HomeAuthorNicoletta Provenzano, Autore presso La Citta Immaginaria

Nata a Roma, storica dell’arte e curatrice. Ho scritto e curato cataloghi e mostre in collaborazione con professionisti del settore nell’ambito dell’arte contemporanea, del connubio arte-impresa e arte-scienza. Mi affascinano le ricerche multidisciplinari e il dialogo creativo con gli artisti.
https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/08/yjjuujmru.jpg

I tempi interessanti della Biennale Veneziana si riscontrano nei Padiglioni Nazionali in una riflessione intima, straniante, futuristica, relazionale, di genere, incalzante sulle dinamiche sociali, identitarie, politiche e culturali dell’età contemporanea. Diversi i Padiglioni che hanno deciso di affidare ad un unico artista l’analisi di quest’epoca contemporanea certamente turbolenta e che ha fatto del termine “Interesting Times” il vessillo del proprio scorrere. Renate Bertlmann con Discordo Ergo Sum, curata da Felicitas Thun-Hohenstein, orchestra gli ambienti del...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/08/dewgwgw.jpg

La forza di un nero pregnante ricopre la lastra di un vigore misterico e fondativo: la poetica di Andrea Lelario si estrinseca e si costruisce dal nero inchiostro che bagna come un mare di sogni il tramonto ramato della lastra, incisa da milioni di segni. I solchi indagano immagini interiori, archetipe, che risalgono da un fondale sommerso, attraverso correnti enigmatiche che trasportano in superficie un’esistenza sepolta. Una elegante e fine téchne, che vive di un...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/07/srgrreherhe.jpg

Oggetti antichi, forme reiterate di utensili e manufatti, vegetali e cristalli, vecchie fotografie e pendenti di vetro rifondano anime di un passato che portano racchiuse storie perdute, la cui eco si incastona come labile solco negli occhi che le percorrono. Un’azione diretta e ferma sui materiali e la contemplazione di segni, manualità e pensiero, serialità e compiutezza di una forma unica ripetuta, presiedono al lavoro dell’artista che, attraversato nella sua formazione da morsure e incisioni...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/07/advdevevde.jpg

«All’origine di una nave c’è la struggente vicenda della civiltà: costruita oggi, essa dev’essere prevista in modo che veda oda senta pensi parli domani». Raffaello Brignetti, La Nave, in Civiltà delle Macchine, 1953   Il diluvio universale e l’arca salvifica non è tema esclusivo della Bibbia, ma è soggetto di molte tradizioni e miti orientali e greci dall’origine antichissima. Tutti i miti e le tradizioni religiose identificano la furia delle acque, scatenate dall’ira delle divinità...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/07/avdvdsvss.jpg

Dalle fiumare della terra di Calabria, dal lavorio lento dei corsi d’acqua, dal mare, dalle piogge e poi dal sole, dal restringimento dei bacini, dalla sabbia granulosa, da qui proviene la materia prima delle sculture di Giovanni Longo: legni trasformati ed intarsiati dal tempo e dagli agenti atmosferici, reliquie terrestri di sembianze vegetali che negli assemblaggi dell’artista assumono forma di ossature animali. Piccoli segmenti, formati dall’incessante erosione degli elementi, andranno a comporre, nell’unione tra le...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/07/scsaas.jpg

In un luogo del sentire vivo e sincero, multiforme, flessibile e condiviso, dove i linguaggi conquistano lo spazio alternandosi e susseguendosi reciprocamente, prende corpo e determinazione la ricerca poetica e viscerale di Francesca Romana Pinzari. Il suono impercettibile del carboncino che percorre la carta accompagna lo sguardo tra i nodi di segni che compongono la nuova ricerca dell’artista: un inscindibile collegamento e fusione tra mente, anima e ventre, che in un groviglio di connessioni si...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/07/ascscs-1.jpg

Le stanze di Casa Vuota si riempiono del chiacchiericcio, del vociare pettegolo e impertinente di signore perbeniste che nel concedersi un piccolo peccato di gola formano un’assemblea giudicante che esamina il passaggio anche del fruitore più ammodo. Le Malelingue, la personale dell’artista pugliese Domenico Ventura a cura di Sabino de Nichilo e Francesco Paolo Del Re, accoglie gli ospiti in un’atmosfera paesana o di quartiere che appartiene a ogni cittadina, a ogni piccola o grande...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/06/axdcdsasfa.jpg

Certi tesori rimangono racchiusi dentro fessure nascoste della storia che la caparbietà e la passione di studiosi riportano alla luce. Gli anni di studi e ricerche della storica dell’arte Claudia Viggiani sono stati ripagati da una mirabile scoperta che sveglia dal sonno silenzioso di nove secoli un affresco medievale, databile all’incirca al XII secolo, nella Chiesa di Sant’Alessio all’Aventino. L’affresco di oltre quattro metri di altezza, riportato alla luce solo in parte, si sviluppa su...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/06/afefe.jpg

«Vanno vengono ritornano e magari si fermano tanti giorni che non vedi più il sole e le stelle e ti sembra di non conoscere più il posto dove stai…» Le Nuvole, Fabrizio De Andrè   La terra si apre vasta e piena nei suoi dolci e lievi pendii, nelle ascese flessuose che accompagnano lo sguardo verso l’innesto con il cielo. Casa Sponge accoglie nel suo quotidiano una nuova mostra, Che sei nei Cieli, a cura...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/06/scsaf.jpg

Il Giardino di sculture La Serpara di Paul Wiedmer, l’8 giugno appena trascorso, ha aperto al pubblico le sue radure per l’edizione 2019, inaugurando l’opera Poltergeist dell’artista Davide Dormino, entrata a far parte della collezione di sculture che popolano il parco. L’artista, nel suo colloquio sincero e intenso con il paesaggio armonico e multiforme de La Serpara, crea un dialogo dimensionale, un’apparizione corporea di un fenomeno soprannaturale che si innalza dalle onde erbose. L’opera, presentata...