Alice Massarenti

HomeAuthorAlice Massarenti, Autore presso La Citta Immaginaria

Nata in provincia di Modena, classe ’84, si è laureata in “Quaternario, Preistoria e Archeologia” con tesi in “Evoluzione degli insiemi faunistici del Quaternario”. Ha un’ossessione per i fossili e una famiglia che importuna costantemente con i racconti delle sue ricerche sul campo.
https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/07/ergwergsrgaer.jpg

Gli studi recenti mettono in risalto l’importanza della componente vegetale nella dieta umana del Paleolitico, grazie soprattutto alle evidenze costituite dalle analisi isotopiche, dai residui vegetali rinvenuti nei siti, dai granuli di amido nel tartaro dei denti e sugli strumenti per la macinazione. Il primo ritrovamento, una macina e un pestello-macinello con granuli di amido di tifa rinvenuti nell’accampamento gravettiano di Bilancino (Firenze), ha fornito la prima testimonianza della produzione di farina nel Paleolitico. Le...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/07/4tgwetgwe4tgw-1280x700.jpg

Nell’età del Rame e nell’età del Bronzo della nostra penisola, materiali di pregio – rari, esotici o semplicemente insoliti – giocano un duplice ruolo: quello di segnalare i fili di antiche vie di traffico e scambio di informazioni tra Europa centro-settentrionale, Italia e area mediterranea e quello di esprimere materialmente differenze di rango o ricchezza e, più in generale, l’interazione e il confronto tra gruppi sociali. In particolare, alcuni tipi ben riconoscibili permettono di collegare...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/07/rghererrhsw.jpg

Testimonianze di accensione del fuoco sono molto frequenti nei depositi archeologici e documentate da momenti molto antichi della preistoria umana. I suoi usi sono riferibili ad attività di vario genere, sia domestiche che artigianali: possono essere legati all’illuminazione, al riscaldamento, alla cottura del cibo, alla trasformazione di materie prime come osso, legno, corno, pietra o pigmenti. Ciò che rimane sono le strutture di combustione impiegate che, a partire dal Neolitico, assumono un ruolo determinante anche...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/07/dvffgfwergfwerg.jpg

Il consumo di bevande da fermentazione alcolica in Italia è legato al passaggio dalla Preistoria alla Protostoria, da comunità del tutto indifferenziate a comunità con prime forme di complessità sociale articolate in gruppi familiari. Nella definizione di bevande fermentate sono comprese bevande ottenute dalla fermentazione di materie prime con contenuto variabile di zuccheri responsabili della formazione di alcool e anidride carbonica destinata all’evaporazione: le birre di cereali, i vinelli di frutti selvatici con proprietà inebrianti...