Laura Fontanesi

HomeAuthorLaura Fontanesi, Autore presso La Citta Immaginaria

Archeologa, specializzata in archeologia classica e del Vicino Oriente antico; studiosa di tradizioni funerarie e degli aspetti concernenti l’ambito cultuale. Luddista consapevole, inattuale, solipsista risoluta e tracotante, funesta erinni. Affascinata da parole, storie e arcaici numi. Fervente adepta della vis polemica ed espressiva. Scrivere, narrare, ascoltare, leggere, approfondire, ponderare, ideare, progettare, creare.
https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/05/efefewfewfew.jpg

Samuel Beckett e la sua ferace produzione drammatica si sono rivelati estremamente ostici da decodificare nella loro ermetica immediatezza, violentemente astratti, ostili a qualsivoglia durevole tentativo interpretativo. Opera antesignana di una necessità letteraria contemporanea: il rifiuto perentorio di ogni determinazione. Il filosofo dacio Costantin Noica, infatti, ascrive la suddetta negazione a un morbo ontico, celato ma alquanto manifesto a un osservatore acuto e costituente lo spirito umano, da egli denominato “ahoretia”. Il termine horos in...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/12/cfaesfaefeasf.jpg

Antigone, figura mitologica audace e risoluta, sventurata ma appassionata e volitiva eroina protagonista dell’omonimo dramma sofocleo. Appartenente alla funesta stirpe dei Labdacidi; incestuosa e malaugurata prole di Edipo e della di lui madre, Giocasta, con la quale l’infausto sovrano tebano condivise involontariamente il talamo matrimoniale, dopo l’inconsapevole parricidio del suo predecessore, Laio.   Da quali genitori ebbi la luce! Presto sarò con loro, nubile e maledetta! Sofocle, Antigone   L’Antigone va ascritta al c.d. ciclo...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/10/dscefewfewfew.jpg

Francis Bacon, Lucian Freud e gli esponenti della cosiddetta School of London saranno fruibili – dal 26 settembre 2019 al 23 febbraio 2020 – compressi in un eterogeneo allestimento al Chiostro del Bramante in Roma. Oltre ai celeberrimi sopracitati Maestri, la mostra – curata da Elena Crippa, curatrice di arte britannica moderna e contemporanea alla Tate Gallery – ospiterà alcune opere di Michael Andrews, Franck Auerbach, Leon Kossoff. Artisti naturalizzati a Londra, contraddistinti da stili,...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/09/dfewfewfew.jpg

Dalla spuma del mare sale un fragore e già sono a terra: gli occhi ardenti iniettati di sangue e di fuoco, vibrando la lingua lambiscono la bocca con un sibilo. Sconvolti, esangui fuggiamo. Loro con termine sicuro muovono contro Laocoonte. E prima avvincono i due piccoli corpi dei figli e li stringono: morso più morso straziano quelle loro misere carni; poi afferrano il padre che accorre armato in aiuto e con spire immense l’avvolgono: due...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/09/fefewf.jpg

La Casa Sperimentale Perugini di Fregene, edificata ta il 1968 e il 1971, colpisce subitaneamente per il netto contrasto con gli edifici limitrofi. Avulsa dal tessuto urbano residenziale circostante, essa nacque come audace sperimentazione architettonica di tre architetti: Uga de Plaisant, Giuseppe Perugini e loro figlio, Raynaldo. Un mutevole e continuo esercizio stilistico, una sorta di Wunderkammer dove ogni componente della famiglia poteva divertirsi a proporre soluzioni e artifici stravaganti, modificandone incessantemente il progetto in...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/09/dvdvdva.jpg

I natali della cosiddetta Villa Poniatowskij sembra possano essere ricondotti alla prima metà del XVI secolo e intimamente subordinati all’opera di Giovanni Maria del Monte, il discusso Pontefice mecenate Giulio III, il quale per primo si occupò della sistemazione del Casino Nobile e del parco di questo vasto possedimento terriero acquistato, caratterizzato in particolar modo dalla presenza di un’estesa vigna. Egli la donò al fratello e questa fu la motivazione del novello epiteto della proprietà:...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/09/efrgg.jpg

Quando cupi ammassi di nuvole nascondono dalla vista il cielo, quando nell’aria il tuono sparge il brontolio assordante, tutti si sentono giocattoli alla mercé d’un fato non benigno. Ma pure da un cielo interamente sgombro può scaturire un lampo; per questo, persino nei momenti di maggior felicità, devi sempre paventare che la malefica sciagura non ti sia lontana. Non devi attaccarti con tutti i sentimenti ai beni della terra, che sono passegeri! Chi ha, deve...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/08/scscs-1280x700.jpg

Il tema del viaggio notturno che il Sole compie nell’Aldilà, attraverso i minacciosi, ma allo stesso tempo rigeneranti, abissi del mondo, è l’argomento centrale dei Libri dell’Aldilà, definiti in egiziano antico come «i Libri di ciò che è nella Duat». Essi si presentavano riccamente illustrati, ed è importante sottolineare come le immagini non ricoprano solo la funzione di mere illustrazioni ma, al contrario, costituiscano, insieme al testo, un insieme fortemente unitario. Peculiarità di questo tipo...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/08/dvdvdd-1.jpg

La splendida architettura settecentesca di Palazzo Sturm, sita a Bassano del Grappa, per celebrare l’anelata riapertura dopo oltre un anno di restauri, ospita un’esposizione temporanea dedicata all’estro incisorio del genio innovatore natio di Norimberga: Albrecht Dürer. 214 opere ascrivibili alla collezione Remondini saranno integralmente fruibili al visitatore sino al 30 settembre 2019. Il raffinato palazzo è sede dal 2007 del Museo della Stampa Remondini dedicato alla valorizzazione dell’opera della rinomata omonima stirpe di tipografi di...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/08/defrgrrw.jpg

Il termine latino limes, in età repubblicana, indicava sostanzialmente una via di infiltrazione, una sorta di adito verso paesi sconosciuti, un percorso che consentiva alle legioni romane di raggiungere e assoggettare nuovi territori. Strettamente connesso all’ambito militare, a campagne belliche e all’espansione di Roma. Nei primi anni dell’Impero cominciò ad essere utilizzato per designare una frontiera terrestre – in antitesi a quella acquatica, ripa – ma non necessariamente fortificata. Sovente l’espressione viene associata all’imponenza peculiare...