Home2019Settembre 2019 - La Citta Immaginaria

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/09/efefefew.jpg

«Certe cose si possono dire con le parole, altre con i movimenti. Ma ci sono anche dei momenti in cui si rimane senza parole, completamente perduti e disorientati, non si sa più che fare. A questo punto comincia la danza». Pina Bausch (Laurea Honoris Causa a Pina Bausch, Alma Mater Studiorum, Università degli Studi di Bologna, 25 novembre 1999, Facoltà di Lettere e Filosofia, Bologna 1999)   La danza nel mondo occidentale, da sempre, veicola...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/09/swfefew.jpg

Il 14 settembre si è inaugurato a Todi il Parco Sculture di Beverly Pepper, artista americana e tuderte d’adozione. Venti opere donate dall’artista alla città di Todi sono ora esposte permanentemente in questo percorso tra arte e natura: il parco, lungo il viale della Serpentina, collega il Tempio di Santa Maria della Consolazione al centro della città, arrivando fino alla chiesa di San Fortunato. Ogni scultura è stata scelta dall’artista per integrarsi intimamente con il...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/09/fefewf.jpg

La Casa Sperimentale Perugini di Fregene colpisce subitaneamente per il netto contrasto con gli edifici limitrofi. Avulsa dal tessuto urbano residenziale circostante, essa nacque come audace sperimentazione architettonica di tre architetti: Uga de Plaisant, Giuseppe Perugini e loro figlio, Raynaldo. Un mutevole e continuo esercizio stilistico, una sorta di Wunderkammer dove ogni componente della famiglia poteva divertirsi a proporre soluzioni ed artifici stravaganti, modificandone incessantemente il progetto in una libera e dinamica sperimentazione di forme...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/09/efefewfeww.jpg

«Lo sai che devi fare se non sono insieme a te, ascolta la canzone e tu sarai vicino a me. Ricordami, ora devo andare via, ripensa a me, sentendo questa melodia». Sono questi i dolcissimi versi della colonna sonora del cartone più sensibile e memorabile degli ultimi tempi, Coco (2017, di Lee Unkrich e Adrian Molina). Un vivacissimo tuffo nella cultura messicana, un ventaglio di colori e decorazioni che fanno da sfondo alla tradizione attenta...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/09/wfewgwgw.jpg

La terza Stanza venne realizzata tra il 1514 e il 1517, quando era adibita a sala da pranzo di Leone X Medici. All’epoca di Giulio II, tuttavia, veniva utilizzata per ospitare le riunioni del più alto tribunale della Santa Sede: la Segnatura Gratiae et Iustitiae, presieduto dal Pontefice. Anche questo ambiente, come i precedenti, era stato interessato dalla campagna decorativa antecedente all’arrivo di Raffaello, il quale decise infatti di lasciare inalterato il soffitto affrescato nel...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/09/scscsc.jpg

Domenica 15 settembre, alle ore 19:00, a Casa Sponge si apre Una questione di sguardi, personale di Beatrice Meoni con Sue Kenninghton e Phillippa Peckham, a cura di Milena Becci. L’esposizione è la terza mostra della stagione di Casa Sponge, Una goccia di splendore, e chiude la tre giorni del Progetto Traffic – Festival delle anime gentili. La mostra è un percorso visivo iniziato un anno fa tra le colline e i verdeggianti prati tra...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/09/fdbrrere-1280x700.jpg

È stata pubblicata lo scorso marzo dalla casa editrice Rizzoli l’opera prima della cantautrice Maria Antonietta, nome d’arte di Letizia Cesarini – classe 1987 – che ha esordito nel panorama italiano musicale nel 2012 con l’album Maria Antonietta prodotto da Dario Brunori (Brunori Sas). A seguito di altri due album (Sassi, 2014 e Deluderti, 2018) questa ragazza imperdonabile ha voluto rendere omaggio alle sue “sorelle maggiori”, come lei le ha definite; donne straordinarie (e per...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/09/cdavadvd-1280x700.jpg

Gli anni ’70 del cinema americano avevano dato la possibilità a voci fuori dal coro di poter esprimere se stesse; di riformare un sistema ormai superato con nuove intuizioni, senza necessariamente dover scendere a compromessi. Tra le voci più autorevoli di quella fiorente fase, si posiziona senz’altro quella di Robert Altman, noto perlopiù per le critiche pungenti ravvisabili in M*A*S*H (1970) e Nashville (1975), per l’innovativo noir Il lungo addio (The Long Goodbye, 1973) e...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/09/swqfewf.jpg

Quest’anno la Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia, giunta alla 76esima edizione, è stata infiammata dalle critiche. Forse come mai era successo fino ad ora. Polemiche e discussioni hanno accompagnato gli undici giorni della rassegna. Il problema è che queste controversie non solo non giovano al cinema, che in occasioni come Venezia dovrebbe essere il protagonista indiscusso, ma lo oscurano proprio. Ma andiamo per ordine. Alcune polemiche sono scoppiate poco prima che il Festival iniziasse,...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/09/wvevw.jpg

A due giorni dalla Giornata Mondiale per la Prevenzione del Suicidio una riflessione giunge tempestiva: ma davvero questa evenienza ha un’incidenza così marcata da rendere necessaria un’iniziativa annuale che ne richiami l’attenzione? Ebbene sì, le notizie in merito, confermate dal rapporto dell’Oms, non sono sicuramente rassicuranti se pensiamo che la stima attesti intorno ai 40 secondi l’intervallo in cui, nel mondo, se ne verifica uno; specie tra i giovani. L’iniziativa nasce affinché tutti i Paesi...