Giorgia Pellorca

HomeAuthorGiorgia Pellorca, Autore presso La Citta Immaginaria

Vive nell'agro pontino e quando può si rifugia in collina, a Cori, tra scorci mozzafiato, buon vino e resti storici. Ha studiato Lettere moderne per poi specializzarsi in Filologia. Curiosità ed empatia si fondono nell'esercizio dell'insegnamento. Organizza eventi quali reading e presentazione di libri.
https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/11/sacfefewgwg.jpg

Negli stessi anni in cui in Italia la narrativa cerca di rivelarsi ai lettori come un costante miracolo, nella speranza e nella volontà di poter ancora sognare dopo la Grande Guerra, in America Latina il Real diventa Maravilloso: prima che nei romanzi, la meraviglia emerge dai resoconti dei navigatori europei (in particolar modo quelli di Antonio Pigafetta che accompagnò Magellano) partiti alla conquista del continente. Nelle descrizioni dei paesaggi e degli animali si racconta di...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/11/afefefwew-1280x700.jpg

È quello che spesso si sentono ripetere gli sciagurati che hanno alle spalle un percorso di studi in ambito umanistico e che non hanno un vero e proprio lavoro pur avendo quasi trent’anni; sono ragazzi che tendenzialmente si arrangiano: ripetizioni, qualche stage qua e là, camerieri per il fine settimana, un pensierino al dottorato, sempre con il curriculum da aggiornare (come se fosse quella virgola in più o in meno a fare la differenza) e...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/10/sscsacsacsa.jpg

È folle l’amore messo in scena da Salvatores nel suo ultimo film; un amore che è scoperta, istinto, contatto e paura. Il regista ha affermato di non aver mai ricevuto un plauso così accorato come quello esploso alla Mostra del Cinema di Venezia lo scorso settembre. E dopo aver visto Tutto il mio folle amore si capisce benissimo il perché. La storia ha come protagonista Vincent, un adolescente autistico interpretato magistralmente da Giulio Pranna alla...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/10/vdsavewrg.jpg

Nel 2020 verranno celebrati i cento anni dalla nascita del maestro, scrittore e pedagogo Gianni Rodari (che il 23 ottobre di quest’anno avrebbe compiuto 99 anni). Mentore di molte generazioni di lettori, Rodari ci ha lasciato una serie di storie e di filastrocche divertenti, commoventi e anche “visionarie”: le tematiche da lui trattate sono di un’attualità disarmante. Attraverso gli strumenti incantati della fantasia e dell’immaginazione, questo autore ci ha donato molto di più di storielle...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/10/safefewt2.jpg

Sappiamo quanto possa essere suggestiva una figurazione ed evocativa una composizione testuale; ma cosa accade quando parole e immagini si uniscono, creando connessioni tra arti e artisti diversi e distinti? Avviene una sorta di incanto emotivo, l’abbraccio di una comunicazione che è molteplice e stimolante. Un momento di estati teso all’immaginazione e alla contemplazione. Per questo abbiamo provato ad accostare allo splendore dei quadri la potenza dei versi; e viceversa. Un piccolo itinerario di bellezza...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/10/wfewfefew.jpg

Vengono dedicate canzoni a dettagli, stati d’animo, città, avvenimenti storici; ma cosa avviene quando la fonte d’ispirazione è lo stesso strumento che ci permette l’espressione? Succede che, in un mix di commozione e magia, la potente e antica pratica della scrittura viene celebrata come un’innamorata, come una salvatrice. È quello che dichiara Caparezza in China Town: l’autore descrive il suo rapporto con la scrittura e il viaggio spirituale che lo conduce alla città della china....

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/10/ddddd.jpg

La passione di Giovanna d’Arco è un film muto del 1928; il regista danese Carl Theodor Dreyer inizia a interessarsi al personaggio di Giovanna nel 1924, anno in cui la martire viene canonizzata. Tutti conosciamo Giovanna, la sua storia e la sua tragica morte, eppure Dreyer non ha voluto cavalcare l’onda narrativa già esistente, preferendo invece una trasposizione diversa, originale, più “intima”. Basandosi sulle parole trascritte nel verbale del processo (conservato nella Biblioteca della Camera...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/09/scsssw.jpg

Sardonico, elegante, a volte irriverente. Pungente, con un occhio lucido sulla realtà, profondo, assolutamente originale. Quando i maturandi del 2017 lo trovarono in prima prova, molti si chiesero: «Ma chi è costui?» e questo episodio gli ha gettato senz’altro un fascio di luce che prima aveva solo per alcuni lettori/studiosi di nicchia. Ma Giorgio Caproni, grande poeta del Novecento, va indagato ed esplorato in tutta la sua straordinaria poetica. Di seguito riportiamo tre delle sue...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/09/dfedsdef.jpg

Come nasce una storia? Esiste una parola che è la chiave di tutto, il motore immobile dell’atto creativo: l’idea. L’idea non è solo una lampadina che si accende all’improvviso, l’idea è una completa illuminazione. Come si fa a sviluppare un’idea, un singolo concetto senza un contesto, senza linee guida, partendo dunque da una sola parola? La scrittura creativa si occupa proprio di questo: tirare fuori una serie di idee concatenate che credevamo di non possedere...