HomeCategoryLetteratura Archivi - La Citta Immaginaria

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/05/eqfefefef-1280x700.jpg

«Vivere è percorrere il mondo / attraversando ponti di fumo». La vita per Juan Rodolfo Wilcock si riassume in questi due versi. La fugacità dell’esistenza umana è sempre percepibile nei suoi scritti, in cui si mischiano visioni eteree di sogno e descrizioni di luoghi comuni e umani, quasi dolorosamente umani: «Che l’uomo si dimeni follemente o rimanga seduto in una poltrona, il risultato sarà alla fine sempre lo stesso: la sua vita sembrerà un sogno,...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/05/dfedfefef.jpg

A 40 anni dall’uscita de Il Nome della rosa, la casa editrice La Nave di Teseo ne farà uscire una nuova edizione arricchita con i disegni inediti e gli appunti dell’autore. Un appuntamento da non perdere, dunque, per gli amanti di questo romanzo che ha avuto un incredibile successo internazionale, senza precedenti, tanto che in soli tre anni è stato tradotto in una ventina di lingue. Nato dal genio di Umberto Eco, nel romanzo confluisce...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/05/fvfssgdsgds.jpg

La Ballata del carcere di Reading (The Ballad of Reading Gaol), di C.3.3. L’attribuzione di questa ballata è l’identità che Oscar Wilde assunse durante il suo periodo di detenzione presso la prigione di Reading, città del Berkshire, a sud-est dell’Inghilterra. In questo carcere i detenuti non erano più uomini con un nome, ma venivano riconosciuti tramite sigle formate da lettere e numeri indicanti la cella nella quale i prigionieri scontavano la loro pena: Wilde si...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/05/efefewfewfew.jpg

Samuel Beckett e la sua ferace produzione drammatica si sono rivelati estremamente ostici da decodificare nella loro ermetica immediatezza, violentemente astratti, ostili a qualsivoglia durevole tentativo interpretativo. Opera antesignana di una necessità letteraria contemporanea: il rifiuto perentorio di ogni determinazione. Il filosofo dacio Costantin Noica, infatti, ascrive la suddetta negazione a un morbo ontico, celato ma alquanto manifesto a un osservatore acuto e costituente lo spirito umano, da egli denominato “ahoretia”. Il termine horos in...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/05/ssssasa.jpg

«O misere menti degli uomini, o animi ciechi! In quale tenebrosa esistenza e fra quanto grandi pericoli si trascorre questa vita così breve!»   Troviamo questa sconsolata esclamazione nel proemio del II libro del De rerum natura di Lucrezio, poeta latino che visse tra il 98 e il 55 a.C. e che – stando a quel che ci riferisce San Gerolamo – divenuto folle per un filtro d’amore, morì suicida a 44 anni. Le notizie...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/05/dfvefefefe.jpg

L’Ottocento è stato il secolo della riscoperta delle origini. Basti pensare alla grande opera di raccolta che i folcloristi hanno svolto nei vari paesi europei, alla ricerca di leggende e storie che andassero a ricostruire il ponte che ci lega al passato. Si è cercato di dare nuova voce all’anonimato di quei testi che per secoli hanno mantenuto il loro corso sotto la superficie della nostra civiltà, la quale – così come le radici degli...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/05/frewgrewfrwef.jpg

Uno degli aspetti caratterizzanti gli attori o presentatori comici è quello di sottolineare la difficoltà di suscitare il riso rispetto a quella, al contrario, di commuovere. Un autore, il primo della letteratura latina di cui conserviamo opere intere, che non ha certamente fallito in questo intento è Plauto, l’autore che effettua un rovesciamento burlesco della realtà allo scopo di far divertire la gente. Le trame di Plauto sono quelle tipiche della commedia nuova greca: intrecci...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/05/cssddzsvzds-1280x700.jpg

Tra le sale del British Museum si erge la magnificenza di una scultura soprannominata Giovane Memnone, eretta in memoria del faraone Ramses II. Venne acquisito dal museo londinese nel 1821, ma parte del monumento era già giunta nel 1818 a Deptford. Questo soprannome fu attribuito alla statua a partire da “Memnonuanum”, il nome greco del Ramesseum, il tempio funerario di Ramses II a Tebe. L’arrivo di questa maestosa opera d’arte a Londra venne anticipata dalla...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/04/700-Schermata-2020-04-28-alle-10.28.32-1280x700.jpg

Primo video di Edito INedito, la rubrica dedicata alla presentazione dei libri delle piccole e medie case editrici che spesso rimangono all’ombra dei grandi colossi. Carmela Mastrangelo, ricercatrice e docente di Indologia presso l’Università di Roma La Sapienza, parla del suo libro “Passaggio in Europa“, edito da Unicopli. Filologa classica di formazione, i suoi interessi spaziano dalla linguistica alla grammatica alla letteratura sanscrita. Con Raffaele Torella ha curato per la Hoepli il “Corso di sanscrito”...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/04/dvdsvdssd.jpg

Realtà e finzione: chi meglio di Jorge Luis Borges riesce a identificarle? L’autore nasce a Buenos Aires nel 1899 e partecipa ai movimenti d’avanguardia spagnoli e argentini. La sua smaniosa curiosità lo spinge a indagare anche settori poco frequentati, come la filosofia medievale, la cultura araba e quella ebraica; una sterminata conoscenza che sarà messa a frutto nella sua opera narrativa. Occupa anche la carica di direttore della Biblioteca Nazionale: con ciò si spiega la...