Giorgia Pellorca

HomeAuthorGiorgia Pellorca, Autore presso La Citta Immaginaria

Vive nell'agro pontino e quando può si rifugia in collina, a Cori, tra scorci mozzafiato, buon vino e resti storici. Ha studiato Lettere moderne per poi specializzarsi in Filologia. Curiosità ed empatia si fondono nell'esercizio dell'insegnamento. Organizza eventi quali reading e presentazione di libri.
https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/12/Tommaso-Landolfi.jpg

In uno scuorante quartiere d’una città essa medesima per tanti versi scuorante, al primo piano d’una casa borghese vivevano due zittelle colla vecchia madre. E buon per il lettore ch’io non sento il dovere, che a quanto sembra altri sente imperioso, di descrivere minutamente simili luoghi! Ce ne sarebbe di che fare entrar le paturnie al meglio disposto. Con che costrutto non so vedere; dunque cercherò di limitarmi qui ai cenni strettamente indispensabili, che sarà...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/04/cfafaesfdef.jpg

Da più di un mese viviamo sospesi in un tempo che non è il nostro – non può esserlo. Scardinati dalla nostra caotica quotidianità, ci siamo ritrovati a doverne ricostruire un’altra, fatta di nuovi e anche bizzarri riempimenti; facciamo quello che possiamo mentre assistiamo alla morte, alla devastazione (psicologica, sociale, economica) e alla rinascita. Una rinascita che però non è dovuta all’#andràtuttobene, no. La rinascita è quella della natura e forse dovremmo chiamarla resurrezione: la...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/04/zxvdsvdsvds.jpg

All’alba del primo giorno del 1945, una ragazza ventenne di nome Kinga, raccoglie – abbracciandoli – quaderni, penne e inchiostro per rifugiarsi in una cantina e sfuggire ai bombardamenti su Buda; lo stato d’isolamento la porta ad evadere in maniera immaginifica e a tornare così ai giorni felici della sua adolescenza trascorsa nelle campagne e nel castello della nonna materna. Kinga scrive, ricorda e registra le sue limpide memorie contrapponendole alla miseria del presente, una...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/04/dvdvdssds.jpg

La fortuna è. La fortuna è degli audaci. La fortuna è cieca. La fortuna è cieca, ma la sfiga ci vede benissimo. La fortuna è ciò che accade quando la preparazione incontra l’opportunità. La fortuna è nelle stelle. La fortuna è di chi se la crea. La fortuna è come un fiume in piena. La fortuna è arbitraria. La fortuna è il talento che incontra l’occasione. La fortuna è dietro l’angolo. La fortuna è imprevedibile....

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/03/dsvgrge.jpg

Piccolo, sottile, prezioso; nascosto su uno scaffale alto, impolverato, mimetizzato tra gli altri libri. Ha saputo incatenare a sé una curiosità bambina come la carrolliana boccetta che suggeriva ad Alice: «Bevimi!»; ed è bastato tenerlo nelle mani riunite a conca per percepire la freschezza antica che mi avrebbero dato quelle parole – le sue parole – più ristoratrici di una sorsata d’acqua. A fine lettura ho appuntato sulla prima pagina, dolcemente ingiallita, «È stato bello...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/03/gdgrgergere.jpg

La forma compiuta delle scienze dev’essere poetica. Novalis   La rivista letteraria on–line LaRecherche.it nata da un’idea di Giuliano Brenna e Roberto Maggiani, tra le numerose iniziative promosse, nel mese di ottobre ha lanciato l’invito a partecipare a un’antologia tesa a indagare il rapporto tra arte e scienza; gli autori, attraverso un contributo (poetico, narrativo, saggistico, artistico) hanno dovuto interpretare, discutere o mostrare la relazione tra le due, «entrambe espressione della nostra capacità simbolica, cioè...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/02/ewfefewf2f32w.jpg

Al fiorire della primavera si spalancheranno le porte di Ninfa, oasi del WWF, terra contesa negli anni dallo stato pontificio e le nobili famiglie (i conti di Tuscolo, i Frangipane, i Conti, i Colonna, i Caetani), giardino dell’Agro Pontino denominato dal New York Times come il «più bello e romantico al mondo», perla storica e naturale di inestimabile valore. Quando Celestino V («colui / che fece per viltade il gran rifiuto», Canto III, Inferno) nel...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/02/efewfewwe4.jpg

Seduto sul trono del più grande impero dell’antichità, Marco Aurelio guardava in maniera accurata dentro di sé oltre che fuori dal mondo; è stato un imperatore-filosofo dedito allo studio e alla meditazione, che era solito interrogarsi e cercare la verità nella sua anima e nel suo intelletto. Ci ha lasciato dodici libri di riflessioni scritti in greco in forma aforistica, chiamati di solito Pensieri e rinominati dai latini Ad se ipsum (A se stesso). Non...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/02/cscascascas.jpg

«Questo sentimento popolare nasce da meccaniche divine», canta Battiato; e non a caso abbiamo un repertorio meraviglioso di canzoni e poesie d’amore. Per festeggiare il giorno degli innamorati, riportiamo di seguito tre tra le più significative liriche amorose. Dedicatele a chi amate leggendole con il cuore. Buon San Valentino!   Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale e ora che non ci sei è il vuoto ad ogni gradino. Anche così è...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/02/dsfefeww.jpg

Quello delle relazioni amorose è un tema sempiterno; basti pensare ad alcuni titoli letterari tra i più celebri come Le relazioni pericolose di Choderlos de Laclos, Gli amori difficili di Calvino o ai romanzi della Austen Orgoglio e pregiudizio e Ragione e sentimento. Già da questa manciata di titoli si capisce come l’amore venga percepito da sempre un sentimento problematico, difficoltoso, rischioso. Citando De André «ma gli uomini mai mi riuscì di capire perché si...