HomeAuthorMattia Pescitelli, Autore presso La Citta Immaginaria

Nato a Roma, è attualmente studente di Cinema, Televisione e Nuovi Media in DAMS presso l’Università degli Studi Roma Tre. Oltre all’amore per il cinema, prova anche un profondo interesse per il mondo della fotografia e delle Arti nel loro insieme, apprezzando quando questi entrano in collisione e si amalgamano per diventare un unico ibrido.
https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/10/eaeefefe.jpg

L’uscita in sala di Joker, film diretto da Todd Phillips e interpretato da Joaquin Phoenix, è stato accompagnato da una sorta di isteria di massa. Il pubblico e gran parte della critica lo hanno innalzato a film-monumento. C’è chi lo ha definito un capolavoro, altri ancora che si sono spinti a incoronarlo probabile vincitore del premio più importante del settore. Qualcuno ha addirittura affermato che siamo di fronte a un film da manuale di storia...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/09/dvdvdsvdsv-1280x700.jpg

1969: un anno che difficilmente può essere cancellato dalla storia collettiva contemporanea. È l’anno dell’allunaggio. L’anno del primo volo Concorde. L’anno in cui ha inizio il primo mandato Nixon. L’anno di Easy Rider. L’anno di Woodstock. Ma anche l’anno del sacrificio di Jan Palach. L’anno delle proteste in Piazza Tienanmen. L’ultimo anno di un decennio che ha avuto molto da dire e le cui ripercussioni continuano tutt’oggi a rombare nelle pieghe della contemporaneità. Anni di innovazione,...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/09/dvdsvadv-1280x700.jpg

Immaginate. Immaginate di avere 14 anni. Immaginate di esservi appena trasferiti in una sperduta cittadina del Montana insieme ai vostri genitori. Immaginate di essere felici di ciò che avete. Immaginate di guardare i vostri genitori battibeccare dolcemente. Di vederli con il sorriso. Immaginate che quei sorrisi scompaiano di colpo. Immaginate che i due pilastri che vi sorreggevano si dividano, lasciandovi a terra e costringendovi a sostenervi con le vostre deboli gambe, troppo giovani per reggere...