Home2020Maggio 2020 - La Citta Immaginaria

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/05/sfefewfewfew.jpg

Le leggende narrano le origini divine di Cori, il cui antico nome era Còra (Còre in dialetto corese arcaico), attribuendone alternativamente la fondazione al troiano Dardano, ad un re di Alba Longa, ad Enea ed infine a Corace, da cui il toponimo. Questi fu infatti un sopravvissuto alla guerra di Troia che, sempre secondo la leggenda, giunse nel paese dopo la fine del conflitto riportandolo a nuova vita. Tuttavia, il nome del sito sembra piuttosto...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/05/axaxaaa.jpg

Il mese di maggio è tristemente noto per uno tra gli eventi nella storia repubblicana che ha maggiormente colpito l’opinione pubblica: sono infatti trascorsi pochi giorni dal ventottesimo anniversario della strage di Capaci, testimone imperituro dell’importanza fondamentale della lotta al fenomeno mafioso, che tante vittime ha mietuto e altrettante miete ancora oggi. La strage pone ovviamente l’accento su Palermo e, più in generale, su tutta la Sicilia. Accanto a illustri esponenti di attivismo politico, ve...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/05/dvdvdsvzdsvzds.png

Di certo per i palazzi vaticani il tema del giudizio finale o universale – che dir si voglia – non è nuovo; pertanto, oltre al più celebre Giudizio di Michelangelo dipinto sulla parete di fondo della Cappella Sistina, ne esiste uno di minori dimensioni e assai più antico. Si tratta della tavola dipinta da Nicolò e Giovanni conservato nella Pinacoteca Vaticana. Esposta nella prima sala dedicata ai “Primitivi”, è forse l’opera che cattura maggiormente l’attenzione...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/05/Family_iPad_rid.jpg

Il ritratto, lungo i secoli della sua storia, ha mantenuto costante la perpetuazione e l’estensione dell’individuo nella società, rappresentando non soltanto il soggetto nelle sue fattezze realistiche o immaginarie, ma il carattere, le relazioni, gli ideali, i sentimenti e le evoluzioni di un’epoca, rapportandosi ad una cultura di appartenenza, traducendo in lineamenti e sguardi l’habitus mentale di una collettività. Nel ritratto confluiscono punti di vista e individualità personali che rivolgono lo sguardo allo spettatore, coinvolgendo...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/05/eqfefefef-1280x700.jpg

«Vivere è percorrere il mondo / attraversando ponti di fumo». La vita per Juan Rodolfo Wilcock si riassume in questi due versi. La fugacità dell’esistenza umana è sempre percepibile nei suoi scritti, in cui si mischiano visioni eteree di sogno e descrizioni di luoghi comuni e umani, quasi dolorosamente umani: «Che l’uomo si dimeni follemente o rimanga seduto in una poltrona, il risultato sarà alla fine sempre lo stesso: la sua vita sembrerà un sogno,...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/05/adcdddscsd.jpg

«Nel XVII secolo si scatenò, spietata e violenta, la lotta contro quegli esseri mostruosi e assetati di sangue che le cronache del tempo chiamavano vampiri». Così recita una voce narrante nel celebre prologo de La maschera del demonio (1960) di Mario Bava. Già nei primi 15 secondi, il film mette sul tavolo le carte che si appresta a rimescolare: un immaginario che fa riferimento soprattutto alla letteratura gotica ottocentesca, ai trattati e alle leggende popolari....

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/05/dfdfdefeesf-1280x700.jpg

Era il maggio del 1937 quando il pittore spagnolo Pablo Picasso (1881-1973) incominciò a lavorare a una delle opere che lo avrebbe consacrato agli occhi del mondo intero. Terminata in soli due mesi, nel giugno dello stesso anno, Guernica nacque in seguito a un evento che sconvolse la Spagna, all’epoca impegnata nella sanguinosa Guerra Civile che dilaniò il Paese tra il luglio del 1936 e l’aprile del 1939 e che vide coinvolti da un lato...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/05/dfedfefef.jpg

A 40 anni dall’uscita de Il Nome della rosa, la casa editrice La Nave di Teseo ne farà uscire una nuova edizione arricchita con i disegni inediti e gli appunti dell’autore. Un appuntamento da non perdere, dunque, per gli amanti di questo romanzo che ha avuto un incredibile successo internazionale, senza precedenti, tanto che in soli tre anni è stato tradotto in una ventina di lingue. Nato dal genio di Umberto Eco, nel romanzo confluisce...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/01/dvdgvrsgrger.jpg

Nella parte meridionale delle Marche, dove le esigenze culturali erano molto più tranquille che altrove, fiorì una civiltà pittorica in contrasto con le conquiste rinascimentali – tanto da avere aspetti nostalgici – che diede come prodotto principale il polittico in stile tardogotico. Proprio in questo ambiente, l’ormai maturo Giovanni di Piermatteo Boccati (Camerino 1419 circa -1486) realizzò il più grande polittico per estensione di superfice dipinta realizzato nel XV secolo in area marchigiana. Il polittico...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2020/05/5_a-deep-wound-690x513-690x360_copertina-1280x700.jpg

Nella densa e tangibile consapevolezza della fragilità e vulnerabilità del corpo, nell’equilibrio precario e nell’incertezza che guida questa esplicitata lotta per la sopravvivenza contro un intruso, un ospite che si insinua tacitamente nel nostro organismo, il contatto e lo scambio relazionale e fisico con il mondo è ciò di cui ci si priva per combattere il contagio, una contaminazione tattile di cui il nostro vivere sociale si nutre. L’isolamento conduce la riflessione al nostro interno, allo...