Lucia Cambria

HomeAuthorLucia Cambria, Autore presso La Citta Immaginaria

Siciliana, laureata in lingue, letterature e traduzione. Particolare predilezione per la poesia romantica inglese e per la comparatistica. Traduttrice di prosa e versi. Appassionata di lettura di classici, scrittura, arte sacra e tradizioni locali.
https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/11/dvddvdvdava.jpg

I dolori del giovane Werther è il romanzo che nel 1774 rese Johann Wolfgang von Goethe, all’epoca solo venticinquenne, uno dei più grandi scrittori europei. Il successo dell’opera fu eclatante, addirittura in maniera quasi fastidiosa nei confronti dello stesso suo autore, che in Viaggio in Italia commenterà così la “morbosità” del suo pubblico: «Qui mi importunano con le traduzioni del mio Werther, me le mostrano e chiedono quale sia la migliore e se la storia...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/11/frwfewfewfew.png

«Je chante pour chanter, je t’aime pour chanter»: in questo verso dedicato a Gala, la sua prima moglie, Paul Éluard condensa tutta la propria vocazione poetica, incardinata attorno a una inequivocabile costante sentimentale. Nato a Saint Denis nel 1895, Eugène-Emile-Paul Grindel inizia a usare lo pseudonimo Éluard (si tratta del cognome della nonna materna) nel 1917, con la pubblicazione di Le devoir et l’inquiétude. Aveva preso parte alla prima guerra mondiale arruolandosi nei servizi ausiliari...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/11/scegegew.jpg

Un mito può trovare forma in molteplici versioni e rivisitazioni, così come avvenuto a quello di Edipo, che funse da materia prima per la composizione di Gregorius, il grande poema epico-religioso di uno dei più importanti poeti cavallereschi del medioevo tedesco: Hartmann von Aue. Ministeriale presso una non ben identificata località di nome Ouwe (grafia originaria di “Aue”, da cui deriva il nome “von Aue”, letteralmente “da Aue”), poche notizie biografiche ci sono note: visse...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/10/sfefefewfewf.jpg

La produzione letteraria di Thomas Stearns Eliot raggiunse l’apogeo con il poema che più di tutti rifletté la profonda crisi interiore del poeta: The Waste Land (1922). Come sostenuto da Mary Hutchinson, scrittrice del Bloomsbury Group, attivo a Londra nei primi decenni del Novecento, questa poesia costituiva l’essenza della “Tom’s autobiography” e il poeta sembra accogliere con entusiasmo questo parere, affermando: «It was […] the relief of a personal and wholly insignificant grouse against life;...