Avatar

HomeAuthorRichard Drake, Autore presso La Citta Immaginaria

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/08/700-Caracalla_et_Geta.jpg

Elagabalo, col sostegno della madre, Giulia Soemia, e della nonna materna, Giulia Mesa, venne acclamato imperatore dalle truppe orientali, in opposizione all’imperatore Macrino, all’età di 14 anni. Il regno di Elagabalo fu fortemente segnato dal suo tentativo di importare il culto solare di Emesa a Roma e dall’opposizione che ebbe questa politica religiosa. Il giovane imperatore siriano, infatti, sovvertì le tradizioni religiose romane, sostituendo a Giove, signore del pantheon romano, la nuova divinità solare del...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/07/avegsgr-1280x700.jpg

Il prossimo 12 settembre si inaugura a Manhattan presso la galleria One Art Space TriBeCa la mostra Sabir. Visionary bridge del duo artistico italian dap (Ada Perla – Luigia d’Alfonso), a cura di Penelope Filacchione. La mostra si inquadra nel progetto Secret Essence of Italy voluto e curato per la galleria da Liria Ingallina e avente come obiettivo lo scambio artistico e culturale tra gli U.S.A. e l’Italia. In realtà l’evento sarà il punto di...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/05/61075578_2704254609647939_4010770272096354304_n-1.jpg

L’occasione di una nuova edizione delle favole scritte da Leonardo da Vinci fornisce lo spunto per approfondire alcune tematiche inerenti la sua opera. Non è nuova la definizione di filosofo per Leonardo da Vinci, ma è sicuramente la meno praticata e trascurata, rispetto alla fortuna delle definizioni che lo vogliono proto scienziato, genio, pioniere del volo, sperimentatore delle arti militari e dell’idraulica, nonché grandissimo artista rinascimentale. «Tristo l’allievo che non supera il maestro» è una...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/05/dyaa-eldin-103-unsplash-1.jpg

Mi sono sempre domandato come mai nei western di Sergio Leone fossero sempre assenti gli indiani (i nativi). Immagino perché il West, la frontiera americana, raccontata dal regista romano, non sia reale ma simbolico, un’operazione poetica quindi. Ha sottratto aspetti della cronaca in favore del simbolo universale. Un’operazione simile ma su un versante diverso è stata fatta dagli autori di un libro da poco edito da Arbor Sapientiae, Pellerossa. Antologia dal Sand Creek. Ne sono...