Home2019Luglio 2019 - La Citta Immaginaria

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/07/afewgewgrw.jpg

La Pinacoteca Capitolina rappresenta uno degli esempi più celebri del mecenatismo del governo pontificio del Settecento: è il risultato della politica culturale di papa Benedetto XIV, impegnata nella difesa del patrimonio artistico romano. Il celebre collezionista Silvio Valenti Gonzaga si interessò di acquisire due delle più importanti collezioni romane: quella Sacchetti e quella dei principi Pio. Tale mossa impedì la dispersione delle due prestigiose raccolte, unendo la tutela del patrimonio con l’intento didattico. Proprio a...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/07/srgrreherhe.jpg

Oggetti antichi, forme reiterate di utensili e manufatti, vegetali e cristalli, vecchie fotografie e pendenti di vetro rifondano anime di un passato che portano racchiuse storie perdute, la cui eco si incastona come labile solco negli occhi che le percorrono. Un’azione diretta e ferma sui materiali e la contemplazione di segni, manualità e pensiero, serialità e compiutezza di una forma unica ripetuta, presiedono al lavoro dell’artista che, attraversato nella sua formazione da morsure e incisioni...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/07/scssadsav.jpg

La curatela si professa l’arte di organizzazione e allestimento delle mostre, in grado di valorizzare le singole opere attraverso un’adeguata ubicazione, un’atmosfera organica e un dialogo con il pubblico. Il ruolo del curatore acquisisce autonomia e professionalità durante gli anni sessanta grazie a figure indipendenti e sperimentali come Seth Siegelaub, Pontus Hultén, Walter Hopps, ma soprattutto Harald Szeemann. Dopo aver ottenuto il dottorato di ricerca in storia dell’arte, archeologia e giornalismo presso l’università di Berna,...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/07/etfwetgfwewetgfw.jpg

Vario Avito Bassiano, noto ai più come Elagabalo – spesso indicato dalle fonti dell’epoca quale Pseudo-Antonino o Sardanapaolo – apparteneva a un’aristocratica e prestigiosa dinastia di re-sacerdoti siriani votati all’omonima divinità, “El-Gabal” (il Dio della Montagna), il “Sol Invictus” di Emesa, odierna Homs. Fu una personalità estremamente inquieta e stravagante; egli venne proclamato “imperator” dell’Urbe quattordicenne, grazie ai sottili intrighi politici orditi da Giulia Mesa, sorella della defunta imperatrice “filosofa” Giulia Domna, abile fautrice del riuscito...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/07/qaqasqs.jpg

Il “so di non sapere” socratico sembra l’unica frase sensata che un turista o un cittadino possa esclamare quando per l’ennesima volta scopre un inedito dettaglio di Roma. Il dettaglio in questione è un teatro che nel 1513 fu costruito sul Campidoglio ed ebbe una durata molto breve, di soli due giorni: il 13 e il 14 settembre. Quei due giorni furono però fatali per consacrarlo come il primo edificio teatrale d’epoca moderna. Fu realizzato per...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/07/axAAca.jpg

Di Plotino, erede di Platone e padre del neoplatonismo, possediamo informazioni biografiche che ci vengono per la maggior parte dalla Vita di Plotino, composta da Porfirio come prefazione agli Enneadi, gli unici scritti di Plotino. L’informazione sul suo luogo di nascita, Licopoli (in Egitto), si deve alla Suda. Porfirio riteneva che Plotino, suo maestro, avesse sessantasei anni quando morì nel 270 d.C., nel secondo anno di regno dell’imperatore Claudio II, il che ci fa presumere che fosse nato...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/12/Tommaso-Landolfi.jpg

Il gioco fra elementi reali e surreali (se non grotteschi), fra discettazioni filosofiche e viva ironia è l’esercizio letterario tipico di uno scrittore novecentesco: Tommaso Landolfi. Collaborando ad alcune riviste, esordisce con il Dialogo dei massimi sistemi, una raccolta di sette racconti che descrivono situazioni imprevedibili e inspiegabili. Lo stesso avviene ne La pietra lunare, un romanzo in cui si evince il senso di paura e di orrore dell’uomo nei confronti del mondo e che l’autore...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/07/swfqefqefew.jpg

Il 27 luglio 1989 ci lasciava Paola Masino, sublime scrittrice del Novecento; ci sarebbe molto da dire, ma preferiamo omaggiarla nel ricordo di un suo racconto intitolato Allegoria prima, presente nella raccolta Racconto grosso e altri, in cui Paola mostra il proprio concetto di amore attraverso una storia apparentemente – e in parte – autobiografica, ma aperta verso significati altri. Protagonisti della storia sono Albo e Melania, uniti in un amore che è totalizzante. Essi...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/07/asswfwqfq.jpg

Quelli tra la metà dei ’60 e la fine dei ’70 sono stati acclamati come anni d’oro per la cinematografia americana. In un periodo di crisi – dovuto soprattutto all’avvento della TV – i produttori avevano scelto di rischiare e puntare su quei giovani cineasti che, ispirandosi al cinema europeo e agli accadimenti sociali e politici che li circondavano, costituivano vere e proprie sorgenti inesauribili di idee. Molti individuano ne Il laureato (The Graduate, 1967)...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/07/advdevevde.jpg

Il diluvio universale e l’arca salvifica non è tema esclusivo della Bibbia, ma è soggetto di molte tradizioni e miti orientali e greci dall’origine antichissima. Tutti i miti e le tradizioni religiose identificano la furia delle acque, scatenate dall’ira delle divinità nei confronti dell’uomo, come elemento di demarcazione di un prima e di un dopo evolutivo, significativo per la storia dell’umanità. Le prime raffigurazioni dell’arca, seguendo il suo vero significato etimologico, la presentano come uno...