Ottavia Pojaghi Bettoni

HomeAuthorOttavia Pojaghi Bettoni, Autore presso La Citta Immaginaria

Nata a Stoccarda, ha vissuto per molti anni in Germania, in Svizzera e in Francia. Attualmente si divide tra Roma e Verona. Scrive poesie e racconti.
https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2021/04/efefeeefwfwe.jpg

«Amate l’esistenza della cosa più della cosa stessa e il vostro essere più di voi stessi». Questo, diceva, «è il più grande concetto dell’acmeismo». Osip Mandel’štam ha 47 anni quando muore ucciso da un viaggio troppo lungo, troppo faticoso, troppo sbagliato: quello della sua deportazione verso Kolyma. Scrive nel 1933 un Epigramma a Stalin: sarà la sua condanna a morte. È uno dei principali rappresentanti dell’acmeismo, un movimento letterario russo nato nel 1910 e terminato alla...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2021/03/bbbb.jpg

Dall’inglese “stream” (corrente, flusso), lo “stream of consciousness” (“flusso di coscienza”) è la tecnica narrativa maggiormente adoperata per esprimere liberamente ciò che, esente da sovrastrutture, è la lingua della mente. Al pari della distinzione tra forme “libere” e forme “legate”, discorso diretto e indiretto, il flusso di coscienza preme sulla capacità dell’io interiore di comunicare in attimi di immediatezza e cristallina sincerità – spesso brevi ma intensi – tutta la sua completezza, incoerenze e contraddizioni...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2021/03/vvvv.jpg

Cosa divide la musica dalla poesia? La poesia è davvero musica del linguaggio oppure un semplice stile narrativo? Potremmo definire “etica della musica” il quesito che interroga sull’esistenza effettiva, oppure no, di un suo contributo più nobile. Eugenio Montale, premio Nobel per la letteratura nel 1975, dice di scoprire la poesia grazie alla musica. Tramite il melodramma, definisce la musica una grande scoperta, poi un grande amore. Montale racconta la sua grande passione, il melodramma, durata tutta...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2021/02/bbbbbb.jpg

«Volere il meno possibile e conoscere il più possibile» è la massima che ha guidato la vita di Arthur Schopenhauer. Lo dice lui, o meglio: lo scrive. I suoi scritti, noi, li ritroveremo su carta stampata quasi per miracolo: questi pensieri non furono infatti mai pubblicati nell’intero arco della sua vita. Preceduto da L’arte di essere felici, saggio nel quale – attraverso cinque massime – impariamo a essere il più felici possibile senza sforzi eccessivi,...