LetteraturaMusicaPrimo PianoA Villa Ada le poesie di Alda Merini diventano canzoni

Giulia Nazzari Giulia Nazzari14 Luglio 2019
https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/07/wafeafee.jpg

A dieci anni dalla scomparsa, una serata ricorda la grandezza di Alda Merini in un evento musicale ricco di sorprese. Lo spettacolo – che prende il nome da un verso della Merini, Mentre rubavo la vita! – è un viaggio che ripercorre l’esistenza della poetessa trasmettendo, attraverso la musica e le parole, la complessità e la profondità della scrittrice. In scena il violino e la musica narrano i suoi momenti di gioia ma anche le sue paure e i suoi dolori.

Occasione imperdibile per ammirare l’arte che incontra la poesia, la serata vedrà come protagonisti Giovanni Nuti – che ha avuto una collaborazione artistica con la scrittrice durata ben sedici anni – e Monica Guerritore che, dopo il grande successo di End of the Rainbow dedicato a Judy Garland, torna ad ammaliare il pubblico con la forza della sua voce. Lo spettacolo andrà in scena a Villa Ada – martedì 16 luglio dalle 20 – e comprende dodici canzoni costruite sui testi poetici della Merini, eseguite dal vivo dalla Guerritore e musicate dal talento di Nuti con l’accompagnamento di sei musicisti straordinari. L’evento sarà costellato di video, racconti e atmosfere che porteranno gli spettatori alla conoscenza del mondo che la poetessa aveva dentro di sé e che poteva esprimere solo attraverso la poesia.

Giulia Nazzari

Giulia Nazzari

Classe 1992, cresciuta tra i monti abruzzesi e i libri, niente le è più caro di questi due elementi. Appassionata di letteratura, arte e cinema si laurea in Lettere presso l’Università degli Studi dell’Aquila.