HomeCategoryPrimo Piano Archivi - La Citta Immaginaria

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/01/afdfefe.jpg

Le origini della Biblioteca di storia moderna e contemporanea risalgono al lontano giugno 1880, quando la Camera dei deputati approvò la proposta di Pasquale Villari di costituire una raccolta di libri, opuscoli e documenti relativi al Risorgimento italiano. Nacque così la Sezione Risorgimento della Biblioteca nazionale Vittorio Emanuele II di Roma, il cui direttore, Domenico Gnoli, avviò l’opera di acquisizione del nucleo originario delle raccolte attraverso una fitta rete di rapporti con le librerie antiquarie...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/01/dedvegv.jpg

In Quel che resta di Auschwitz – L’archivio e il testimone (1998), Giorgio Agamben riflette sulla Shoah e allo stesso tempo sulla contemporaneità; lo definisce il punto di non ritorno, perché dopo Auschwitz non è più possibile fare poesia. L’attenzione di Agamben si concentra sul problema dell’archivio e del testimone: l’archivio è ciò che riunisce e mette insieme, colleziona; è ciò che la storia da una parte dice e dall’altra occulta. È il deposito di...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/01/efefewgewg-1280x700.jpg

«Un attimo che valga una vita». È questo che Hirokazu Kore’eda insegue con il suo secondo lungometraggio – primo da sceneggiatore – Wandāfuru raifu (conosciuto anche come After Life, 1998). Un istante di pura gioia che oscuri il resto di un’esistenza spesso meschina e illumini l’infinito. Le persone, appena decedute, si recano in una sorta di limbo proprio per individuare il ricordo più prezioso della propria vita, prima del trapasso. Non vi è alcun tipo...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/01/sadvdevwvw.jpg

Primigenio, incontaminato, innocente: è con questi occhi che Pier Paolo Pasolini guarda il mondo contadino sicché, quando si trasferì tra il ’42 e il ’49 a Casarsa nel Friuli, il contatto con questa realtà, identificata con la sua giovinezza, costituì un momento essenziale della sua esperienza. La sua prima produzione poetica, oltre che quella in lingua, attiene la poesia dialettale friulana, l’unica che può rendere l’innocenza primordiale. La sua formazione è inserita nel clima dell’Ermetismo,...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/01/fhjtykjt.jpg

Chrétien de Troyes è uno dei maggiori autori del romanzo cavalleresco. Egli ha scritto cinque opere principali, ma per molti il Perceval o il racconto del Graal (1175-1190 ca.), rimasto incompiuto, è il romanzo più interessante. Vi sono varie teorie sull’origine di questo intreccio, ma ciò che è interessante notare è come con quest’opera avvenne in Chrétien un serio mutamento ideologico, che però non è in contrasto con le ideologie delle sue opere precedenti, semplicemente...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/01/Angelo-Bellobono-Artist-book-2020-rid.jpg

Certi luoghi sono un richiamo, appuntamenti che l’anima assicura nell’attesa e riconosce a tempo debito, in una forza attrattiva predestinata e necessaria, scritta nelle storie familiari, che tracciano territori in cui si identifica un’appartenenza, un ritorno alle origini del proprio percorso personale. La residenza artistica di Angelo Bellobono a Mezzanotte, a Casa Sponge e nei suoi dintorni, si tinge di attesa e ricongiungimento, affezione malinconica e rimembranze dell’infanzia. L’artista e insegnante di sci delinea la...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/01/dfgfgrg.jpg

Elizabeth Siddal, prima di essere la Beatrice di Rossetti, è l’Ofelia più celebre nella storia dell’arte. L’allora diciannovenne Lizzie posò per John Everett Millais immersa nell’acqua completamente vestita e, nonostante gli accorgimenti del pittore, che aveva posto sotto la vasca delle lampade ad olio, il risultato fu un grave raffreddore per la fanciulla. Malgrado il retroscena così poco poetico, l’esito ottenuto è uno dei dipinti più noti ed evocativi dell’arte moderna: il volto di Ofelia...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/01/sacscefe.jpg

Nella sua bellissima biografia di Federico Fellini, Tullio Kezich scrive che al momento di congedarsi da Donald Sutherland, protagonista del Casanova col quale aveva avuto un rapporto tempestoso, il regista «era già pieno di nostalgia e turbato dal sospetto di aver lavorato, senza rendersene conto, a un sarcastico autoritratto in costume da gentiluomo del Settecento: il peggio di un maschio condizionato da un’educazione sbagliata quando mette piede sul pianeta donna». Siamo a maggio del 1976...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/01/dsvdfgrg.jpg

La Biblioteca dell’Istituto nazionale di Archeologia e Storia dell’Arte (BiASA) è ospitata – insieme all’omonimo museo e alla Soprintendenza per i Beni artistici e storici di Roma – all’interno di Palazzo Venezia, la prima grande opera rinascimentale di architettura civile in Roma, ancora memore della fortezza medievale. L’unicità della BiASA deriva dal fatto di essere la sola Biblioteca specializzata in archeologia e storia dell’arte a livello nazionale, con circa 380.000 volumi (in gran parte collocati...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/01/grgrgrger.jpg

Rinomato per aver rinverdito il linguaggio narrativo italiano, Tondelli in realtà fu anche un vivace promotore di giovani talenti; nel 1985, mentre era impegnato nell’indagine sulla condizione giovanile per conto della rivista Linus, lo scrittore decise di lanciare una proposta agli under 25: l’opportunità di esprimersi a tutto tondo, purché fosse attraverso la forma narrativa. Un progetto a metà strada tra «un’ipotesi di sociologia culturale e un’indagine letteraria», per dirla con le sue stesse parole....