HomeCategoryArte Archivi - La Citta Immaginaria

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/08/daaeaeafe.jpg

«Quanto largo e benigno si dimostri talora il cielo nell’accumulare in una persona sola l’infinite ricchezze de’ suoi tesori e tutte quelle grazie e’ più rari doni che in lungo spazio di tempo suol compartire fra molti individui, chiaramente poté vedersi nel non meno eccellente che grazioso Raffaello Sanzio da Urbino». Qual miglior modo per introdurre Raffaello se non attraverso le parole di Vasari, suo grande estimatore nonché principale biografo. Nato ad Urbino il venerdì...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/08/advdvad.jpg

Crisi: momento difficile, di forte turbamento, di riflessione. Viene dal greco krisis, scelta, e da krino, distinguere. Non ha dunque un’accezione negativa come la intendiamo oggi. Anzi, la crisi è positiva: è la quiete (non calma) prima del cambiamento e dell’azione. È saper distinguere il prima dal dopo. Ricostruire dopo la demolizione. Detto così il tutto può sembrare utopico. Ma il sogno non si allontana di molto dalle macchinazioni del reale: il processo di cui...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/08/yjjuujmru.jpg

I tempi interessanti della Biennale Veneziana si riscontrano nei Padiglioni Nazionali in una riflessione intima, straniante, futuristica, relazionale, di genere, incalzante sulle dinamiche sociali, identitarie, politiche e culturali dell’età contemporanea. Diversi i Padiglioni che hanno deciso di affidare ad un unico artista l’analisi di quest’epoca contemporanea certamente turbolenta e che ha fatto del termine “Interesting Times” il vessillo del proprio scorrere. Renate Bertlmann con Discordo Ergo Sum, curata da Felicitas Thun-Hohenstein, orchestra gli ambienti del...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/08/dvdvdd-1.jpg

La splendida architettura settecentesca di Palazzo Sturm, sita a Bassano del Grappa, per celebrare l’anelata riapertura dopo oltre un anno di restauri, ospita un’esposizione temporanea dedicata all’estro incisorio del genio innovatore natio di Norimberga: Albrecht Dürer. 214 opere ascrivibili alla collezione Remondini saranno integralmente fruibili al visitatore sino al 30 settembre 2019. Il raffinato palazzo è sede dal 2007 del Museo della Stampa Remondini dedicato alla valorizzazione dell’opera della rinomata omonima stirpe di tipografi di...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/08/dvdvdvd-1.jpg

Palazzo Strozzi accoglie dal 28 settembre 2019 al 12 gennaio 2020 la creativa Natalia Goncharova, firma talentuosa dell’avanguardia russa. Firenze celebra un’artista innovativa e vivace che si è imposta al mondo nel Novecento come pittrice, attrice cinematografica, scenografa e costumista donando alla sua arte un linguaggio riconoscibile e personale. Protagonista di eventi straordinari, è la prima donna a dipingere nudi ed è costretta a subire la censura da parte della Chiesa per le opere a...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/08/dsvssees.jpg

Meglio noto come lo “007 dell’arte italiana”, Rodolfo Siviero (Guardistallo, 24 dicembre 1911 – Firenze, 26 ottobre 1983) dedicò la sua vita al recupero e alla restituzione delle opere d’arte italiane razziate dai nazisti nel corso della Seconda Guerra Mondiale. Tuttavia, la sua fama non deriva solo dal fatto di esser stato il “Monuments Man italiano” più celebre della storia: questo personaggio controverso si distinse altresì come spia e agente segreto. La sua “carriera” in...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/08/asfsafasf.jpg

Non noteremmo un tale fiorellino – Non fosse che riporta All’erba zitto zitto Quel poco che perdemmo di giardino. Così fragrante accenna un sì il garofano – Così ubriaca va sbandando l’ape – Così argentini cento flauti Si spandono da un centinaio d’alberi – Chi vede questo fiorellino Rià l’apparizione Dei bobolink intorno al trono E agli aurei denti di leone.   Emily Dickinson nacque nel 1830 in Massachusetts; suo padre era un facoltoso avvocato...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/08/cdda.jpg

L’arte ha da sempre l’indiscutibile capacità di comunicare attraverso un linguaggio che apre le porte ad infinite interpretazioni e traduzioni; un idioma mutevole e plasmabile alle esigenze di chi osserva: un volto, un paesaggio, una scritta che portano con sé infinite verità e doti persuasive che involontariamente condizionano più persone di quante sia in grado di fare un esperto oratore. Oggigiorno ci nutriamo di immagini sotto ogni punto di vista: socialmente, spiritualmente e politicamente il...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/08/vadvsvs.jpg

Nativo di Fabriano, del 1929, Giuseppe Uncini è un artista diverso, che si distingue dalla massa. Nella sua espressione artistica mostra un uso piuttosto singolare della materia, sia sotto il profilo pratico, sia per quel che riguarda l’estetica che è alla base delle sue opere. Servendosi nelle sue sculture del cemento armato e in alcuni casi della carta, egli mira alla realizzazione di una ricerca delle origini, perseguita dall’uso di linee libere, attraverso le quali...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/08/defrgrrw.jpg

Il termine latino limes, in età repubblicana, indicava sostanzialmente una via di infiltrazione, una sorta di adito verso paesi sconosciuti, un percorso che consentiva alle legioni romane di raggiungere e assoggettare nuovi territori. Strettamente connesso all’ambito militare, a campagne belliche e all’espansione di Roma. Nei primi anni dell’Impero cominciò ad essere utilizzato per designare una frontiera terrestre – in antitesi a quella acquatica, ripa – ma non necessariamente fortificata. Sovente l’espressione viene associata all’imponenza peculiare...