Monica Di Martino

HomeAuthorMonica Di Martino, Autore presso La Citta Immaginaria

Laureata in Lettere e laureanda in Filosofia, insegna Italiano negli Istituti di Istruzione Secondaria. Interessata a tutto ciò che "illumina" la mente, ama dedicarsi a questa "curiosa attività" che è la scrittura. Approda al giornalismo dopo un periodo speso nell'editoria.
https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/07/gsge.jpg

Chiunque si aggiri per Campo dei Fiori a Roma non potrà fare a meno di notare come, collocato al centro di essa, vi sia l’imponente monumento dedicato a colui che fu dichiarato un “eretico impenitente” dall’Inquisizione e, come tale, arso sul rogo su questa stessa piazza, il 17 febbraio 1600. I problemi di Giordano Bruno con l’Inquisizione sorsero ben presto, fin da quando – a undici anni – vestì l’abito domenicano e venne redarguito più...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/06/5try5u5ru5ru.jpg

In pieno clima positivista si colloca Émile Zola, il romanziere sperimentale la cui produzione si è sviluppata – in gran parte – nella seconda metà dell’Ottocento. Si dedicò al giornalismo e all’attività di romanziere, scrivendo inizialmente racconti di impronta romantica per poi abbracciare pienamente le idee positiviste. Il suo primo romanzo naturalistico, Therese Raquin, fu impostato proprio su basi scientifiche. Al suo apparire, il romanzo – che narra di due amanti tormentati per aver compiuto...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/06/erererere.jpg

Che il reale possa essere considerato da punti di vista differenti, anche lontani o antitetici fra di loro, che ogni cosa abbia il suo rovescio, che la realtà sia sempre aperta e mutevole è quanto si afferma nella letteratura carnevalesca, della quale François Rabelais è stato considerato uno dei maggiori esponenti d’età rinascimentale. A quale opera si faccia riferimento precisamente è presto detto: il romanzo di Gargantua e Pantagruele. Sotto lo pseudonimo di Alcofribas Nasier, l’autore...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/06/dsgeggewg.jpg

Fobie, ossessioni, angosce furono le compagne – possiamo dire – di una vita per Carlo Emilio Gadda e lasciarono una traccia indelebile anche nelle sue opere. Proveniente da un ambiente borghese, la rovina economica della famiglia gli impose una vita di ristrettezze. Qui comincia a maturare il rancore nei confronti dei genitori per averlo esposto a privazioni e sacrifici in precedenza non contemplati. Anche la guerra fu per lui motivo di trauma: partito come volontario...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/06/asefefefewft.jpg

Ricorre questa settimana il cinquantenario della morte di Giuseppe Ungaretti, lo scrittore definito come massimo esponente di quella corrente chiamata ermetismo. Fondamentale nella sua esperienza la scelta di arruolarsi come volontario sul Carso, dove nasceranno le liriche pubblicate con il titolo Il Porto sepolto. I versi successivi saranno  raccolti in Allegria di naufragi e confluiranno nel volume L’allegria. È lo stesso Ungaretti che tiene a precisare il carattere autobiografico delle sue poesie; ricollegandosi al Simbolismo, porta alle...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/05/axaxaaa.jpg

Il mese di maggio è tristemente noto per uno tra gli eventi nella storia repubblicana che ha maggiormente colpito l’opinione pubblica: sono infatti trascorsi pochi giorni dal ventottesimo anniversario della strage di Capaci, testimone imperituro dell’importanza fondamentale della lotta al fenomeno mafioso, che tante vittime ha mietuto e altrettante miete ancora oggi. La strage pone ovviamente l’accento su Palermo e, più in generale, su tutta la Sicilia. Accanto a illustri esponenti di attivismo politico, ve...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/05/dfedfefef.jpg

A 40 anni dall’uscita de Il Nome della rosa, la casa editrice La Nave di Teseo ne farà uscire una nuova edizione arricchita con i disegni inediti e gli appunti dell’autore. Un appuntamento da non perdere, dunque, per gli amanti di questo romanzo che ha avuto un incredibile successo internazionale, senza precedenti, tanto che in soli tre anni è stato tradotto in una ventina di lingue. Nato dal genio di Umberto Eco, nel romanzo confluisce...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/05/ssssasa.jpg

«O misere menti degli uomini, o animi ciechi! In quale tenebrosa esistenza e fra quanto grandi pericoli si trascorre questa vita così breve!»   Troviamo questa sconsolata esclamazione nel proemio del II libro del De rerum natura di Lucrezio, poeta latino che visse tra il 98 e il 55 a.C. e che – stando a quel che ci riferisce San Gerolamo – divenuto folle per un filtro d’amore, morì suicida a 44 anni. Le notizie...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/05/frewgrewfrwef.jpg

Uno degli aspetti caratterizzanti gli attori o presentatori comici è quello di sottolineare la difficoltà di suscitare il riso rispetto a quella, al contrario, di commuovere. Un autore, il primo della letteratura latina di cui conserviamo opere intere, che non ha certamente fallito in questo intento è Plauto, l’autore che effettua un rovesciamento burlesco della realtà allo scopo di far divertire la gente. Le trame di Plauto sono quelle tipiche della commedia nuova greca: intrecci...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/04/dvdsvdssd.jpg

Realtà e finzione: chi meglio di Jorge Luis Borges riesce a identificarle? L’autore nasce a Buenos Aires nel 1899 e partecipa ai movimenti d’avanguardia spagnoli e argentini. La sua smaniosa curiosità lo spinge a indagare anche settori poco frequentati, come la filosofia medievale, la cultura araba e quella ebraica; una sterminata conoscenza che sarà messa a frutto nella sua opera narrativa. Occupa anche la carica di direttore della Biblioteca Nazionale: con ciò si spiega la...