Ottoni (a partire da Ottone I già re di Germania),...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2021/03/u6utuytuty.jpg

L’Età del Ferro in Italia centro meridionale, Sicilia e Sardegna copre un periodo che va dal 1000 a.C. al 725 a.C. circa mentre nell’Italia settentrionale prosegue per altri 200 anni. In questa età i rapporti commerciali con l’ambiente egeo sono sempre più intensi, come possono attestare le importazioni di ceramica greca lungo le coste dall’Etruria alla Campania e la fondazione di colonie greche e fenicie nel corso dell’VIII secolo a.C. sia in Italia che in...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2021/03/wefewfewfwewef.jpg

Parlare di Dante Alighieri, il giorno del Dantedì: vi può essere occasione più propizia per raccontare (sinteticamente e superficialmente, non si può aver altra scelta) come il grande viaggio del nostro poeta preferito ebbe inizio in quell’opera magistrale, sensazionale, straordinaria, nonché sublime, che è la Divina Commedia? Quando Francesco Petrarca e Giovanni Boccaccio discussero di Durante Alighieri in un acceso scambio epistolare, mentre analizzavano le sue opere e disquisivano in merito a pregi e difetti,...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2021/03/vvvv.jpg

Cosa divide la musica dalla poesia? La poesia è davvero musica del linguaggio oppure un semplice stile narrativo? Potremmo definire “etica della musica” il quesito che interroga sull’esistenza effettiva, oppure no, di un suo contributo più nobile. Eugenio Montale, premio Nobel per la letteratura nel 1975, dice di scoprire la poesia grazie alla musica. Tramite il melodramma, definisce la musica una grande scoperta, poi un grande amore. Montale racconta la sua grande passione, il melodramma, durata tutta...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2021/03/dwdwdwww.jpg

In Ascolto il tuo cuore, città Alberto Savinio rievoca la città di Milano prima della guerra, in una passeggiata narrata lungo nebbie e odori, ricordi, accadimenti e ombre fantasmatiche.   «Civiltà “chiusa” è civiltà molto matura e conchiusa in sé, che non aspetta più nulla dall’esterno e fa tesoro di quello che possiede. È la sola forma di civiltà che mi interessi. La sola che risponda fedelmente al significato originario della parola civiltà e ne...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2021/03/swfwfawfaf.jpg

Il personaggio di Robin Hood ci è noto anche grazie all’adattamento fatto dalla Disney. Ma forse non tutti sanno che le storie riguardo questo misterioso figuro hanno percorso molti secoli prima di arrivare fino a noi. Fu in parte grazie al Romanticismo che leggende di questo genere furono riscoperte e tramandate. Negli anni che precedettero la sua piena fioritura, si assistette a un interesse nei confronti del mondo medievale. Una della manifestazioni più efficaci fu...