Giulia Ferri

HomeAuthorGiulia Ferri, Autore presso La Citta Immaginaria

Classe 1995, durante gli anni universitari si sposta tra Bologna, Siena e Barcellona laureandosi prima in Antropologia e successivamente in Strategie Comunicative. La sua vita si racchiude in una macchina fotografica e un buon vecchio classico.
https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/09/wefefewfewf.jpg

La Fondazione Prada di Milano apre le porte all’Intelligenza Artificiale e lo fa attraverso l’alternativo e innovativo punto di vista di Training Humans, la prima mostra interamente dedicata all’esplorazione dei retroscena che compongono il modellamento e il perfezionamento costante di questi dispositivi. Frutto della collaborazione tra la professoressa Kate Crawford e l’artista e ricercatore Trevor Paglen, Training Humans – in esposizione fino al 24 febbraio 2020 – si presenta come un viaggio a ritroso nella...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/09/scscascsc.jpg

Milano apre le porte all’artista catalano Daniel Steegmann Mangrané, perfetto esempio di eclettismo e poliedricità artistica figlia di un naturale talento interpretativo e comunicativo, al punto da elevare la propria arte verso un’innovativa sperimentazione tecnica e un totale stravolgimento dei ruoli e delle regole stesse dell’estetica museale. Classe 1977, Mangrané muove i primi passi nel mondo dell’arte affascinato dal Neo Concretismo Brasiliano di Hèlio Oiticica e Lygia Clark, per poi approdare nel corso degli anni ad...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/09/fefew.jpg

Ancora pochi giorni per poter ammirare presso il Museo Carlo Bilotti di Roma le opere di Frank Holliday, esponente di quella giovane generazione di artisti che nella New York degli anni 80’ rivoluzionò il mondo dell’arte e della musica. Assiduo frequentatore dello storico Club 57, Holliday rientrò a pieno titolo tra gli artisti più famosi della scena underground del famoso locale nell’East Village; soprannominato anche l’Anti Studio 54, il Club 57 divenne lo status symbol...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/08/efewfewf-1280x700.jpg

In questi mesi è stata una delle nazioni più chiacchierate dai media internazionali, a partire dalla controversa figura del suo presidente, Jair Bolsonaro, sino alla devastazione che tutt’ora sta subendo la Foresta Amazzonica. Per un motivo o per un altro, oggi il Brasile è sulla bocca di tutti: l’interesse mediatico nei confronti di uno degli Stati più grandi al mondo, il quinto per estensione, ha raggiunto un livello tale da portare all’attenzione di un pubblico...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/08/cdda.jpg

L’arte ha da sempre l’indiscutibile capacità di comunicare attraverso un linguaggio che apre le porte ad infinite interpretazioni e traduzioni; un idioma mutevole e plasmabile alle esigenze di chi osserva: un volto, un paesaggio, una scritta che portano con sé infinite verità e doti persuasive che involontariamente condizionano più persone di quante sia in grado di fare un esperto oratore. Oggigiorno ci nutriamo di immagini sotto ogni punto di vista: socialmente, spiritualmente e politicamente il...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/08/vdgvswsw.jpg

La fotografia è una forma d’arte che permette di racchiudere in un solo semplice scatto una storia che non si ripeterà mai più; un attimo impresso sulla pellicola in grado di raccontare per sempre un particolare di vita di una persona: la risata di una giovane coppia, le lacrime di un padre, le proteste di una generazione. Una cassa di risonanza sul tempo che a volte è in grado di diventare portavoce di coloro che...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/08/sasadvd.jpg

Il poliedrico scrittore inglese John Ruskin definiva le montagne le grandi cattedrali della terra, con i loro portali di roccia, i mosaici di nubi, i cori dei torrenti, gli altari di neve e le volte di porpora scintillanti di stelle. Una descrizione idilliaca ed epifanica che richiama alla mente l’idea delle montagne come di un qualcosa di totalmente esterno alla vita comune degli uomini, una presenza divina sulla Terra che ricorda incessantemente all’uomo la propria...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/08/scscscsczs.jpg

La poetessa statunitense Maya Angelou affermava che quando una donna lotta per stessa, lotta per tutte le donne. Un grido, una protesta che anche se proveniente da una singola voce può portare con sé il dolore e la rabbia di un’intera comunità discriminata e violata semplicemente per il proprio sesso; un dissenso che in taluni casi è in grado di far nascere un vento di speranza e di forza che permette alle donne di continuare...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/07/wdwdqwdfq-1280x700.jpg

Sesso e disabilità sono da sempre considerati due mondi moralmente inconciliabili e socialmente contrapposti, realtà che unite andrebbero a scardinare troppo i dogmi e i tabù di una società che vive di categorizzazioni immutabili e obsolete. Nonostante questa secolare frattura, i pregiudizi e le discriminazioni a cui entrambi sono continuamente sottoposti hanno consolidato sempre più una generale ignoranza sull’argomento, ostacolando inevitabilmente il percorso educativo delle persone stesse, troppo spesso confinate nel loro handicap. La mostra...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/07/tyhynyye.jpg

Il 2019 è stato un anno indubbiamente contraddistinto da una nuova consapevolezza nei confronti dell’ambiente e di una presa di posizione sempre più forte nei confronti dell’inquinamento di matrice umana; il fenomeno Greta Thunberg e le conseguenti numerose marce per il clima hanno reso un argomento da sempre marginale in un tema cardine su cui discutere e riflettere, con artisti, studenti, attivisti e politici pronti a mettersi in gioco per una nuova eticità. Gange: rivers...