Home2021Novembre 2021 - La Citta Immaginaria

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2021/11/ggfffg.jpg

A cinque anni dalla nascita di Spazio In Situ, la mostra Ipersitu – a cura di Daniela Cotimbo – coinvolge gli undici artisti dell’artist-run space lungo un crinale aperto e rovesciato, intessuto nel gioco di un contatto visivo, reticolare e interattivo, tra dimensione espositiva e narrazione configurativa del fare artistico all’interno dell’atelier. Alla riflessione interconnettiva di ricerche, luoghi e ipertestualità visive promossa da Daniela Cotimbo, gli artisti – Sveva Angeletti, Alessandra Cecchini, Christophe Constantin, Francesca Cornacchini,...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2021/11/jjjl.jpg

Alcuni tra i più importanti poeti romantici hanno avuto vita breve. Breve e travagliata, si oserebbe dire. Sembra quasi che questi artisti abbiano voluto concentrare la loro attività letteraria in un breve arco di tempo. Breve sì, ma intenso. Tutto ciò, ovviamente, presuppone una certa precocità nell’inizio delle attività letterarie, oltre che nella complessità del pensiero. Un’opera che venne pubblicata nel 1813 testimonia tutto ciò. Stiamo parlando di Queen Mab, titolo abbreviato per Queen Mab, a...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2021/06/bbb-1.jpg

Nota in tutto il mondo come uno dei capolavori indiscussi della storia dell’arte, la Cappella Sistina in Vaticano prende il nome da papa Sisto IV della Rovere (pontefice dal 1471 al 1484) che tra il 1477 e il 1480 fece ristrutturare a Giovannino de’ Dolci su disegno di Baccio Pontelli l’antica Cappella Magna. Si tratta di un ambiente rettangolare illuminato da sei grandi finestre e coperto da volta a botte ribassata, divenuta la “tela” sulla...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/12/65y5y45y45457y34.jpg

La nascita di Cristo è uno dei temi biblici che ha ispirato maggiormente gli artisti di tutte le epoche, ma una delle raffigurazioni più insolite è senza dubbio quella dipinta da Pieter Bruegel il Vecchio, celebre artista fiammingo del XVI secolo. Si tratta dell’Adorazione dei Magi conservata presso la National Gallery di Londra. La tavola, firmata e datata in basso a destra, è probabilmente l’unica pala d’altare dipinta dall’artista, nonché una delle poche opere a soggetto...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2021/11/kkk-1.jpg

Casinalbo, frazione di Formigine, si trova tra 67 e 65,5 metri sul livello del mare, a pochi chilometri a sud di Modena. Già dalla metà dell’Ottocento era nota la presenza di una terramara nei pressi del paesino, ma fu solo nel 1880 che fu scoperto un sepolcreto 200 metri a sud del margine meridionale di essa. La necropoli è situata su depositi limosi di pianura alluvionale e occupava in origine una superficie di circa 12000...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2021/11/kkk.jpg

Sarebbe interessante analizzare come un autore si rapporti al suo personaggio, quali dinamiche portino alla creazione di determinati aspetti del protagonista, quanto ci sia dell’animo dello scrittore, del suo carattere, dei suoi sogni, all’interno della sua creazione. In altre parole, quanto controllo abbia a conti fatti sulla sua stessa creatura. Potremmo affermare che un bravo scrittore è proprio colui che riesce a dare vita propria a un personaggio. È in grado di idearlo talmente bene...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/12/eeeeee.jpg

A dispetto di quanto sia stato più volte affermato, la Divina Commedia nasce da una visione cupa e apocalittica della realtà. Dante infatti vede dinanzi a sé un mondo caotico, violento, corrotto, in cui l’ordine voluto da Dio è sovvertito: il potere politico, che dovrebbe garantire il bene agli uomini, trascura la sua funzione; quello religioso, anziché perseguire fini spirituali, si preoccupa di accrescere la propria influenza politica. Tutti i sani valori del passato appaiono...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/11/dfbdfbdfbdfbdf.jpg

Nelle Lyrical Ballads, raccolta poetica pubblicata nel 1798 da Samuel Taylor Coleridge e William Wordsworth, è inclusa una poesia di quest’ultimo intitolata We Are Seven (Noi siamo in sette). In essa l’io poetico dialoga con una bambina chiedendole quanti siano i suoi fratelli e le sue sorelle. Detto così, il tema pare abbastanza semplice, se non banale. Ma la prima strofa della poesia pone un quesito al lettore: cosa ne potrà mai sapere una piccola fanciulla...