Home2021Novembre 2021 - Pagina 2 di 2 - La Citta Immaginaria

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2021/03/dvdvsdvgsdsd.jpg

Tra le figure che maggiormente segnarono la storia e la politica europea del XVIII secolo, Caterina II di Russia (1729-1796) svolse un ruolo di primaria importanza. Nata principessa Sofia di Anhalt-Zerbst e destinata in sposa ancora adolescente al futuro zar Pietro III, Caterina riuscì a imporsi come personalità di assoluto rilievo, meritandosi l’appellativo di “la Grande” e governando il Paese per tutta la seconda metà del Settecento. Donna colta, astuta e ambiziosa, fu al centro...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2021/11/hhh-1.jpg

La mitologia greca abbonda di grandi personaggi e di bellissime storie, che non mancano di essere interessanti, nonché di ispirazione, ancora adesso, a distanza di tantissimi anni. Una prova, se vogliamo, della potenza di certe immagini e di certe culture, che finiscono con l’essere maestre di letteratura per tutte le civiltà successive. Nel libro di Antonio Tabucchi Di tutto resta un poco, c’è un saggio che si intitola Orizzonti, tra i più interessanti di questa raccolta,...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2021/05/vvvvvvvv.jpg

È Alfonso, il protagonista del primo romanzo di Italo Svevo, Una vita – scelto in luogo dell’altro titolo, poiché meno accattivante, Un inetto – a inaugurare un tipo di personaggio, l’inetto appunto, che tornerà regolarmente nelle opere successive dell’autore. Si tratta dell’incarnazione della debolezza, dell’insicurezza psicologica, che lo rende «incapace alla vita». Pur nel frequente ricorso di questa figura nella letteratura di questi anni, l’inetto di Svevo non viene ritratto solo dal punto di vista...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2021/11/yyy.jpg

Nel 2005 è uscito nelle sale uno dei capolavori della filmografia animata, con la visionaria regia di Tim Burton, insigne quest’anno al Festival del Cinema di Roma del Premio alla carriera. Stiamo parlando di La sposa cadavere (Corpse Bride), la triste e malinconica vicenda di una fanciulla assassinata poco prima delle sue nozze e per questo rimasta in un limbo eterno, in attesa del suo sposo. La storia è ambientata nell’Ottocento in un villaggio olandese...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2021/11/aaa.jpg

Per cercare di ricostruire i riti coinvolti nella cremazione nell’Europa centrale antica si è immaginata una sequenza rituale che inizia con la morte dell’individuo e termina con il riempimento della sua tomba, attraverso un processo di risposta sociale alla morte. Essa converte un membro funzionante della società in un corpo senza vita, modificando i legami tra coloro che restano. La struttura della società è compromessa e la comunità viene spinta a risolvere la crisi. Nel...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2021/11/hhhhh.jpg

Antonio Tabucchi, scrittore italiano e studioso di letteratrura morto nel 2012, è stato spesso invitato a parlare di letteratura. In uno dei suoi saggi più importanti, raccolti nel libro Di tutto resta un poco, Tabucchi riflette proprio sulla letteratura, sul lascito di quest’arte sopravvissuta anche ai regimi antidemocratici, che ancor prima di ammazzare i dissidenti, bruciano i libri – soprattutto quelli d’argomento letterario – perché offrono «una visione del mondo differente da quella imposta dal...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2021/10/jjj.jpg

Nell’estate del 1816, i coniugi Shelley si ritrovarono a trascorrere un periodo con George Gordon Byron, Claire Clairmont (sorellastra di Mary) e John Polidori (medico e amico di Byron), presso la Villa Diodati di Ginevra, dove aveva soggiornato anche John Milton. Il gruppo era solito riunirsi e parlare fino a notte fonda, mentre fuori – nonostante fosse giugno – infuriava la tempesta. I tuoni facevano da sottofondo alle parole che gli scrittori si scambiavano e i...