Home2019Aprile 2019 - La Citta Immaginaria

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/04/scscw.jpg

Un uomo si risveglia in un corpo che non è il suo. Urla un nome, Anna, ma ignora chi sia la donna e perché lo stia facendo. Non ricorda neanche il suo stesso nome, né dove si trovi. È mattina e la foresta che lo circonda è fitta e battuta dalla pioggia. L’uomo si inoltra al suo interno in cerca di risposte, ma ad attenderlo troverà altre domande: la donna che viene uccisa davanti ai...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/04/asds.jpg

La Danaide è una scultura di Auguste Rodin realizzata nell’anno 1889 e oggi conservata al Museo Rodin di Parigi. Secondo la mitologia greca le Danaidi, figlie del re Danao, vennero costrette a sposare i propri cugini, figli del fratello rivale Egitto. Nel giorno della festa nuziale Danao, consapevole che Egitto stesse tramando alle sue spalle, fece giurare alle donne di uccidere i novelli mariti durante la notte di nozze. Nell’Ade le perfide mogli verranno condannate...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/04/sacascvasvasdvas.jpg

Il 6 aprile 2019 presso il Victoria and Albert Museum di Londra è stata aperta al pubblico la mostra dedicata esclusivamente a Mary Quant. Fino al 16 febbraio 2020 sarà finalmente possibile vedere coi propri occhi i risultati di un tentativo disperato, quanto efficace, della curatrice Jenni Lister che, con il lancio dell’hashtag #wewantMary, esortava chi avesse ancora dei pezzi della linea della Quant a farsi avanti e a metterli a disposizione del museo per...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/04/defewfewgww.jpg

Entrare nello studio di un artista è sempre una scoperta, un percorso intenso e a volte vorticoso verso l’altro e i suoi spazi fisici e mentali. L’incontro con Davide Dormino nel suo studio al Pigneto è un viaggio all’interno dei materiali della scultura, del disegno, di una metrica corporea che si spinge sempre oltre la legge fisica, la resistenza dei materiali, i limiti dell’equilibrio e che pure di queste si serve per tradurre l’inesplicabile coincidenza...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/04/dsvevgewgewgewgeww.jpg

L’applauso è per sua natura un gesto fragoroso e improvviso in quanto ha origine dal latino plodere (esplodere). Oggi però non ci scandalizza l’esistenza di applausi comandati – o chiamati – soprattutto in un contesto televisivo in cui è facile dubitare perfino della genuinità dell’aria che si respira. Poche settimane fa un esponente politico, durante una trasmissione tv, ha con tono critico chiesto al pubblico come mai non avesse ancora applaudito, volendo sottolineare così l’assenza...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/04/trgtrgw.jpg

Fino al 30 giugno il Palazzo delle Esposizioni ospita la mostra Il corpo della voce. Carmelo Bene. Cathy Barberian, Demetrio Stratos. Francesca Rachele Oppedisano e Anna Cestelli Guidi sono a capo del progetto espositivo che comprende ben 120 opere. Alla base dell’intera esposizione le avanguardie artistiche del Novecento che hanno infranto il legame tra la parola e la sua dimensione sonora. Per rappresentare tutto questo sono state utilizzate le opere di tre grandi protagonisti: foto,...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/04/scadvdsvsgvsgswwedfafae.jpg

Il 14 aprile 1912 nasce a Gentilly, sobborgo di Parigi, quello che sarà uno dei più grandi fotografi del Novecento francese, Robert Doisneau. Insieme ad Henri Cartier-Bresson è il fondatore del fotogiornalismo di strada e uno degli esponenti maggiori della corrente “umanista” della fotografia. Nel corso della sua vita lavora con Renault e Vogue, ma la sua vera vocazione è fotografare la vita reale, quella per strada. Nessuno ha saputo cogliere meglio di lui l’anima...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/04/dgsgesgwe-1280x700.jpg

Nato a Biella nel 1924, Armando Crispino appartiene alla generazione di cineasti italiani che hanno esordito nei primi anni Cinquanta, nonostante egli debba attendere il decennio successivo per avere l’occasione di passare alla regia dopo molta gavetta sui set di autori quali Luigi Comencini, Pietro Germi e Antonio Pietrangeli. Con quest’ultimo poi instaura quasi un rapporto di maestro-allievo lavorando come aiuto regista per ben cinque pellicole del collega appena più anziano, da Lo scapolo (1956)...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/04/sdgesgewgw-1280x700.jpg

Festeggia l’ottava edizione la rassegna A qualcuno piace classico, appuntamento imperdibile per gli amanti del cinema e non solo, ospitata fino al 28 maggio presso il Palazzo delle Esposizioni di Roma. La formula rimane la stessa degli scorsi anni e non cambia nemmeno l’obiettivo che resta quello di dare luce e visibilità alle opere del passato: 15 sono i capolavori riproposti in pellicola 35mm, protagonisti illustri i registi che hanno fatto la storia del cinema,...

https://lacittaimmaginaria.com/wp-content/uploads/2019/04/safaefaefw-1280x700.jpg

«Si muore ancora di guerra, non certo d’amore», Agosto «Riprendiamola in mano, riprendiamola intera, riprendiamoci la vita, la terra, la luna e l’abbondanza…», Ho visto anche degli zingari felici     Perché Claudio Lolli è da considerarsi maestro, anche se di maestri veri e propri vale sempre la pena chiedersi se debbano essercene davvero (e soprattutto se proprio a loro, i veri Maestri, il termine non darebbe più fastidio che altro)? Perché in lui c’era...