HomeCategoryArte Archivi - Pagina 2 di 22 - La Citta Immaginaria

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/05/vdvdvdvdsv.jpg

In origine intitolato a San Silvestro, il Monastero di Santa Scolastica nel XIV secolo venne dedicato alla sorella di San Benedetto da Norcia (480 ca.-547), da cui la denominazione attuale; sorge accanto a quello di San Clemente, dove dimorava lo stesso Benedetto, e ospita al suo interno l’omonima cattedrale, sede dell’abate ordinario dell’abbazia territoriale di Subiaco. Rispetto al Sacro Speco, collocato più a monte, il monastero di Santa Scolastica è disposto longitudinalmente e parallelamente alla...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/05/efewfewfewf.jpg

Con lo sbarco degli Alleati in Sicilia e la caduta del regime fascista, il decentramento delle opere d’arte che precedentemente erano state portate nei ricoveri di campagna dovette subire delle modifiche poiché le opere non erano più al sicuro. Tra l’ottobre e il novembre del 1943 a Roma sussisteva un gravissimo vuoto istituzionale in quanto, dopo la costituzione della Repubblica Sociale, tutti i ministeri e gli organi di governo furono trasferiti al Nord; in particolare...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/05/dsvdessvg.jpg

Da quasi mille anni il Monastero di San Benedetto o Sacro Speco – così detto in nome della grotta in cui, all’inizio del VI secolo, il giovane San Benedetto da Norcia visse da eremita per tre anni – è considerato la culla della spiritualità benedettina. Definito nel 1461 da papa Pio II un “nido di rondine” per la sua inusuale collocazione, è infatti incastonato nella parete rocciosa dell’impervio Monte Taleo. Sebbene quest’ultimo si trovi a...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/04/dfdefdesd.jpg

Con l’entrata in guerra dell’Italia al fianco della Germania, il 10 giugno 1940, il governo – su iniziativa dell’allora Direzione Generale delle Antichità e Belle Arti del Ministero dell’Educazione Nazionale – aveva approvato la legge sulla protezione delle cose di interesse artistico, storico, bibliografico e culturale della Nazione in caso di guerra, la quale autorizzava i Soprintendenti ad agire con misure straordinarie per difendere il patrimonio culturale. Nel frattempo era stata disposta la chiusura dei...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/04/01_cadioli-Desert-drawing_rid.jpg

«La macchina richiama la mia attenzione perché racchiude in sé ritmo: cioè lo sviluppo d’una misura che l’uomo ha tratto dal mistero della natura […] La macchina è una materia formata, severamente logica nell’ubbidienza d’ogni minima fibra a un ordine complessivo. Non è materia caotica. Cela, la sua bellezza sensibile, un passo dell’intelletto. Nella macchina s’attuano prodigi di metrica» Giuseppe Ungaretti, Lettera, Civiltà delle macchine, 1953, anno I, Gennaio – Febbraio   I luoghi della...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/04/zdvdsvs.jpg

Numerose sono le vicende storiche che hanno caratterizzato, nel corso dei secoli, il lembo di terra attraversato dal corso del fiume Aniene. La più antica risale all’imperatore romano Claudio Nerone (56-68 d.C.), il quale riscontrò nella vallata in questione il luogo ideale per erigere una sontuosa villa, che restò di appartenenza imperiale fino al III secolo d.C. Questa, grazie alla prossimità del fiume e grazie alla realizzazione di imponenti ponti-dighe, era dotata di ben tre...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/04/dfdsgsg-1280x700.jpg

Nella cultura antica le muse erano le divinità della comunicazione poetica; si riscontrano a partire dalla mitologia greca, citate per la prima volta nella Teogonia di Esiodo. Delle nove muse – figlie di Zeus e Mnemosyne – si sa praticamente tutto, dai loro nomi alle loro caratteristiche, tanto che esse finirono per essere raffigurate ognuna con i propri attributi iconografici, i quali permisero di riconoscerle e differenziarle. Tuttavia esiste una musa che non compare nella...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/04/Carosello-con-loghi_rid.jpg

L’arte è tra i doni più belli che arrivano alle profondità dell’anima e sanno curare come un balsamo le ferite del cuore, stringendo legami inscindibili che costruiscono e rinsaldano vicinanze emotive, percorsi di bene comune, azioni sociali. Nella distanza forzata per questo stato di emergenza, si uniscono i cuori al sostegno e al conforto di chi ha visto sprofondare il proprio sostentamento. L’Anci Marche, per risponde alla dolorosa situazione vissuta dall’Italia tutta e dal territorio...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/04/asfaefefef.jpg

Nonostante la situazione attuale ci impedisca di assaporare appieno bellezza e arte, queste ultime hanno inaspettatamente e discretamente continuato ad allietare le nostre giornate, entrando nelle case degli italiani in momenti estremamente delicati. Durante i discorsi pubblici del Presidente del Consiglio Conte e di Papa Francesco è infatti possibile intravedere due opere che fanno da sfondo ai loro eloqui, come a voler sottolineare che – dietro il grigiore di questa emergenza – c’è sempre un...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/04/sfafefewfw.jpg

Fra gli antichi mestieri ormai scomparsi si annovera certamente quello del tintore. Un’attività rilevante per l’industria tessile dell’Occidente medievale che suscitò fin dall’antichità diffidenza e disprezzo. In particolare, nell’Europa medievale cristiana la repulsione per coloro che praticavano l’arte della tintoria fu ancora più forte, manifestata sia nella prassi che nell’immaginario. Per spiegarne il motivo bisogna innanzitutto partire dal lessico, essendo la parola il miglior modo per tramandare significati e ideologie. Come ha analizzato Michel Pastoureau...