Home2019Settembre 2019 - La Citta Immaginaria

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/09/dfewfewfew.jpg

Dalla spuma del mare sale un fragore e già sono a terra: gli occhi ardenti iniettati di sangue e di fuoco, vibrando la lingua lambiscono la bocca con un sibilo. Sconvolti, esangui fuggiamo. Loro con termine sicuro muovono contro Laocoonte. E prima avvincono i due piccoli corpi dei figli e li stringono: morso più morso straziano quelle loro misere carni; poi afferrano il padre che accorre armato in aiuto e con spire immense l’avvolgono: due...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/09/wefefewfewf.jpg

La Fondazione Prada di Milano apre le porte all’Intelligenza Artificiale e lo fa attraverso l’alternativo e innovativo punto di vista di Training Humans, la prima mostra interamente dedicata all’esplorazione dei retroscena che compongono il modellamento e il perfezionamento costante di questi dispositivi. Frutto della collaborazione tra la professoressa Kate Crawford e l’artista e ricercatore Trevor Paglen, Training Humans – in esposizione fino al 24 febbraio 2020 – si presenta come un viaggio a ritroso nella...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/09/rgrgrgr.jpg

Per commemorare il quattrocentesimo anno dalla dipartita di Ludovico Carracci (1555–1619), Piacenza celebra l’artista con una serie d’iniziative che avranno come fulcro la Cattedrale di Santa Maria Assunta e Santa Giustina di Piacenza, la quale rappresenta uno dei più importanti esempi di architettura romanica in Italia, nonché un unicum nel contesto dell’architettura ecclesiastica italiana per particolarità strutturali. Si inizia con una mostra dal titolo Ludovico Carracci a Piacenza. L’arte della controriforma, che mira a far...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/09/scdadc.jpg

Paola è un’attrice italiana in fuga all’estero che, intervistata da un noto quotidiano, descrive la difficoltà di vivere in Italia facendo teatro: «Che lavoro fai veramente?», le chiedono ancora. A Mosca invece con facilità le si sono aperte le porte di un’accademia che l’ha resa una stimata regista, mentre il circuito italiano è chiuso e inserirsi è sempre più difficile. Si stupiscono i moscoviti della contorta capacità di noi italiani di ostacolare la valorizzazione delle...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/09/scsssw.jpg

Sardonico, elegante, a volte irriverente. Pungente, con un occhio lucido sulla realtà, profondo, assolutamente originale. Quando i maturandi del 2017 lo trovarono in prima prova, molti si chiesero: «Ma chi è costui?» e questo episodio gli ha gettato senz’altro un fascio di luce che prima aveva solo per alcuni lettori/studiosi di nicchia. Ma Giorgio Caproni, grande poeta del Novecento, va indagato ed esplorato in tutta la sua straordinaria poetica. Di seguito riportiamo tre delle sue...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/09/scscdc.jpg

Gli autori protagonisti degli ultimi floridi anni del cinema italiano, hanno saputo narrare con intelligenza stralci di storie; servendosi perlopiù di uno spietato realismo, interessati a delineare scorci quanto più verosimili di realtà posizionate ai margini della società e del tempo, spesso dimenticate ma essenziali per la storia del nostro Paese. Allo stesso modo, hanno tratteggiato personaggi ampiamente sfaccettati, il più delle volte calcando su delle determinate caratteristiche e affidandone l’interpretazione ai migliori attori del...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/09/acvdvdd-1280x700.jpg

Tanto si è già detto sul nono film di Quentin Tarantino C’era una volta… a Hollywood. Critica e pubblico si sono divisi tra chi ha amato il nuovo lavoro del regista americano e chi, invece, l’ha bocciato sonoramente. E sai che novità, verrebbe da dire, Tarantino ha sempre diviso le masse. O lo ami o lo odi si è sempre detto. Eppure per questo film bisogna fare un’eccezione. Chi scrive è una grande fan di...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/09/vdvdvdv.jpg

È Alfonso, il protagonista del primo romanzo di Italo Svevo, Una vita – scelto in luogo dell’altro titolo, poiché meno accattivante, Un inetto – ad inaugurare un tipo di personaggio, l’inetto appunto, che tornerà regolarmente nelle opere successive dell’autore. Si tratta dell’incarnazione della debolezza, dell’insicurezza psicologica, che lo rende «incapace alla vita». Pur nel frequente ricorso di questa figura nella letteratura di questi anni, l’inetto di Svevo non viene ritratto solo dal punto di vista...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/09/feeese.jpg

La storia di Roma, specialmente per quanto riguarda alcune chiese, ha in comune con Palazzolo Acreide molte relazioni storiche. Per esempio la Chiesa dei Siciliani o dell’Odigitria, che si trova in via del Tritone, ha una relazione storica con la Madonna dell’Odigitria, un tempo patrona di Palazzolo e venerata ancora oggi presso la chiesa di San Sebastiano. La chiesa dei Siciliani o di Santa Maria dell’Odigitria a Roma, venne fondata intorno a1 1593, quando alcuni...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/09/dvsavas.jpg

Il 18 ottobre 1951 un giovane artista invia una lettera a una gallerista di New York, presentandole una sua nuova serie di dipinti; Bob, l’autore, ha 26 anni, e sta cercando di farsi un nome sulla scena artistica statunitense: in pochi anni ci riuscirà. La serie che propone nella lettera è, però, uno dei suoi sforzi giovanili, a volte ingiustamente sottovalutato per importanza, sia all’epoca che oggi: infatti il giovane autore è Robert Rauschenberg e...