HomeCategoryArte Archivi - La Citta Immaginaria

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/03/ddcdscds.jpg

Il Sommo Poeta non collocò esplicitamente nel tempo il suo viaggio ultraterreno della Divina Commedia, pertanto non scrisse la data esatta del suo inizio, ma gli studiosi – attraverso alcuni indizi disseminati nel testo – sono riusciti a dedurne i dati cronologici: il 25 marzo del 1300. In tale data – per iniziativa del governo, su proposta del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo – è stata istituita la giornata...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/03/RID90246252_2621132641435238_5283479209157591040_o.jpg

Tra le mura domestiche rimane acceso, nell’isolamento doveroso, una riconosciuta interdipendenza, uno spirito di comunità che spinge a resistere e rinunciare alla vita collettiva nel breve periodo. All’interno della propria casa si tengono con se’ i suoni delle voci a cui siamo affezionati, i dialoghi, le riflessioni, le fotografie, i documenti di una frequenza assidua, piacevole, gentile che è temporaneamente sospesa, ma rimane presente in una connessione emotiva condivisa. L’arte, capace di dare euritmia a...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/03/scscfasfasaf.jpg

Tre settimane prima del decreto con il quale il Governo ha ordinato la chiusura di musei, teatri e attività culturali di ogni genere, un evento attesissimo è scampato alle restrizioni imposte dal sopraggiungere della minaccia epidemiologica: l’esposizione dei dieci arazzi raffaelleschi nella Cappella Sistina. L’iniziativa si è protratta per una settimana esatta, dal 17 al 23 febbraio 2020, in ragione della natura estremamente delicata degli arazzi, che per l’occasione sono stati interessati da una lunga...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/03/defwferwerre.jpg

È con shock e profonda tristezza che la Christ Church Picture Gallery della Oxford University annuncia il furto di «tre dei dipinti più amati della Galleria», avvenuto durante la notte del 14 marzo scorso, intorno alle 23.00. Il danno ammonta a circa 12 milioni di dollari. Si tratta di tre pregevoli opere d’arte dal valore inestimabile, realizzate da artisti del Cinque e Seicento: il Ragazzo che beve del bolognese Annibale Carracci, che testimonia il suo interesse...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/03/700-igor-miske-oLhTLD-RBsc-unsplash.jpg

In questi giorni di ansie e tumulti, ma in fin dei conti di pausa per una cospicua parte degli italiani, vi invitiamo a non perdere il contatto con le arti e la cultura. Molti musei italiani e del resto del mondo mettono a disposizione i cataloghi delle loro collezioni e, in certi casi, permettono dei tour virtuali delle gallerie. Perché non approfittarne proprio ora senza dover aspettare di poter arrivare dall’altro lato del mondo? Per...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/03/0269e587468667.5db933aa40ecc_RIDRID.jpg

Per una immersione nell’arte contemporanea quotidiana, si propone oggi un piccolo viaggio introspettivo e circolare nella realtà della digital art che coinvolge la vista e l’udito all’interno di scenari sinestetici e multiformi. La visual art di Igor Imhoff si nutre di continue sperimentazioni, connessioni, elaborazioni ibride che vanno dalla video art al video mapping, dall’animazione alla glitch art. Narrazioni oniriche, manipolazioni elettroniche e asperità digitali, orchestrate per successione di immagini e suoni, estesi e sintetizzati,...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/03/scccdscsde.jpg

L’essere umano si è trovato costretto a fronteggiare le epidemie sin dall’alba dei tempi. L’arte, in qualità di strumento di racconto della realtà, non si è mai sottratta dal compito di svelare al mondo gli effetti che queste hanno suscitato sugli uomini. Nel presente articolo ripercorreremo i momenti salienti e le opere-manifesto delle epidemie che hanno segnato la storia dell’umanità. Quando le popolazioni hanno iniziato a raggiungere una certa densità e hanno incrementato la mobilità...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/03/efefefeweww.jpg

Dopo aver parlato della salvaguardia del patrimonio italiano operata dai Musei Vaticani sul finire della seconda guerra mondiale, concentriamo adesso la nostra attenzione su Napoli, una delle città italiane con il maggior numero di bellezze culturali, che non restò immune dai saccheggi dei nazisti. «[…] un telegramma cifrato, l’ordine atteso e temuto, ci tramutò da direttori di gallerie e di musei, in imballatori di opere d’arte, in trasportatori di casse; e ci gravò le spalle...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/03/Ridotta-Francesca-Romana-Pinzari-Aspettandoti-2020-poltroncina-coperta-e-solfato-di-rame-nstallazione-1.jpg

Una recensione generalmente nasce con l’intento di suggerire e invogliare i fruitori ad immergersi realmente nello spazio espositivo, confrontandosi direttamente con le opere per carpirne le profondità in un dialogo visivo; oggi, invece, questo piccolo racconto invita tutti a rimanere nelle proprie abitazioni ed intraprendere un viaggio virtuale, tra parole e immagini, all’interno di una casa del Quadraro di cui abbiamo scritto molto e che esce dall’usuale contesto abitativo: Casa Vuota. In attesa che la...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/03/efewfewfewffew.jpg

Il Reichmarschall Hermann Göring (Rosenheim 1893 – Norimberga 1946), braccio destro di Hitler, come è noto fu un grande appassionato di arte, nonché rapace collezionista; approfittò della guerra per accalappiarsi, con ogni mezzo, quante più opere possibili. Nel 1936 Göring fu responsabile del piano quadriennale per la rinascita economica della Germania in vista della guerra e avviò la confisca di tutti i beni di proprietà ebraica, promuovendo – inoltre – un minuzioso programma di incameramento...